Maggio 23, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

I malati di cancro sono liberi dal cancro grazie a un farmaco “vivo”: i ricercatori parlano di una svolta

Come risultato di un trattamento innovativo del cancro, i pazienti rimangono liberi dal cancro dopo dieci anni. Il trattamento è utilizzato anche in Germania.

Pennsylvania – Il cancro è ancora una malattia che uccide molte persone. I ricercatori stanno lavorando a trattamenti innovativi per diversi tipi di cancro. Secondo la German Cancer Society, una delle nuove forme di trattamento è l’immunoterapia a cellule CAR-T. Le cellule CAR-T sono usate per trattare forme di leucemia e linfoma.

Uno studio condotto dall’Università della Pennsylvania negli Stati Uniti mostra ora il successo a lungo termine del trattamento, come riportato dal portale di conoscenza americano Popular Science e dal New York Times. Tre pazienti sono stati trattati con una nuova immunoterapia nel 2010 come parte dello studio clinico. Due dei pazienti hanno risposto bene al trattamento ed erano liberi dal cancro per più di dieci anni. Secondo Popular Science, i due uomini, Doug Olson e William Ludwig, sono tra i primi pazienti trattati con cellule CAR-T. Oggi Doug Olson compie 75 anni. William Ludwig è morto l’anno scorso a causa di aura*-infezione. Le cellule CAR-T sono state rilevate nel sangue di entrambi, quando le cellule tumorali erano scomparse da tempo.

In uno studio in cui sono stati trattati tre pazienti con leucemia e linfoma a cellule CAR-T, dieci anni dopo anche due pazienti erano liberi da cancro.

© Fototeca scientifica / Imago

Trattamento del cancro: l’immunoterapia con cellule CAR-T mantiene i pazienti liberi dal cancro per dieci anni

Il ricercatore principale Carl John, immunologo dell’Università della Pennsylvania, ha dichiarato al New York Times di essere positivo sull’immunoterapia a cellule T CAR-T. “Ora possiamo finalmente pronunciare la parola ‘trattamento’ con le cellule CAR-T”, ha detto.

READ  I migliori rimedi casalinghi per tosse e naso che cola

Steven Rosenberg, MD, chirurgo oncologico e ricercatore presso il National Cancer Institute degli Stati Uniti Stati Uniti d’America*, era alquanto prudente, ma anche fiducioso nel successo a lungo termine del trattamento. Secondo Popular Science, Rosenberg ha curato il primo paziente con cancro ai linfonodi con la terapia con cellule T CAR nel 2009. Anche quel paziente si è ripreso e da allora è libero dal cancro. Tuttavia, non si può escludere che il cancro ritorni dopo così tanto tempo, ha detto Rosenberg. Sebbene sia ancora troppo presto per dire con certezza che questi pazienti si siano ripresi, i casi sono molto incoraggianti. “Penso che sia un buon passo in quella direzione”, ha continuato Rosenberg. Il trattamento può dare a questi pazienti una vita relativamente normale.

L’immunoterapia con cellule CAR-T può “curare” il cancro a lungo termine

David Maloney, oncologo e ricercatore presso il Fred Hutchinson Cancer Research Center di Seattle, ha rilasciato una dichiarazione simile, secondo Popular Science. “Per usare la parola ‘trattamento’, devi seguire i pazienti per un lungo periodo di tempo per assicurarti che non ricadano”, ha detto Maloney. Se queste persone sono libere dal cancro fino a dieci o undici anni dopo il trattamento, in alcuni casi si può parlare di una “cura”.

L’idea di immunoterapia contro cancro* È che le cellule del corpo devono combattere le cellule tumorali. Tuttavia, le cellule tumorali spesso si nascondono dal loro sistema immunitario. Quindi i linfociti T spesso li riconoscono e le cellule tumorali possono diffondersi rapidamente. Nella terapia cellulare CAR-T, le cellule T rimosse vengono geneticamente modificate in laboratorio in modo da riconoscere e combattere le cellule tumorali nel corpo, come descritto sul sito web dell’University Hospital Erlangen.

READ  Studio Corona: questo gruppo sanguigno è il più suscettibile alle infezioni

Sconfiggere il cancro: ecco come funziona la terapia con cellule T CAR

A questo scopo i globuli bianchi vengono prelevati dal paziente. Le cellule T vengono quindi rimosse da queste cellule e un virus viene quindi inserito nel loro DNA in laboratorio. La cellula accetta quindi il materiale genetico del virus e produce una proteina. La proteina si attacca alla superficie della cellula T. Il cosiddetto recettore chimerico dell’antigene (CAR) riconosce e combatte le cellule tumorali. Le cellule T trattate vengono quindi iniettate nuovamente nel paziente.

Dopo essere state restituite al corpo, le cellule CAR-T possono moltiplicarsi fino a 10.000 volte in diverse settimane, afferma l’esperto di cancro Rosenberg, secondo Popular Science. Tratta il paziente con le sue cellule. “È una droga viva”, ha detto Rosenberg. Le cellule CAR-T possono sopravvivere nel corpo per anni e sembrano essere in grado di ottenere un recupero completo e duraturo.

Tuttavia, l’immunoterapia con cellule CAR-T presenta anche alcuni inconvenienti: ad esempio, si dice che attacchi anche i tessuti sani. Inoltre, la terapia con cellule T CAR non è stata ancora efficace nel trattamento di tipi comuni di cancro come i tumori del colon, dello stomaco, della prostata, della mammella e dell’utero. Ad oggi, in Germania sono stati approvati due metodi che utilizzano cellule CAR-T. Inoltre, i pazienti adulti devono aver completato altri due trattamenti contro il cancro senza successo per ricevere il trattamento. Alcuni fattori come Fumare o essere in sovrappeso aumenta il rischio di cancro*. (difensore)

A Marburg indaga il ministero della Salute Aumento dell’incidenza di cancro nella regione*. * hna.de è una vetrina di chi sonoI media.

Immagine dell’elenco delle regole: © Science Photo Library / Imago

READ  I farmaci alterano il microbiota intestinale più del previsto