Dicembre 7, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

I resti di 8000 vittime naziste furono scoperti vicino ai campi di concentramento

Non è chiaro quante persone siano morte nel campo di concentramento tedesco di Soldau. Ora sono stati trovati i resti di migliaia di persone.

Circa 17,5 tonnellate di resti umani delle vittime dell’occupazione nazista sono state trovate vicino a un ex campo di concentramento tedesco in Polonia. Tomas Jankowski dell’Istituto polacco della memoria (IPN) ha detto mercoledì che le persone sono state uccise “probabilmente intorno al 1939” e appartenevano all’élite polacca.

Le ceneri delle vittime naziste sono state trovate in una zona boscosa di Ilowo-Osada, 150 chilometri a nord di Varsavia e vicino all’ex campo di concentramento nazista Soldau nella Prussia orientale. Camp Soldau fu costruito durante l’occupazione tedesca della Polonia nella seconda guerra mondiale. Serviva come campo di transizione, ma anche come campo di concentramento e sterminio per oppositori politici del nazionalsocialismo, membri dell’élite polacca ed ebrei.

Nel 1944, i prigionieri ebrei dovettero scavare e bruciare i corpi dei prigionieri per nascondere le tracce dei crimini di guerra tedeschi.

Il numero delle vittime è determinato dal peso delle ceneri

È ancora difficile determinare il bilancio delle vittime a Soldao oggi e le stime indicano il bilancio delle vittime a 30.000. Un rappresentante dell’IPN Jankowski ha affermato che i resti che sono stati scoperti ora “ci consentono di dire che qui sono morte almeno 8.000 persone”. Il numero è determinato dal peso della cenere presente. Due chilogrammi di ceneri umane corrispondono a un cadavere.