Maggio 27, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Hannover 96: Hannover – Norimberga 3: 0: Little manda giù Hecking gli sport

Hannover 96: Hannover – Norimberga 3: 0: Little manda giù Hecking  gli sport

L’Hannover 96 ha seguito l’esempio. Una settimana dopo aver vinto 3-1 a Bielefeld, i Reds hanno battuto 3-0 il Norimberga e alla fine si sono salvati con 40 punti. Dopo l’ottava (!) Partita senza vittorie in trasferta di fila, nel club ricominciano i grandi sussulti.

Leitl manda di sotto Hecking!

“Dobbiamo intensificare”, ha chiesto l’allenatore Stephen Little. Ha portato gli stessi undici di Bielefeld, solo Bürner è fresco per l’eccezionale Lührs (in rosso). A Bielefeld, il vecchio difensivo è ancora disperso a causa di un “blocco della colonna vertebrale cervicale”.

Invece di un torcicollo, Borner ha un “teschio duro”…

La magia dell’Hannover contro il club Questo passaggio è migliore di qualsiasi gol

Dopo una punizione di Dehm, il difensore gira di testa e segna il vantaggio (43′). È stato meritato perché il Norimberga ha giocato bene, ma l’Hannover ha avuto maggiori possibilità con Pierre (8/11) e Schaub che ha colpito il palo (37).

Dopo il cambiamento, diventa presto chiaro. Prima, con il suo quinto gol stagionale, Kuhn ha schiacciato la palla nell’angolo destro da 20 metri per il 2-0 (49).

Poi il Norimberga è stato completamente smontato prima del 3-0, Schwab era libero davanti alla porta, ma ha restituito la palla a Pierre – e l’attaccante segna il gol a bruciapelo tra due difensori (70 ° posto). Harvard Nielsen (90+2) ha segnato l’ultimo punto 4-0, ma no. Il colpo ritorna.

Hannover per la prima volta in sei mesi con due vittorie consecutive – e per la prima volta quest’anno a zero. Capo difensore e capocannoniere 1-0 Boerner: “Sono contento. Torniamo a casa in forma”.

Per il Norimberga e l’allenatore Dieter Hecking, le cose si stanno riprendendo nella battaglia per la retrocessione.

Questo non aiuta molto per l’ex 96 coach Che il mio collega Little lo aveva descritto in precedenza come “il miglior allenatore della seconda divisione”.