Maggio 20, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

I prezzi sono leggermente rimbalzati: il DAX è ancora in pericolo


Rapporto di mercato

Stato: 03/05/2022 12:29

Il contesto del mercato azionario è ancora molto difficile. Tuttavia, i prezzi sono riusciti a recuperare entro mezzogiorno. Domani è in arrivo un importante stress test.

A mezzogiorno, l’indice DAX con i suoi 14.000 punti tondi soffre. L’aumento è attualmente dello 0,3 per cento. Le specifiche dall’America erano positive: in un recente boom, il Dow Jones è salito in territorio positivo e ha chiuso in rialzo dello 0,3%. Le azioni Nasdaq Tech sono rimbalzate dell’1,6%. Oggi non ci sono stati scambi a Tokyo e Shanghai a causa dei giorni festivi.

Secondo Martin Ochneider della Donner & Reuschel Bank, l’indice principale della Germania conta ancora: “La tendenza alla recessione rimane la questione economica che getta un’ombra su di noi”. La tendenza al ribasso del DAX iniziata all’inizio dell’anno rimane invariata. “Per un allentamento evidente e sostenibile, il DAX deve superare i 14.980 punti”, ha affermato l’analista. Per avere una prospettiva migliore, l’indicatore dovrebbe raggiungere quasi 1000 punti.

Tutti gli occhi sono puntati sulla Federal Reserve

Inizia oggi la due giorni di riunione del comitato di politica monetaria della Federal Reserve statunitense, i cui risultati saranno pubblicati domani sera. Un aumento significativo dei tassi di interesse di mezzo punto percentuale è considerato concordato dai partecipanti al mercato. Da settimane gli investitori speculano sull’entità e sul ritmo dei prossimi aumenti dei tassi di interesse. Alla luce dell’economia globale vacillante, il tema è particolarmente esplosivo. Tuttavia, i mercati azionari sono spesso grati per una maggiore chiarezza. Sul mercato obbligazionario, il rendimento dell’obbligazione a 10 anni è salito in mattinata a circa l’1%.

I prezzi alla produzione stanno aumentando a velocità record

Nel frattempo, le pressioni inflazionistiche restano significative. I prezzi dei produttori dell’Eurozona sono aumentati a un ritmo senza precedenti a marzo a causa dell’esplosione dei costi nel settore energetico. I prezzi alla produzione nel settore sono aumentati del 36,8% rispetto allo stesso mese dell’anno scorso, secondo l’ufficio statistico Eurostat. Gli economisti intervistati da Reuters si aspettavano un aumento leggermente più debole. A febbraio, l’aumento era ancora del 31,5 percento, anche un aumento record.

La guerra in Ucraina rallenta i produttori di macchine

A marzo, per la prima volta dall’inizio del 2021, i produttori di macchine tedeschi hanno ricevuto meno ordini rispetto allo scorso anno. Le richieste in arrivo sono diminuite del quattro percento. “È probabile che la mancanza di ordini di acquisto o addirittura la cancellazione di ordini da Russia e Ucraina abbia portato a questo ritiro, oltre a una maggiore riluttanza all’acquisto da parte degli investitori agitati”, ha spiegato Ralph Witchers, capo economista di VDMA. Ci saranno anche problemi di filiera, che stanno tornando ad aumentare, e l’alto valore comparativo a marzo 2021.

READ  Tanti nuovi modelli: compreresti un'auto elettrica nel nuovo anno?

L’euro tenta di stabilizzarsi

L’euro si sta stabilizzando sopra la soglia di $ 1,05. Il Dati attuali sul mercato del lavoro dalla Germania E sostenere un po’ l’area dell’euro. Tuttavia, il minimo quinquennale colpito la scorsa settimana è ancora vicino. Le aspettative sui tassi di interesse statunitensi continuano a sostenere il dollaro e ad influenzare la valuta comune.

La Cina frena i prezzi del petrolio

I lockdown in Cina, che si stanno nuovamente stringendo, stanno bloccando anche le prospettive economiche e stanno lasciando il segno sui mercati delle materie prime in particolare. Il prezzo del petrolio Brent del Mare del Nord sta scendendo leggermente a mezzogiorno. Di recente, 21 milioni di persone sono state messe in quarantena a Pechino e il porto di Shanghai è stato completamente chiuso.

Deutsche Post è ancora in rialzo

I dati incoraggianti arrivano dalla Deutsche Post. Il gruppo DAX è ancora sulla strada della crescita anche dopo l’anno record 2021. Vendite da gennaio a marzo Dal 19,8 per cento a 22,6 miliardi di euro, ha detto il giornale in mattinata. Il risultato operativo (EBIT) è aumentato da 1,9 a 2,2 miliardi di euro. Il gruppo ha confermato i suoi obiettivi per il 2022. Il boom del commercio online e l’aumento del commercio globale hanno spostato Deutsche Post da un record all’altro in passato. Sebbene il business dei pacchi abbia subito un rallentamento, il business dei trasporti espressi e del trasporto merci è stato in grado di crescere.

Covestro deluso

Il titolo più debole di DAX è Covestro fino a mezzogiorno. L’aumento dei costi e la chiusura del coronavirus in Cina hanno frustrato i piani del produttore di materie plastiche per quest’anno. Per il 2022 Covestro prevede ora un risultato operativo (Ebitda) compreso tra 2,0 e 2,5 miliardi di euro. Finora, il gruppo ha previsto un calo dell’utile operativo tra 2,5 e 3,0 (anno precedente: 3,1) miliardi di euro. Gli analisti avevano recentemente previsto una media di 2,7 miliardi di euro. Tuttavia, nel primo trimestre Covestro è riuscita ad aumentare significativamente le vendite da 3,3 a 4,68 miliardi di euro. L’utile netto è stato di 416 milioni di euro dopo i 393 milioni di euro del primo trimestre 2021.

READ  La fabbrica di Shanghai va avanti: Tesla quasi raddoppia le spedizioni

Avvertimento sul profitto di Dürr

Dor ha anche emesso un avviso di guadagno la scorsa notte. Il produttore di impianti svevo di MDAX anticipa i problemi della catena di approvvigionamento entro la fine dell’anno e abbassa le sue previsioni. Per il 2022, il Consiglio di amministrazione prevede ora un margine EBIT (risultato operativo in relazione alle vendite) prima degli articoli speciali dal 5,0 al 6,5% invece del precedente 6,5-7,5%. Nel 2021, il margine era del 5,6% e nel primo trimestre del 2022 era del 4,9%, ha annunciato il produttore di sistemi di verniciatura per l’industria automobilistica. Nel secondo trimestre, le chiusure in Cina influenzeranno vendite e profitti.

Numeri Uniper distorti a causa della trasformazione del business

L’Uniper inizia male quest’anno. Perché il gruppo MDAX ha inizialmente deciso di lasciare in deposito il gas venduto in anticipo. Invece, Uniper ha acquistato il gas dal mercato e lo ha consegnato. Il gruppo ha calcolato che il prezzo del gas sarebbe salito nuovamente nel secondo e nel terzo trimestre. Secondo i dati consuntivi, una perdita prima di interessi e tasse (EBIT) rettificata per effetti speciali è stata di 829 milioni di euro nel primo trimestre, dopo un aumento di 731 milioni di euro. La linea di fondo è stata meno di poco più di 3,1 miliardi di euro. Nello stesso trimestre dell’anno precedente, il gruppo ha generato 842 milioni di euro. Il CFO Tina Tomilla ha sottolineato ancora una volta che si tratta di un’inversione di tendenza nei profitti, non di un fallimento. Di conseguenza, il management può confermare la previsione per l’esercizio in corso. Dall’inizio di marzo era chiaro che i servizi di pubblica utilità dovevano cancellare l’intero prestito del gasdotto Nord Stream 2 del Mar Baltico. Questo effetto si è verificato anche nel primo trimestre.

Lo spazio di Pfeiffer cresce a tassi a due cifre

Dopo una forte crescita nel primo trimestre, il produttore di pompe per vuoto Pfeiffer Vacuum si impegna a raggiungere i suoi obiettivi annuali. Nel primo trimestre, le vendite sono aumentate di circa il 13% a 216 milioni di euro, superando per la prima volta i 200 milioni di euro. L’utile prima degli interessi e delle tasse (EBIT) è aumentato di quasi il 39 percento a 31,3 milioni di euro, aumentando il margine al 14,5 percento – un anno prima la cifra era dell’11,8 percento. “La domanda per i nostri prodotti e servizi a banda larga è rimasta a un livello senza precedenti”, ha affermato il CEO Britta Jessen. Le catene di approvvigionamento tese sono rimaste la “sfida più grande”.

READ  Fury: un terribile incidente sulla A8: un uomo è sceso dall'auto e si è schiantato contro un camioncino

Stellantis acquista servizi di car sharing da BMW e Mercedes

BMW e Mercedes-Benz stanno vendendo la loro controllata di car sharing Share Now al gruppo automobilistico italo-francese Stellantis. Si è convenuto di non rivelare il prezzo di acquisto. Le società tedesche hanno affermato che BMW e Mercedes-Benz ora vogliono espandere il loro servizio di ricarica condiviso per auto elettriche Charge Now e la loro app Free Mobility Now. Si tratta di due aree centrali di business ad alto potenziale di crescita.

BP con un miliardo di perdite nonostante il successo operativo

BP ha realizzato molti più profitti del previsto a causa dell’aumento dei prezzi del petrolio. Dopo aver aggiustato gli effetti speciali, BP ha guadagnato 6,25 miliardi di dollari nel primo trimestre. Questo è più del doppio rispetto all’anno precedente. A causa della svalutazione della sua partecipazione nella compagnia petrolifera russa Rosneft e del suo ritiro dalle attività russe, il risultato finale è stato una perdita di $ 20,4 miliardi dopo un profitto di 4,7 miliardi l’anno precedente. Come nel trimestre precedente, BP intende pagare un dividendo di 5,46 centesimi di dollaro per azione.

Scout24 segnala un aumento delle vendite

Dopo il più forte aumento delle vendite trimestrali degli ultimi anni, il mercato immobiliare online Scout24 (Immoscout24) è un po’ più ottimista riguardo all’anno in corso. Il consiglio è soddisfatto della sua nuova strategia di concentrarsi maggiormente sui prodotti basati sulle transazioni. Nel primo trimestre, MDAX ha generato vendite per quasi 108 milioni di euro, circa il 15% in più. Il risultato operativo (Ebitda) è aumentato del 6,5 per cento a 58,6 milioni di euro. Al netto delle tasse, invece, Scout24 ha guadagnato quasi il 18% in meno rispetto a un anno fa con 20 milioni di euro. Ciò era dovuto ai risultati degli investimenti più deboli.

L’acquisto speculativo spinge le azioni Adler

A SDAX, le azioni di Adler Group si stanno riprendendo in modo solido dopo ieri Prezzi più bassi a causa del rifiuto di convalidare i dati annuali. In un turno con gli analisti, la società in difficoltà voleva fornire un aggiornamento sulle sue transazioni immobiliari oggi. Un trader ha avvertito che il titolo comportava ancora rischi significativi.