Aprile 21, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

“I libri di testo devono essere riscritti”: le stelle nane bianche “superano” la morte

“I libri di testo devono essere riscritti”: le stelle nane bianche “superano” la morte

Un gruppo di ricerca ha scoperto perché una parte delle stelle nane bianche non si raffredda per miliardi di anni e afferma che i libri di testo devono essere riscritti. Questa scoperta ha implicazioni per determinare l'età degli ammassi stellari e il quadro che abbiamo della formazione della Via Lattea, afferma l'astrofisico Sihao Cheng dell'Institute for Advanced Study, che ha partecipato a questo lavoro. Nel 2019 è stato lui a scoprire le nane bianche, in netto contrasto con l’immagine classica del lento raffreddamento dei corpi celesti. Invece, rimane più caldo del previsto fino a otto miliardi di anni, il che ha conseguenze particolari per la determinazione dell’età.

annuncio

Fino ad ora si presumeva che le stelle nane bianche si congelassero lentamente dall'interno verso l'esterno dopo la loro formazione, raffreddandosi continuamente. Poiché questo processo sembra seguire leggi stabilite, il tipo di stella è stato utilizzato “di routine” per determinare l’età, ha scritto il gruppo di ricerca. Ma se alcune di queste stelle davvero superano in astuzia la morte, Come dice l'Institute for Advanced StudyQueste informazioni sull'età devono essere verificate. “Questo lavoro richiederà la revisione dei libri di testo di astronomia”, afferma Cheng. Si spera che il lavoro sia ora anche l'occasione per “rivalutare i metodi per calcolare l'età degli ammassi stellari”.

IL Il processo è proposto sulla rivista Nature Si afferma che in queste speciali nane bianche, a differenza delle altre, il denso plasma al loro interno non si congela dall'interno. Si formano invece cristalli meno densi degli altri, che quindi salgono. Questo scambio di materiali genera energia sufficiente per fermare il raffreddamento e quindi il processo di invecchiamento per miliardi di anni. In linea di principio, questo è coerente con ciò che vediamo ogni giorno nei bicchieri, dice il gruppo di Cheng. Ma non può spiegare perché questo accada solo con alcune stelle nane bianche e non con altre. Essi ipotizzano che ciò possa essere correlato alla formazione dei corpi celesti.

Le nane bianche sono le stelle più dense mai composte di materia normale. Ha all'incirca le dimensioni della Terra ma un milione di volte più grande e rappresenta lo stadio finale nell'evoluzione delle stelle simili al Sole. Man mano che invecchiano, questi organismi si gonfiano fino a diventare giganti rosse e alla fine perdono tutta la materia esterna. Ciò che rimane sono nane bianche molto dense e inizialmente molto calde. Nella Via Lattea, circa il 97% delle stelle affronta questo destino. Le stelle bianche completamente raffreddate allo stadio avanzato, che finora sono state descritte solo teoricamente, non possono essere confermate sperimentalmente; Il nostro universo non è abbastanza vecchio per farlo.


(mah)

Alla home page