Ottobre 5, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

I birrifici dichiarano fallimento dopo 150 anni, ma c’è speranza per i clienti

Un birrificio tradizionale non può portare a termine il fallimento in autogestione. Ci sono molte ragioni per questo, ma c’è ancora speranza.

NRW – Gli intenditori di birra probabilmente non apprezzeranno affatto questa notizia. A 150 anni dalla sua fondazione, il tradizionale birrificio tedesco “Bischoff” di Winnweiler nella Renania-Palatinato è diventato insolvente. Nonostante l’azienda debba essere chiusa in maniera controllata, c’è ancora un barlume di speranza per i circa 40 dipendenti e la famiglia Bischoff (Altro Notizie di servizio su RUHR24).

Birrificio privato Bischoff GmbH & Co. KG Il birrificio di Winnweiler nella Renania-Palatinato
fondazione 1866
Gestione Sven Bischoff

Il birrificio “Bischoff” non può completare la procedura concorsuale aperta in autogestione nel 2020

Come giornale alimentare I rapporti indicano che le riserve finanziarie del birrificio Bischof si erano prosciugate e l’amministrazione autonoma doveva essere abolita. Il piano originario di riorganizzazione dell’impresa di famiglia a proprio rischio è fallito dopo l’apertura di una procedura concorsuale a fine 2020, per cui è stato necessario chiudere in maniera controllata gli impianti e il processo produttivo.

Il curatore fallimentare, dott. Jürgen Erb di Schultz & Brown nel relativo comunicato stampa. La speranza per l’ultimo anno e mezzo era che un nuovo investitore si unisse presto all’azienda.

Gli investitori si sono ritirati: la produzione di birra nel birrificio sta chiudendo in modo controllato

Tuttavia, secondo il comunicato del curatore fallimentare, un potenziale investitore ha ritirato il proprio interesse a rilevare il birrificio tradizionale, anche se i creditori hanno già approvato il piano predisposto per quel modello. Un altro investitore avrebbe dovuto acquistare la proprietà e il birrificio ha abbandonato l’interesse con breve preavviso.

READ  Investimenti ottimali: Bitcoin, oro o piuttosto valute legali: cosa sceglieranno gli esperti | newsletter

Secondo il comunicato stampa, di questa brutta notizia sono già stati informati circa 40 dipendenti del birrificio Bischoff. ha detto il dottor. Sven Bischoff, socio amministratore del birrificio privato, ha affermato nell’annuncio.

Gli arresti a causa della corona e gli alti prezzi dell’energia influiscono sulle operazioni del birrificio

“Poiché c’è un guasto nella linea di refrigerazione dell’ammoniaca, il birrificio non può produrre la quantità di birra che potrebbe essere effettivamente possibile e che ci sarebbero state requisizioni”, continua Bischoff. Quindi il processo alla fine non ha coperto i costi.

Le ragioni della mancata ristrutturazione dell’impresa familiare autogestita nell’ultimo anno e mezzo sono chiare. Da un lato, il birrificio è continuato pandemia di corona e relative chiusure nel settore della ristorazione.

Il tradizionale birrificio “Bischoff” della Renania-Palatinato è sull’orlo del collasso.

© Elmar Gubisch / Imago

La direzione del gruppo e il personale ripongono speranza nel nuovo investitore e nell’attrattiva del birrificio

D’altra parte, un forte aumento dei prezzi dell’energia a seguito della guerra aggressiva della Russia in Ucraina nella primavera del 2022 ha frustrato gli sforzi di rinnovamento. Ma c’è ancora speranza per l’azienda di famiglia, i suoi dipendenti e i clienti abituali di “Bischoff Premium Pils”.

Infine, il nuovo investitore può intervenire con capitale fresco per riparazioni e nuovi ordini. In questo caso, la produzione può essere nuovamente aumentata rapidamente, come conferma Sven Bischoff.

Tuttavia, per ora, spera ancora che “la birra possa essere prodotta a Winnweiler in futuro” e che la consapevolezza del marchio di birra in Francia, Italia, mercati dell’Europa orientale e Cina possa continuare a produrre. In ogni caso, la famiglia crede fermamente nelle potenzialità della propria azienda tradizionale.

READ  Un ibrido leggermente diverso: Renault Scenic è dotato di riserve di idrogeno

Elenco delle regole: © Elmar Gubisch / Imago