Maggio 24, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

I ministri degli Esteri dell’Unione Europea in un incontro “storico” a Kiev

I ministri degli Esteri dell’Unione Europea in un incontro “storico” a Kiev

Al: 2 ottobre 2023 alle 12:39

I ministri degli Esteri dell’Unione europea si sono recati a Kiev per tenere una riunione congiunta. Là vogliono parlare, tra l’altro, di nuovi aiuti finanziari per il Paese devastato dalla guerra. Il ministro degli Esteri federale Baerbock ha promosso l'”ombrello di protezione invernale”.

Per la prima volta dall’inizio della guerra d’aggressione della Russia, i rappresentanti di tutti i 27 paesi dell’Unione europea si sono recati a Kiev contemporaneamente. Il capo della politica estera dell’Unione europea, Josep Borrell, ha affermato che un simile incontro al di fuori dell’Unione europea sarebbe il primo di questo tipo. Le discussioni dovrebbero concentrarsi sulla situazione attuale alla luce della guerra aggressiva della Russia e del sostegno dell’UE all’Ucraina. L’incontro ha inviato il messaggio che il sostegno della NATO all’Ucraina è “incrollabile”.

Questa è la seconda visita del capo del dipartimento tedesco, Annalena Baerbock, in Ucraina nel giro di poche settimane. L’ultima volta in Ucraina è stata l’11 settembre.

All’inizio dell’incontro, Baerbock ha promosso un pacchetto di aiuti per l’Ucraina che aiuterebbe il Paese a superare l’inverno. “L’Ucraina ha bisogno di un ombrello invernale”, ha detto il politico verde. Ciò include il rafforzamento della difesa aerea e dell’approvvigionamento energetico del paese e la fornitura di più generatori. Lo scorso inverno abbiamo visto che la Russia stava attaccando specificamente obiettivi infrastrutturali critici per mettere in ginocchio l’Ucraina.

Il ministro degli Esteri ucraino Dmytro Kuleba ha affermato che il messaggio dell’incontro è che l’Unione europea si sta espandendo in Ucraina e di questo siamo molto grati. L’“evento storico” si svolge al di fuori degli attuali confini dell’UE, ma all’interno dei futuri confini dell’UE. Come accade durante la guerra d’aggressione russa, il viaggio non è stato annunciato in anticipo per motivi di sicurezza. Borrell ha scritto su X che il futuro dell’Ucraina è nell’Unione Europea.

Borrell: Non c’è alcuna decisione sugli aerei da combattimento e sui missili

Come argomento dell’incontro dell’UE, Borrell ha menzionato in precedenza la sua proposta di assumere impegni di finanziamento a lungo termine per gli aiuti militari all’Ucraina e di utilizzare i fondi dell’UE per sostenere la consegna di moderni aerei e missili da combattimento. Vuole mobilitare cinque miliardi di euro all’anno dal 2024 fino alla fine del 2027.

Lo spagnolo domenica ha detto che a Kiev non era prevista alcuna decisione. Tali riunioni ministeriali informali ruotano attorno a discussioni politiche. Il sostegno europeo arriva in un momento in cui il finanziamento degli aiuti statunitensi è in un limbo a causa di una disputa sul bilancio a Washington.

Il ministro degli Esteri ucraino Kuleba ha dichiarato a margine dell’incontro che, sullo sfondo di una possibile chiusura, è in corso una discussione molto approfondita con repubblicani e democratici. Finora non si ha la sensazione che gli impegni americani non esistano più. “Gli Stati Uniti riconoscono che in Ucraina la posta in gioco è ben più ampia della semplice Ucraina”, ha affermato Kuleba.

Kuleba ha detto che ciò che conta è la stabilità e la prevedibilità del mondo e per questo è convinto che riusciremo a trovare le soluzioni necessarie. Crede che quello che è successo al Congresso durante il fine settimana sia stato un incidente.

Il ministro degli Esteri danese Lars Lokke Rasmussen ha sottolineato che l’Europa dovrebbe essere pronta a fornire maggiori aiuti all’Ucraina “per molte buone ragioni”: “Innanzitutto, per sostenere l’Ucraina, ma anche per inviare un segnale forte oltre l’Atlantico che ‘dobbiamo portare un grande responsabilità’”. “Per quello che sta accadendo nella nostra terra”.

Unione EuropeaProbabilità di adesione Per l’Ucraina

L’incontro verterà probabilmente anche sulle prospettive dell’Ucraina di aderire all’Unione Europea. Il paese è ufficialmente candidato all’adesione dal giugno 2022. Tuttavia, i 27 paesi dell’UE devono ancora decidere all’unanimità se avviare o meno i negoziati. Ci dovrebbe essere un voto positivo se l’Ucraina soddisfa determinati requisiti. Ciò include una lotta più forte contro la corruzione.

Mentre i ministri della maggior parte dei paesi dell’UE si sono recati a Kiev, oggi è stata annunciata la nomina di un viceministro degli Esteri dell’importante paese vicino, la Polonia. La stretta relazione è attualmente messa a dura prova dal divieto polacco sull’importazione di grano ucraino. Anche dall’Ungheria, amica della Russia, era atteso un diplomatico di alto rango.