Maggio 24, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

I prigionieri di guerra si pentono del loro dispiegamento: “Ci rendiamo conto di non essere i bravi ragazzi”

I prigionieri di guerra si pentono del loro dispiegamento: “Ci rendiamo conto di non essere i bravi ragazzi”

I prigionieri di guerra rimpiangono il loro dispiegamento
Ci rendiamo conto che non siamo i bravi ragazzi.

Durante il loro contrattacco, molti soldati russi furono catturati dalle forze ucraine. Hanno confermato in un rapporto voci di squadre d’assedio russe e altre pratiche disumane da parte della leadership militare russa. Vogliono evitare uno scambio di prigionieri – per paura dei propri cittadini.

Tutto è stato tranquillo per due giorni, poi improvvisamente è iniziata l’offensiva vicino a Wielika Novoselka, una piccola città a circa 100 chilometri a sud-ovest di Donetsk, nell’Ucraina orientale. “Era caotico”, dice Anatoly. “C’erano spari ovunque e tutti correvano. Ho cercato di trovare il nemico nel campo davanti a noi, ma non ho visto nessuno. Pochi minuti dopo, gli ucraini hanno fatto irruzione nella nostra posizione e hanno lanciato granate nella nostra trincea. «Mi arrendo!» disse. mi arrendo!” chiamato.

Altri cinque uomini nella trincea sono già morti a questo punto, incluso il suo migliore amico Georgy, spiega Anatoly. Ha combattuto con l’esercito russo in Ucraina ed è stato arrestato da unità ucraine pochi giorni fa. Nel giornale di Wall Street Lui e altri prigionieri di guerra raccontano le loro esperienze. I giornalisti di un quotidiano americano li hanno visitati in un campo di prigionia improvvisato nella città ucraina di Kramatorsk, vicino al fronte. I corrispondenti parlano di un flusso costante di nuovi prigionieri che arrivano ogni giorno.

Origini diverse, relazioni simili

Secondo il Wall Street Journal, tra gli arrestati c’erano soldati regolari dell’esercito russo, oltre a coscritti e mercenari. Molti di loro appartengono a minoranze russe della Siberia. Tra loro ci sono i residenti della città russa di San Pietroburgo sul Mar Baltico e Vladivostok dall’altra parte del paese sull’Oceano Pacifico.

Le origini degli uomini sono tanto varie quanto i loro detti: descrivono il morale delle truppe russe come povero, le loro vite come inutili e loro stessi come vittime della propaganda russa.

“Ci è stato detto che l’Ucraina è cattiva. Le persone qui dovrebbero essere naziste. L’abbiamo sentito ovunque”, ha detto Anatoly, che ha lavorato come operaio edile nel sud della Siberia prima di arruolarsi volontario nell’esercito russo per prestare servizio nel paese vicino. . Molti amici e conoscenti lo avrebbero fatto.

“Ci sparano!”

Anche Anton è andato in guerra volontariamente, dice. A differenza di Anatoly, apparteneva all’unità paramilitare “Storm Z”, composta principalmente da prigionieri: Anton fu arruolato in guerra in prigione e attirato con la prospettiva della grazia se avesse combattuto in Ucraina per sei mesi. L’ex soldato era in carcere per traffico di droga.

Secondo lui, è dubbio che Anton sarebbe tornato in Russia da uomo libero. All’inizio di marzo, è stato ferito così gravemente da schegge agli arti e alla testa che un medico lo ha dichiarato inabile al lavoro. Tuttavia, il suo comandante ha rimandato lui e gli altri combattenti feriti al fronte, ha detto al Wall Street Journal.

Si diceva anche che una ritirata tattica fosse vietata dai loro comandanti: le cosiddette squadre di blocco stavano aspettando dietro di loro, a cui era stato ordinato di sparare. Dopo che i proiettili ucraini lo hanno colpito prima alla gamba e poi al braccio a Wielica Novoselka, Anton si è arreso comunque. “Se torniamo indietro, ci spareranno!” Presumibilmente, ha chiamato le unità ucraine. In cattività, dice, ora sta iniziando a rendersi conto che “non siamo dalla parte dei buoni in questa guerra”.

“Non è venuto nessuno”

Anche la vita della recluta Dmitry dall’Estremo Oriente russo non sembrava significare molto per i suoi comandanti. Descrive la sua unità, che era di stanza a sud di Wielica Novoselka, come scarsamente addestrata ed equipaggiata. Ha ricevuto solo brevi armi e addestramento di primo soccorso prima di essere inviato in prima linea. Una volta lì, gli equipaggi dei carri armati e altre attrezzature pesanti scarseggiavano. Così è il suo sostituto: “A un certo punto abbiamo scoperto nei nostri documenti che avremmo dovuto essere sostituiti un mese fa, ma non è venuto nessuno”.

La maggior parte dei prigionieri di guerra russi non dovrebbe rimanere a lungo in Ucraina. L’esercito ucraino vuole sostituirli il prima possibile con le loro truppe che sono in cattività russa. I combattenti come Dmitry vogliono impedirlo se possono: temono che le forze di sicurezza russe come l’FSB possano punirli o ucciderli se tornano vivi dall’Ucraina.