Febbraio 25, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Ha iniziato già in bancarotta – commenta Dümmel

Ha iniziato già in bancarotta – commenta Dümmel

A Ralph Dummel è piaciuta l’idea di “Tinus”. Foto: rtl/bernd michael maurer

televisione

Lina Mindlin

L’attuale stagione del programma economico e di intrattenimento “Die Höhle der Löwen” sta entrando nella sua terza settimana e oggi i fondatori presentano nuovamente i loro prodotti a una giuria di investitori.

Gli amici Jacqueline e Simone iniziano a Monaco. Insieme hanno sviluppato “Tinus”: Un cuscino che aiuta le persone con acufene a dormire riproducendo il suono che desiderano che solo la persona sdraiata sul cuscino possa sentire.

“DHDL”: Maschmeyer parla di problemi di sonno

L’idea del prodotto è venuta a entrambi tramite i genitori, che soffrono di acufene. “Ora posso restituire il favore ai miei genitori. Questa è la migliore sensazione che puoi immaginare come figlia”, dice Jacqueline con entusiasmo.

Secondo i fondatori, il cuscino non è solo un modo per calmare le persone con acufene. Carsten Maschmeyer cerca di fare proprio questo sul posto. La sua conclusione: “Resto dove sono”. In ogni caso, il leone è entusiasta del prodotto, perché, dice, aveva seri problemi di sonno, motivo per cui ha preso anche le pillole.

app watson per il tuo smartphone

Ti piace leggere Watson? Scarica ora la nostra app di notizie sul tuo smartphone – gratis, ovviamente! Qui va dritto all’app Apple Ecco a app sul play store. Qui puoi leggere cosa ti aspetta nella nostra app. E se vuoi di più, sii un seguace: nell’adesso Instagram o seguici tic toc

Jacqueline e Simon vogliono 350.000 euro per il 10% delle azioni della società dagli investitori. Ma non si limitano a elogiare il prodotto. Il più grande punto di critica: il suo prezzo è di circa 800 euro. Anche la comunità di Twitter lo trova piuttosto rumoroso. Ad esempio, qualcuno ha scritto: “800 euro per un cuscino? Questo è placcato in oro da bambini felici o cosa?”

Dopo lunghi tira e molla, la squadra trova un compromesso con Ralf Dommel e Machmeier. Ma non sembra aver funzionato particolarmente bene. perché: fortescena di avvioLa startup è ora in bancarotta. Aveva già presentato istanza di fallimento presso il tribunale distrettuale di Monaco a settembre ed è ora liquidata.

Dumile fa una dichiarazione

Dummel ha rilasciato una dichiarazione su Instagram: “Subito dopo aver registrato ‘Die Höhle der Löwen’, non abbiamo potuto avviare le trattative come al solito, perché non c’è stato nemmeno un primo incontro e la società purtroppo aveva già presentato istanza di fallimento”.

Sorge la domanda sul perché la produzione di “The Lion’s Cave” non sia stata successivamente inserita, invece di trasmettere tutto senza commenti.

Le cose devono andare meglio per Verena e Herbert dopo. I due impressionano Assad con la loro startup “Viva Maia”, con la quale vogliono portare la cosmesi naturale messicana sul mercato tedesco. La coppia offre 150.000 euro per il 20% delle azioni della società e la coppia riceve un’offerta da tutti gli investitori. “Non è questo un motivo per cambiare vita e andare in Messico?” pensò Dumile, per esempio. “Vorrei fare il viaggio con voi due.”

Criticare una startup che dovrebbe essere sostenibile

Alla fine, la coppia sceglie Nils Galago, che afferma di conoscere la cultura Maya grazie alla sua conoscenza della lingua spagnola e alla sua precedente residenza in Messico. Non solo per queste affermazioni, ma anche per l’entusiasmo di Aswad per l’approccio apparentemente sostenibile della startup, ci sono critiche su Twitter. Molti telespettatori sottolineano giustamente che non è nemmeno sostenibile trasportare cosmetici dal Messico alla Germania.

Un fondatore con una griglia portatile può anche ottenere supporto dai leoni, mentre una startup di bubble tea sostenibile e una per biciclette personalizzate non ne ottengono. Per la loro presentazione, i fondatori della startup di biciclette hanno portato allo spettacolo Joey Kelly della famiglia Kelly, un appassionato ciclista e ambasciatore del marchio per il prodotto “My Esel”. Sfortunatamente, anche l’eminente ospite a sorpresa non è riuscito a convincere i leoni.