Maggio 29, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Gwen per tutti? Bert Habets stringe la mano a ARD e ZDF

Gwen per tutti?  Bert Habets stringe la mano a ARD e ZDF

Nella sua prima apparizione pubblica come CEO di ProSiebenSat.1, Bert Habets ha scelto il simposio sui media della Conferenza dei direttori delle autorità statali dei media (DLM). Lì, davanti a rappresentanti della politica, dei media e della supervisione, Habets ha tenuto un discorso programmatico mercoledì, la cui dichiarazione ha sorpreso anche il capo dell’ARD. “Ha fatto davvero un ottimo lavoro”, ha detto Kai Gniffke nella successiva tavola rotonda, riferendosi alla proposta di Habets di rendere la piattaforma di trasmissione interna Joyn l’hub centrale per i fornitori di media pubblici e privati ​​tedeschi.


Habets adotta un’idea che è già stata seguita a Unterföhring in passato. Ma sullo sfondo delle polemiche sul futuro di ARD e ZDF, che hanno preso piede di recente, il nuovo uomo forte di ProSiebenSat.1 sembra vedere una buona opportunità per riprovare. “L’idea di una piattaforma che colleghi l’industria non è nuova”, ha ammesso il ceo a Berlino. Ma il tempismo è migliore che mai. E la prima pietra è già stata posata con Joyn.” Habets continua: “Con Joyn, abbiamo in mano lo sviluppo di un servizio di streaming ‘Made in Germany’. Insieme possiamo rappresentare la diversità e la qualità”.

© SWR / Patricia Neligan
Kay Ginevra

Allo stesso tempo, Bert Habets è stato aperto ai colloqui e ha annunciato di voler espandere la gamma di Joyn. “E la cosa bella del nome del marchio: Joyn rappresenta ciò che abbiamo in comune”, ha spiegato nel suo discorso inaugurale. Il presidente dell’ARD Kai Gnevke ha spiegato poco dopo che potrebbe guadagnare qualcosa da una piattaforma comune. “Penso che questa sia una grande idea”, ha spiegato Gniffke, e poi con un sorriso: “Potrebbe quasi essere venuta da me.” “Abbiamo una possibilità solo se pensiamo di più nella direzione della collaborazione”, ha detto.

Habets nel suo discorso ha anche sostenuto la riforma dell’ARD e della ZDF. “Chiunque riceva denaro da quasi tutte le famiglie dovrebbe potersi chiedere come spende il denaro e, naturalmente, se viene gestito in modo efficiente”. Era “fermamente convinto che abbiamo bisogno di un’emittente pubblica forte”, il che è importante, dato che la politica ora sta dettando la rotta. Il futuro consiglio recentemente introdotto è un “buon primo passo”, ha spiegato Habets. “Spero che il consiglio del futuro sia abbastanza coraggioso da pensare davvero fuori dagli schemi. Per questo motivo, il consiglio non dovrebbe iniziare con un divieto preconfezionato di pensare”.

Uno vuole impegnarsi nel dialogo aperto, “perché in un sistema duale, ogni cambiamento in un pilastro ha un effetto sull’altro pilastro e quindi sulla diversità nel nostro paese”, ha detto Habets – e con la proposta di aprire ulteriormente Joyn, il primo concreto. Tuttavia, sorge la domanda su come altri fornitori di servizi possano trarre vantaggio da questa idea. ZDF è già critica nei confronti di una mediateca congiunta di servizio pubblico e RTL Germania persegue da anni il suo obiettivo di costruire un concorrente indipendente di Netflix con RTL+, che è stato recentemente arricchito con musica e audiolibri.


Nel frattempo, il CEO di ProSiebenSat.1 Bert Habets ha spiegato al simposio sui media di “non essere interessato alla concorrenza tra emittenti private e pubbliche in generale”. “Si tratta di competere contro il flusso di disinformazione”. Insieme puoi “fare un contrappunto affidabile”. Abitudini: “Più siamo coraggiosi, maggiori sono le possibilità di successo reciproco”.