Maggio 22, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Guerra in Ucraina: Selenskyj onora i cecchini morti – la situazione in sintesi

Guerra in Ucraina: Selenskyj onora i cecchini morti – la situazione in sintesi

Aggiornato il 13/03/2023 05:58

  • Un video che mostra la presunta sparatoria di un uomo in uniforme ucraina ha inorridito le persone.
  • Ora il presidente Volodymyr Zelensky ha onorato la vittima.
  • Cosa è successo da domenica sera e cosa sarà importante lunedì.

Altre notizie sulla guerra in Ucraina

ucraino Presidente Volodymyr Zelenskij Postumo, un cecchino ucciso nella guerra di aggressione russa è stato insignito del titolo di “Eroe dell’Ucraina”. Selinsky ha detto in un video messaggio distribuito domenica a Kiev che il 42enne “sarà ricordato per sempre”.

E il videoclip che mostra l’uomo disarmato ucciso a colpi d’arma da fuoco dopo aver pronunciato lo slogan “Gloria all’Ucraina”, ha suscitato clamore internazionale. Secondo le informazioni ucraine, l’identità dell’uomo è stata finalmente chiarita attraverso l’analisi.

Secondo i servizi segreti ucraini, si ritiene che il soldato sia un prigioniero di guerra ucciso dai soldati russi. Un video della presunta sparatoria di un uomo in uniforme ucraina da parte di uomini di lingua russa ha causato il panico in Germania. L’uomo ha gridato un saluto all’esercito ucraino: “Gloria all’Ucraina!” prima di sparare. Inizialmente non è stato possibile verificare l’autenticità del video da parte di una parte indipendente.

Altri combattimenti per Bashmut

Nella città strategicamente importante di Bakhmut, le unità ucraine stavano ancora respingendo gli attaccanti russi. L’esercito ucraino ha affermato che la fanteria nemica, supportata dall’artiglieria, ha preso d’assalto una base delle forze di guardia di frontiera, combattendo anche a Bakhmut. Gli aggressori sono stati respinti anche con l’aiuto di lanciagranate.

E Kiev ha sottolineato ancora una volta l’importanza della battaglia di Bakhmut. Ha aggiunto che le principali forze e riserve russe sarebbero state bloccate e avrebbero subito pesanti perdite. Il capo del gruppo mercenario russo Wagner, Yevgeny Prigozhin, ha parlato di una situazione “molto difficile”.

L’Ucraina è diventata il terzo più grande importatore di armi

A seguito della guerra di aggressione della Russia, l’Ucraina è diventata in un anno uno dei maggiori importatori di armi al mondo. Da quando l’ex repubblica sovietica ha ottenuto l’indipendenza nel 1991, poche armi pesanti sono state importate dall’estero, ma l’anno scorso gli aiuti militari dagli Stati Uniti e dall’Europa hanno reso l’Ucraina il terzo importatore di armi. Ciò è emerso da un rapporto pubblicato lunedì dall’istituto di ricerca sulla pace Sipri con sede a Stoccolma. Solo il Qatar e l’India sono davanti all’Ucraina. Nel periodo 2018-2022, l’Ucraina si è classificata al 14° posto con una quota del 2,0% nel volume delle importazioni globali di armi.

Il deputato si aspetta un aumento del bilancio della difesa

Secondo il deputato ucraino Yaroslav Zheleznyak del partito Holos (Voice), il parlamento di Kiev sta pianificando un enorme aumento del budget nel prossimo futuro a causa della guerra. Di conseguenza, il bilancio della difesa della Corte suprema di deterrenza sarà aumentato dell’equivalente di dodici miliardi di euro. Nel complesso, ciò corrisponderebbe a un discreto aumento del budget del 19%. Schelesnjak non ha fornito alcuna informazione sul finanziamento delle presunte modifiche. Secondo l’attuale bilancio, tra il 50 e il 60 per cento sarà finanziato dall’estero.

Eichinger: Preparare il processo di pace per l’Ucraina

L’ex presidente della Conferenza sulla sicurezza di Monaco, Wolfgang Eichinger, si è espresso a favore della preparazione delle condizioni quadro per i negoziati di pace tra Russia e Ucraina. “A parte le consegne di armi e il sostegno finanziario, dobbiamo offrire prospettive al crescente coro critico di domande negli Stati Uniti proprio come facciamo in Germania”, ha scritto in un articolo per il Tagesspiegel di Berlino (online; stampa lunedì).

Klitschko elogia gli aiuti della Germania all’Ucraina e chiede più armi

sindaco di Kiev Vitali Klitschko Ha elogiato il sostegno militare della Germania all’Ucraina nella guerra contro la Russia, chiedendo allo stesso tempo consegne più rapide di più armi. “Non voglio lamentarmi e voglio ringraziare ancora una volta i tedeschi”, ha detto a RND l’ex campione del mondo di boxe.

“La Germania è uno dei maggiori sostenitori dell’Ucraina in termini di aiuti finanziari e forniture di armi. Ma è vero, il governo tedesco è molto lento nel prendere le sue decisioni, e per questo stiamo pagando il prezzo più caro: la vita dei nostri soldati e la vita dei nostri cittadini”.

Entrambe le parti parlano di bombardamenti

La Russia ha accusato l’Ucraina di bombardare siti nel conteso Donbass. Tre civili sono stati uccisi e almeno nove feriti a Birewalsk, secondo l’amministrazione russa a Luhansk, riportata da Mosca. L’Ucraina ha lanciato il lanciamissili americano Himar. Kiev ha parlato del bombardamento russo di oggetti civili. Un bambino è rimasto ferito a Belocirka. Le informazioni fornite da entrambe le parti non possono essere verificate in modo indipendente.

Kharkiv è caratterizzata dalla guerra

Un buon anno dopo l’inizio dell’invasione russa, Kharkiv, la seconda città ucraina per grandezza, fu attaccata. “Oggi circa 1,1 milioni di persone vivono a Kharkiv, la metà di quanto era prima della guerra”, ha detto il sindaco Ihor Terekov, riferendosi al gran numero di rifugiati. Circa 150.000 residenti sono senza casa a causa dei continui bombardamenti.

Un’indagine interna su una presunta aggressione

L’esercito ucraino ha aperto un’indagine interna sulle accuse secondo cui un ufficiale avrebbe aggredito un soldato in un centro di addestramento nella regione di Zhitomir. I militari hanno detto che il comando condivide l’indignazione per l’incidente. Il sospetto viene fermato e sarà severamente punito se ritenuto colpevole. Un video precedentemente apparso online mostrava un ufficiale che maneggiava un soldato.

Cosa sarà importante lunedì

Il governatore bielorusso Alexander Lukashenko tiene colloqui nella capitale iraniana, Teheran. Lukashenko è politicamente e finanziariamente dipendente da Mosca e ha messo a disposizione le sue basi militari per gli attacchi della Russia all’Ucraina. Lo Stockholm Peace Research Institute Sipri pubblica un rapporto sulle esportazioni e importazioni globali di armi. È probabile che la guerra aggressiva della Russia contro l’Ucraina si faccia sentire per la prima volta. (dpa/mbo)