Febbraio 28, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

I dinosauri sono probabilmente responsabili del fatto che gli esseri umani non vivono fino a 200 anni

I dinosauri sono probabilmente responsabili del fatto che gli esseri umani non vivono fino a 200 anni

I dinosauri si estinsero circa 65 milioni di anni fa. E secondo uno studio, ancora oggi sentiamo gli effetti del loro dominio – nel nostro processo di invecchiamento.

Dinosauri fantastici? Programmato! In tre ere geologiche, il Triassico, il Giurassico e il Cretaceo, le terribili lucertole non avevano altro da fare se non rendere la vita dei nostri antenati un inferno vivente. Tutto ciò che non si avvia come i conigli per produrre quanti più figli il più rapidamente possibile incontra una fine evolutiva più o meno definitiva tra i denti di un Velociraptor, un Deinonychus, un Dilophosaurus o quasi qualsiasi altra cosa dotata di squame – che era praticamente tutto al momento. Di conseguenza, i primi mammiferi avevano poche possibilità di raggiungere l’età biblica, il che a sua volta fa sì che noi esseri umani oggi sembriamo letteralmente vecchi. Questa è la conclusione a cui è giunto il microbiologo João Pedro de Magalhaes dell’Università di Birmingham.

“Collo di bottiglia per la longevità”

La sua ipotesi del “collo di bottiglia della longevità”, pubblicata su BioEssays, dimostra un legame tra il ruolo dei dinosauri e il processo di invecchiamento nei mammiferi. Di conseguenza, la supremazia religiosa ha cambiato la traiettoria evolutiva di quasi tutti i mammiferi sulla Terra. Mentre molti rettili e anfibi non mostrano praticamente alcun segno significativo di invecchiamento, quasi tutti i mammiferi, compresi gli esseri umani, mostrano una significativa senescenza (segni del processo di invecchiamento). Il professor de Magalhaes attribuisce questo al fatto che nell’era mesozoica i mammiferi dovettero affrontare una pressione costante per riprodursi rapidamente.

Perdita di geni

Ciò ha portato alla perdita o all’inattivazione dei geni associati alla longevità per oltre 100 milioni di anni. I processi di rigenerazione dei tessuti e di riparazione del DNA sono particolarmente colpiti, come la perdita di enzimi che ripristinano la pelle bruciata dai raggi UV o il fatto che i denti dei mammiferi non continuano a crescere per tutta la vita, come nei rettili.


“Nel mondo animale vediamo esempi di risultati davvero notevoli nella riparazione e nella rigenerazione. Queste informazioni genetiche potrebbero non essere state necessarie per i primi mammiferi che furono abbastanza fortunati da non finire come cibo per il T. rex. Mentre oggi disponiamo di una vasta gamma dei mammiferi – tra cui “Umani, balene, elefanti – crescendo e invecchiando, noi e questi mammiferi viviamo con i vincoli genetici del Mesozoico e invecchiamo sorprendentemente molto più velocemente di vari rettili”, afferma de Magalhaes su phys.org.

Anche se per ora si tratta solo di un’ipotesi, ci sono aspetti interessanti nello studio, inclusa la possibilità che il cancro sia più comune nei mammiferi che in altre specie a causa della nostra storia evolutiva.