Dicembre 10, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Guerra Ucraina nell’indice: Dow in sconto – DAX finalmente sotto i 14.300 punti – LPKF in rosso – AUTO1 raddoppia le vendite trimestrali – Shell, Deutsche Euroshop, Total Energy e ifo | newsletter

Nella giornata di negoziazione di mercoledì a Francoforte, gli acquirenti hanno lasciato in massa la sala di negoziazione.

Il Dax Era più alto anche all’aperto, ma all’inizio era mosso e poi si è spostato chiaramente in territorio negativo man mano che la pista andava avanti. Alla fine, ha chiuso la sua negoziazione in ribasso dell’1,31% a 14.283,65 punti. Il prenderedax Ha anche guadagnato all’inizio del commercio e poi è sceso. Alla fine di XETRA, il Technology Value Index è sceso dell’1,53% a 3.269,29 punti.

L’Istituto Ifo, di per sé, ha introdotto un agente idratante per l’umore Ha abbassato le previsioni di crescita economica tedesca nel 2022 e quindi ha aumentato notevolmente le aspettative di inflazione. “Di conseguenza, uno scenario di inflazione stagnante di crescita modesta e inflazione elevata sta diventando sempre più probabile”, ha detto a Dow Jones Newswires Manfred Schlumberger, responsabile della gestione del portafoglio di Star Capital.

La guerra in Ucraina rimane al centro dell’attenzione, ma il mercato azionario non è attualmente alla ricerca di una soluzione rapida. Tuttavia, il presidente ucraino Zelensky si è detto pronto a parlare dello stato della Crimea annessa alla Russia e delle regioni separatiste del Donbass. Nel pomeriggio, il presidente russo Putin ha causato ancora più incertezza quando ha annunciato che d’ora in poi il gas russo può essere pagato solo dai “paesi nemici” in rubli.

Clicca qui per una panoramica completa del catalogo

Le cose sono peggiorate in Europa a metà settimana.

Il Eurostock 50 È apparso all’inizio del trading con un profitto. Ma nel corso dell’anno era chiaramente in rosso, chiudendo in ribasso dell’1,45 percento a 3.869,22 punti.

READ  Libri aperti: le azioni Netflix perdono il 25 percento del marketing iniziale: Netflix mentre i profitti cadono - perdono clienti | newsletter

La guerra in Ucraina ha continuato a essere al centro dell’attenzione, anche se non ci sono stati sviluppi realmente nuovi. Gli investitori hanno anche esaminato il viaggio europeo del presidente degli Stati Uniti Biden, iniziato oggi, nonché le dichiarazioni attese di alti funzionari della banca centrale, tra cui il presidente della Federal Reserve statunitense Jerome Powell e il presidente della Federal Reserve britannica Andrew Bailey.

Clicca qui per una panoramica completa del catalogo

Mercoledì, i mercati azionari statunitensi hanno mostrato un segnale rosso.

Il Dow Jones Ha aperto la sessione un po’ più a fondo e ha continuato a costruire i tee shot mentre lei progrediva. Alla fine c’era un meno 1,29 percento a 3.4358,50 punti sul tabellone. Il Composito Nasdaq All’inizio ho anche ceduto. Ha anche aumentato le sue perdite e ha concluso la sessione con un indebolimento dell’1,32% a 13.922,60 punti.

La guerra in Ucraina in corso e gli alti prezzi del petrolio hanno indotto gli investitori a essere cauti a metà settimana. Al centro dell’attenzione anche il presidente degli Stati Uniti Biden, che si è recato in Europa per colloqui multinazionali sulla situazione in Ucraina. Gli osservatori presumono che imporrà più sanzioni alla Russia. Pesa sui mercati, inoltre, la notizia che il presidente russo Putin voglia accettare pagamenti dai “paesi nemici” in rubli per il gas naturale.

Clicca qui per una panoramica completa del catalogo

I segnali a metà settimana sono stati verdi sui mercati azionari dell’Estremo Oriente.

Indice principale giapponese Nikki L’indice è aumentato del 3,00 percento a 28.040,16 punti alla chiusura delle contrattazioni. Pertanto, l’indicatore del mercato azionario era al livello più alto in due mesi. Dallo schianto che ha accompagnato lo scoppio della guerra in Ucraina, il Nikkei ha recuperato circa il 13 per cento.

READ  Ecco come si mangiano gli hamburger nel nuovo ristorante russo "McDonald's"

Il sovrapprezzo sulla Cina continentale è stato inferiore, come il vinto Barca di Shanghai Alla fine, 0,34 percento a 3.271,03 punti. Il mercato di Hong Kong, dove Hang Seng Alla fine è riuscito a guadagnare l’1,21 percento a 22.154,08 punti.

I buoni indicatori di Wall Street, dove i titoli tecnologici in particolare sono riusciti a salire in modo significativo martedì, hanno sostenuto anche i mercati dell’Estremo Oriente. A ciò si aggiunge la continua forza del dollaro, che ha sostenuto in particolare il rialzo di Tokyo: il dollaro nel frattempo è stato valutato a 121,06 yen. Gli operatori di mercato hanno ancora attribuito il fatto che il dollaro USA mostrasse una forte tendenza al discorso del presidente della Federal Reserve Jerome Powell, che, dato l’alto tasso di inflazione, ritiene opportuno un ulteriore rialzo dei tassi. Ciò ha portato a bonus, soprattutto per i titoli finanziari in Asia, che sono stati in grado di aumentare in modo significativo insieme ai titoli tecnologici.

Clicca qui per una panoramica completa del catalogo