Maggio 24, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Hai costantemente fame? Sei alimenti naturali che sopprimono l’appetito

Hai costantemente fame?  Sei alimenti naturali che sopprimono l’appetito

Per perdere peso, molti si affidano ancora a pillole dimagranti, compresse per sopprimere l’appetito e simili. Tuttavia, con questi piccoli “aiutanti”, i tuoi sforzi diventano rapidamente un pericolo per la salute.

Inoltre, se la fame costante è il tuo problema, non hai affatto bisogno di questi integratori sintetici: devi solo guardarti intorno nella natura.

Questo contiene molti soppressori dell’appetito naturali già pronti che non ti danneggeranno, ma piuttosto contribuiranno alla tua salute e forma fisica con l’abbondanza di sostanze nutritive in esso contenute.

Soprattutto, i regolatori naturali dell’appetito si trovano negli alimenti di tutti i giorni che dovrebbero comunque essere in cima alla lista per soddisfare le tue esigenze nutrizionali.

Ricorda: le voglie spesso derivano da carenze nutrizionali o da un estremo deficit calorico.

Regola la sensazione di fame in modo naturale

Il segreto della fame costante è abbastanza ovvio: devi mangiare. Perché la fame ti segnala che il tuo corpo ha bisogno di qualcosa. Tuttavia, non richiede grandi quantità di caffè (Sostanze amare) per sopprimere la fame, né preparati chimici che sopprimono l’appetito.

Ciò di cui il tuo corpo ha davvero bisogno sono i nutrienti e l’energia sostenuta. Presta attenzione a ciò che mangi e la tua fame si prenderà cura di se stessa.

Questi sei alimenti possono aiutarti in questo.

Più pieno più a lungo con i tuoi supercibi

1. Rimani sazio più a lungo con lo zenzero

il Il piccolo tubero poco appariscente è giustamente considerato un superfood. Oltre al suo effetto antinfiammatorio, ha anche un effetto positivo sulla pressione sanguigna e sui livelli di zucchero, stimola il sistema digestivo e, secondo gli studi, ha un effetto provato sulla sensazione di sazietà e fame.

metà dei soggetti Indagine americana A colazione ho preso due grammi di polvere di zenzero sciolti in acqua calda. Il risultato è stato una riduzione della fame, una diminuzione dell’assunzione di cibo in futuro e un aumento della sensazione di pienezza.

2. Ti riempie velocemente: la pectina naturale delle mele

Per combattere con successo la fame persistente, la sazietà costante è fondamentale. Perché anche se riesci a mantenere il livello di zucchero nel sangue a un livello equilibrato, alla fine ti sentirai affamato.

E questa è una buona cosa, perché la tua sensazione di fame ti mostra quando il tuo corpo ha bisogno di energia. Ciò che conta è ciò che dai al tuo corpo quando hai fame.

Oltre ai nutrienti, l’organismo ha bisogno soprattutto la base. Tra le altre cose, regolano la digestione. Più fibre mangi, più ti sentirai pieno e meno mangerai in generale.

Le mele sono molto ricche di pectina, che è una fibra alimentare che sazia molto velocemente. Pertanto, le mele sono particolarmente adatte a colazione o come merenda. studi Supporta anche il fatto che la pectina ritarda lo svuotamento gastrico e quindi contribuisce a una sensazione di pienezza per un periodo più lungo.

Uno Studio del 2014 Mostra che la farina d’avena aumenta la pienezza dopo un pasto, riduce la necessità di mangiare di più e porta a un minor rimpinzamento post-pasto rispetto ad altri cereali per la colazione.

Uno Studio dalla Finlandia hanno dimostrato che l’aggiunta di crusca d’avena potrebbe indurre sensazioni di sazietà sia brevi che prolungate dopo la colazione rispetto a una colazione senza crusca d’avena.

La fibra alimentare beta-glucano presente nei cereali svolge un ruolo importante in questo.

4. Lenticchie verdi per una sazietà permanente

Le lenticchie appartengono al gruppo dei legumi ricchi di fibre e proteine. Gli alimenti ricchi di proteine ​​da soli possono avere un effetto positivo sulla fame e sulla sazietà, poiché le proteine ​​vengono digerite più lentamente dei carboidrati, ad esempio.

Uno Ampio studio È stato in grado di dimostrare che dopo aver mangiato un pasto a base di legumi, la sazietà era superiore del 31%. Una porzione di lenticchie o altri legumi come fagioli, ceci, ecc. Trattamento.

altro studia Scopri che anche il tipo di lente può avere un effetto. Questo recente studio ha concluso che le lenticchie verdi, ma non le lenticchie rosse, aumentano la sazietà se sostituite con il riso nei pasti.

5. Le mandorle sono lo spuntino perfetto

Gli spuntini tra i pasti possono essere essenziali per una perdita di peso di successo, perché se fai spesso uno spuntino con un pasto malsano quando sei veramente affamato, puoi superare rapidamente il tuo fabbisogno calorico senza essere in grado di gestire la fame.

Al contrario, sono appropriate le barrette di cereali ad alto contenuto calorico piene di zuccheri aggiunti Le mandorle sono ottime come piccolo spuntino. Forniscono grassi e proteine ​​sani. In generale, i cibi ad alto contenuto proteico ti mantengono sazio più a lungo perché il corpo ha bisogno di più tempo ed energia per scomporre le proteine.

Uno studia Mostra che la sensazione generale di fame e desiderio, in particolare per i cibi grassi, era significativamente inferiore quando si mangiavano mandorle crude come piccolo spuntino mattutino. È stato anche dimostrato che le mandorle aiutano a sopprimere l’appetito se confrontate direttamente con uno spuntino con lo stesso numero di calorie.

Galleria fotografica: 20 snack salutari per dimagrire

6. I pomodori ipocalorici migliorano il metabolismo dei grassi

I pomodori non sono solo poveri di grassi e ricchi di vitamina A, ma forniscono anche l’elemento cromo, che assicura che il livello di zucchero nel sangue rimanga stabile e quindi impedisce di avere di nuovo fame troppo velocemente dopo un pasto.

Studio randomizzato, in doppio cieco, controllato con placebo studia Indagare la relazione tra l’assunzione di cromo e la composizione corporea. 154 persone hanno dovuto assumere giornalmente da 200 a 400 mcg di cromo picolinato. Il risultato: una significativa riduzione del grasso e un aumento della massa muscolare che era evidente in quasi tutti i nostri soggetti di prova.

Il modo in cui mangi la tua verdura rossa dipende da te, ma i pomodori non mancano di varietà. In un’insalata, come zuppa o condimento o da solo come spuntino, goditi i pomodori quando possibile.

Nascondi fonti

Fonti

Mansour, MS et al (2012): il consumo di zenzero aumenta l’effetto termico del cibo e promuove la sazietà senza influenzare i parametri metabolici e ormonali negli uomini in sovrappeso: uno studio pilota, recuperato il 27.01.2023: https://www.sciencedirect. com/sciences/article/abs/pie/S0026049512001187

Tiwary, CM et al. (2013): L’effetto della pectina sulla sazietà negli adulti militari statunitensi sani, consultato il 27 gennaio 2023: https://www.tandfonline.com/doi/abs/10.1080/07315724.1997.10718708

Pentikainen, S. et al. (2014): L’arricchimento di biscotti e succhi con β-glucano di avena migliora la sazietà postprandiale Estratto il 27/01/2023: https://www.sciencedirect.com/science/article/abs/pii/S0195666314000105

Rebello, CJ et al (2014): Ruolo della viscosità del pasto e delle proprietà del glucano dell’avena nel controllo dell’appetito umano: uno studio incrociato randomizzato, recuperato il 27/01/2023: https://link.springer.com/article/10.1186/1475 -2891-13-49

Siying, S. et al. (2014): Legumi dietetici, sazietà e assunzione di cibo: una revisione sistematica e una meta-analisi di studi sull’alimentazione acuta, recuperato il 27/01/2023: https://onlinelibrary.wiley.com/doi/full/10.1002/oby. 20782

Clark, CL et al. (2019): Il tipo di cibo e la varietà di lenticchie influenzano la risposta alla sazietà ma non l’assunzione di cibo negli adulti sani quando si sostituiscono le lenticchie con un carboidrato comunemente consumato. estratto / 149/7/1180/5510076

Hollingworth, S et al. (2019): Valutazione dell’effetto delle mandorle crude sul controllo dell’appetito: soddisfazione, sazietà, piacere e percezione del consumatore, recuperato il 27/01/2023: https://www.mdpi.com/2072-6643/11/9/2030

GR Kaats et al. al (1996): Effetto della supplementazione di cromo piscolinato sulla composizione corporea, recuperato il 27-01-2023: http://www.mdrivesport.com/documents/chromax-study.pdf