Maggio 27, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

guerra | Ucraina: il ministro denuncia le notizie dei media, definendole un “disastro”

guerra |  Ucraina: il ministro denuncia le notizie dei media, definendole un “disastro”

Giorno 552: Putin annuncia che ritirerà i suoi supercarri armati T-14 Armata. L’Ucraina vuole aumentare la produzione di armi. Tutte le informazioni nel blog delle notizie.

Le cose più importanti a colpo d’occhio


Ucraina: il ministro della Difesa respinge le accuse di corruzione

00:01: Il ministro della Difesa ucraino Oleksiy Reznikov ha respinto le nuove accuse di corruzione contro la sua casa. Resnikov ha invitato tutti a “gestire le informazioni in modo più critico e responsabile”, riferendosi alle notizie dei media ucraini sulle uniformi invernali presumibilmente troppo costose. Diversi media hanno riferito in precedenza che il Ministero della Difesa di Kiev ha firmato un accordo con un’azienda turca per la fornitura di uniformi invernali alla fine del 2022, poiché il prezzo è triplicato dopo la firma dell’accordo.

Secondo quanto riportato dai media, uno dei proprietari dell’azienda è Oleksandr Kasai, nipote di Gennady Kasai, che a sua volta appartiene al partito del presidente ucraino Volodymyr Zelenskyj.

Reznikov ha negato le notizie, affermando che “fuorono in errore la società”. L’impatto sui partner dell’Ucraina è ancora peggiore, poiché tali notizie creano l’impressione di una “catastrofe”. Resnikov ha detto che al momento dell’acquisto delle uniformi, tutto è stato fatto “secondo la legge sugli appalti pubblici” e “le procedure di gara”.

Zelenskyj: Aumento della produzione di armi

22:13: Dopo più di un anno e mezzo di guerra, il presidente ucraino Volodymyr Zelenskyj ha annunciato un aumento estremo della produzione di armi per contrastare l’invasione russa. Oltre alle armi di artiglieria e alle munizioni, nel Paese devono essere fabbricati anche droni, missili e veicoli blindati. “Stiamo massimizzando i volumi di produzione. L’Ucraina è in grado di farlo. I finanziamenti ci sono. La nostra industria della difesa andrà bene”, ha detto Zelenskyj nel suo videomessaggio, distribuito ogni sera a Kiev lunedì.

La leadership ucraina ha ripetutamente annunciato l’intenzione di trasformare il Paese in uno dei maggiori produttori di armi. Secondo Selinsky, ha incontrato i rappresentanti dell’industria della difesa in modo che la produzione potesse essere ulteriormente aumentata.

Il paese fa affidamento su enormi quantità di munizioni e armi nel suo contrattacco per liberare i territori occupati, che procede lentamente da settimane. Il paese dipende principalmente dagli aiuti militari degli alleati occidentali. Zelenskyj ha sottolineato ancora una volta che l’Ucraina deve anche creare le condizioni per nuovi aerei da combattimento. Kiev spera nelle consegne anticipate degli aerei da caccia F-16 annunciati da Paesi Bassi, Danimarca e Norvegia.

Il più grande scambio di criptovalute del mondo sta valutando l’uscita dalla Russia

21:25: Il più grande exchange di criptovalute al mondo, Binance, sta rivalutando le sue attività in Russia. Ciò include anche la possibilità di ritirarsi da un mercato precedentemente importante, dice un portavoce del Wall Street Journal. “Tutte le opzioni sono sul tavolo, compreso il ritiro totale.”

Russia: Mantenete la vostra attività in Mali dopo la morte del leader Wagner

21:19: Dopo la morte del leader mercenario Yevgeny Prigozhin, la Russia ha annunciato che avrebbe continuato le sue attività nei paesi africani. “La Russia, da parte sua, continuerà a fornire pieno sostegno al Mali e agli altri partner africani interessati”, ha detto lunedì al Consiglio di Sicurezza Dmitry Polyansky, vice ambasciatore russo presso le Nazioni Unite. I mercenari russi lavorano con i dittatori in molti paesi africani e si oppongono alle alleanze occidentali. Leggi di più sugli ultimi sviluppi delle forze di Wagner riguardo alla presunta morte di Prigozhin qui.

Finora circa 1.000 mercenari del gruppo Wagner, guidato da Prigozhin, hanno collaborato con il governo militare del Mali, ufficialmente per combattere il jihadismo, ma non sono riusciti a respingere lo Stato islamico.

A giugno, l’operazione MINUSMA delle Nazioni Unite in Mali si è conclusa dopo che la giunta militare ha ordinato ai soldati delle Nazioni Unite di lasciare il paese. In precedenza c’erano disaccordi sulle modalità di ritorno alla democrazia. Invece, l’esercito faceva affidamento sui mercenari russi. Secondo le Nazioni Unite, dalla partenza dei soldati internazionali lo Stato islamico ha quasi raddoppiato la superficie sotto il suo controllo in Mali.