Novembre 29, 2021

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

I produttori bloccano le donazioni: milioni di dosi di vaccino sono a rischio di distruzione


esclusivo

Stato: 29 ottobre 2021 14:15

La Germania ha troppi vaccini contro il corona. Nell’ambito dell’iniziativa Covax, il governo federale vuole donare vaccini ai paesi poveri. Ma il progetto fa presagire un fallimento a causa dei produttori.

Il governo federale teme che la Germania dovrà presto distruggere grandi quantità di vaccini contro il coronavirus. In effetti, questi vaccini sono stati annunciati come parte di Iniziativa Kovacs Donare: i vaccini in eccesso non possono più essere vaccinati in questo paese, ma sono assolutamente necessari altrove. Entro la fine dell’anno, la Germania aveva promesso 100 milioni di dosi di vaccino – ma finora sono state donate solo 19 milioni di dosi – vaccini del produttore AstraZeneca. Il motivo: altri produttori di vaccini sembrano imporre condizioni che rendono impossibile passare rapidamente i vaccini ai paesi poveri.

Il governo federale critica i produttori di vaccini

È quanto emerge da una lettera del ministro degli Esteri Thomas Stephen del Ministero federale della sanità alla Commissione dell’Unione europea, ARD Policy Journal Contraddizioni Regalo. Nella lettera del 18 ottobre, Stephen ha criticato il comportamento dei produttori di vaccini, che non riguarda solo la Germania: “Presto affronteremo una situazione in cui alcuni paesi dovranno distruggere altrove grandi quantità del tanto necessario vaccino”.

I produttori beneficiano di clausole nei contratti

I contratti stipulati dalla Commissione dell’Unione Europea con i produttori di vaccini lo scorso anno danno alle aziende un veto di fatto per trasferire i vaccini a paesi terzi. I produttori devono accettare i relativi contratti di vendita.

Alcune aziende sembrano approfittare di questa costruzione senza restrizioni: i produttori possono “applicare prezzi minimi” o chiedere “indennizzi eccessivi” dai destinatari, come critica il Segretario di Stato Stephen. È anche “inaccettabile” che si tenti di impedire la distribuzione di vaccini da parte di organizzazioni internazionali. Nei paesi africani beneficiari, organizzazioni internazionali come Medici Senza Frontiere partecipano alla campagna di vaccinazione.

READ  Fondatore di Innocent Meat: "La carne dovrebbe essere fatta in modo diverso"

Gli interessi commerciali impediscono le donazioni di vaccini

Il prezzo minimo oi pagamenti di compensazione devono essere pagati in aggiunta al prezzo che i paesi dell’UE hanno concordato contrattualmente per ottenere i vaccini. Per una dose di vaccino del produttore Moderna, ad esempio, l’Unione Europea avrebbe pagato circa 19 euro. Secondo gli addetti ai lavori, lo sfondo alle esigenze finanziarie aggiuntive sono gli interessi commerciali: qualsiasi dose che viene donata gratuitamente dalla Germania all’Africa, ad esempio, non può più essere venduta lì, nemmeno a un prezzo inferiore.

Anche il redditizio mercato di vendita dei vaccini di richiamo in Europa si ridurrà, almeno dal punto di vista di Moderna: meno tedeschi riceveranno il primo e il secondo vaccino con Moderna, minore sarà il mercato del richiamo nella ricca Germania. . Secondo l’approvazione, i vaccini mRNA sono stati finora “potenziati” dallo stesso vaccino.

Moderna non ha ancora accettato la divulgazione

per ricerca Contraddizioni L’azienda statunitense Moderna in particolare sta attualmente affrontando una sezione trasversale: mentre sono stati firmati accordi quadro tra Covax e BioNTech/Pfizer e tra Covax e Johnson & Johnson, secondo il Dipartimento federale della sanità, l’accordo di erogazione con Moderna è ancora in negoziazione.

Non è chiaro quali importi siano richiesti per questi pagamenti di compensazione. Il segretario di Stato Stephen ha parlato solo di richieste “eccessive” nella sua lettera. Anche l’importo dei “prezzi minimi” richiesti non è generico. Un comunicato stampa del produttore statunitense Moderna del 12 ottobre può fornire un’indicazione della scala: si dice che l’iniziativa Covax ha pagato in media meno di dieci dollari (8,58 per dose) e che una terza vaccinazione per circa cinque dollari (4,29 euro) verrebbe offerto.

READ  Tuttavia, le vendite aumentano: le azioni MorphoSys calano drasticamente: MorphoSys rimane in rosso | newsletter

Milioni di lattine inutili

Il Dipartimento federale della sanità vuole far passare 50 milioni di dosi di presunti vaccini vettoriali di AstraZeneca e Johnson & Johnson, nonché 50 milioni di dosi di vaccini mRNA dei produttori Biontech/Pfizer e Moderna. Secondo la lettera del Segretario di Stato Stephen, a novembre verranno erogate dieci milioni di dosi del vaccino Biontech/Pfizer.

Inoltre, il Ministero federale della salute vorrebbe fornire circa 40 milioni di dosi di vaccino dal produttore Moderna, perché secondo le previsioni di consegna del ministero, la Germania dovrebbe ricevere fino a 47 milioni di dosi di vaccino da Moderna nel quarto trimestre. Per precauzione, la consegna è stata concordata contrattualmente nel 2020. Ma queste lattine non sono certamente più necessarie in questo paese.

Non ci sono informazioni dai produttori

Contraddizioni Chiedi un parere al nostro moderatore. Tuttavia, l’azienda statunitense non ha risposto a domande specifiche. Moderna ha affermato solo che la società “non potrebbe, in linea di principio, commentare potenziali o effettive discussioni in corso con le autorità e le agenzie governative”. Johnson & Johnson non ha risposto a nessuno ContraddizioniUna domanda. BioNTech non ha risposto alla domanda se anche le società Biontech/Pfizer richiedono pagamenti e, in caso affermativo, quale importo è stato assegnato per tali pagamenti. La società con sede a Magonza fa invece riferimento al Ministero Federale della Sanità.