Aprile 23, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

I ricercatori lanciano l’allarme: le ondate di caldo stanno diventando più intense in tutto il mondo

I ricercatori lanciano l’allarme: le ondate di caldo stanno diventando più intense in tutto il mondo

I ricercatori lanciano l’allarme
Le ondate di caldo stanno diventando sempre più intense in tutto il mondo

Ascolta il materiale

Questa versione audio è stata creata artificialmente. Maggiori informazioni | Invia la tua opinione

I cambiamenti climatici indotti dall’uomo stanno causando un aumento delle temperature. E non è solo il numero delle ondate di caldo che stanno aumentando in tutto il mondo. Un nuovo studio mostra che gli eventi meteorologici estremi durano sempre più a lungo e più lentamente, “con impatti sempre più devastanti sui sistemi naturali e sociali”.

Le grandi ondate di calore durano più a lungo e si spostano sempre più lentamente sulle terre emerse. Questo è ciò che hanno concluso gli scienziati cinesi e americani analizzando i dati delle osservazioni meteorologiche dal 1979 al 2020. Utilizzando simulazioni al computer basate sui dati, i ricercatori hanno anche dimostrato che l’aumento dei gas serra nell’atmosfera causato dall’uomo gioca un ruolo importante in questo sviluppo.

“Se le emissioni di gas serra continueranno ad aumentare, ondate di caldo contigue di grandi dimensioni, di lunga durata e di durata più lenta avranno impatti più devastanti sui sistemi naturali e sociali in futuro”, ha scritto il gruppo guidato da Ming Luo dell’Università Sun Yat-sen di Guangzhou. Nella rivista specializzata “Advancement of Science”.. Lu e i suoi colleghi hanno valutato tre grandi serie di dati basati su osservazioni meteorologiche, per lo più via satellite. L’analisi globale ha incluso gli anticicloni che hanno causato ondate di caldo su un’area di almeno 1 milione di chilometri quadrati, circa il doppio della Spagna.

Dal 1979 al 1983 si sono verificate in media 75 ondate di caldo all'anno, ma tra il 2016 e il 2020 se ne sono verificate 98. E non solo: anche la superficie media colpita a livello mondiale è aumentata di 952mila chilometri quadrati ogni decennio.

Le alte latitudini dell’emisfero settentrionale sono particolarmente colpite

E non è tutto: la durata media globale di un’ondata di caldo è stata di 8 giorni tra il 1979 e il 1983, e di 12 giorni tra il 2016 e il 2020. Il tasso di aumento è stato particolarmente elevato in Europa e in Asia, raggiungendo 1,15 giorni per decennio. All’inizio del periodo di studio, la velocità media con cui si muovevano le ondate di caldo era di circa 350 chilometri al giorno. A seconda dei dati, è diminuito ad un ritmo di circa 7-9 chilometri al giorno per decennio.

Il blocco atmosferico sta diventando più comune, soprattutto nelle regioni ad alta latitudine dell’emisfero settentrionale, dove un’area di alta pressione che raggiunge quote elevate impedisce la deriva dei soliti venti occidentali, ha scritto il team di Luo. Le zone di bassa pressione che si muovono con i venti occidentali devono muoversi attorno all'alta stabile.

Gli scienziati hanno utilizzato i dati anche per eseguire simulazioni in un modello climatico (CMIP6; Coupled Model Intercomparison Project). La diminuzione della velocità di picco delle ondate di caldo in queste simulazioni con livelli crescenti di gas serra nell’aria è stata di 8,43 km al giorno in un decennio, il doppio rispetto alle simulazioni guidate in modo naturale (4,18 km al giorno). Da ciò i ricercatori concludono che il cambiamento climatico provocato dall’uomo contribuisce in modo significativo al rallentamento delle ondate di calore.