Maggio 17, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Guerra in Ucraina nell’indice: il DAX limita le perdite – I mercati azionari statunitensi scivolano in rosso – L’investitore lascia Deutsche Bank e Commerzbank – Evoteq vuole aumentare le vendite – Tesla e Infineon in primo piano | newsletter

L’indice principale tedesco ha mostrato sconti martedì.

Quindi aperto Dax Molto più debole e dopo era chiaramente in rosso. Tuttavia, il lancio è diventato più piccolo nel pomeriggio. Alla fine, è sceso dello 0,48 percento a 14.124,95 punti. Inoltre prenderedax Ha perso molto dopo aver perso all’inizio. Il suo punteggio finale: 3.191,26 punti (-0,79%).

“Gli investitori continuano a stare lontano dal rischio”, ha affermato l’agenzia di stampa tedesca DPA, citando un agente di cambio. Gli operatori di mercato attendono con impazienza i dati sui prezzi al consumo statunitensi pubblicati nel pomeriggio. Questa percentuale è aumentata più del previsto, dell’1,2 per cento rispetto al mese precedente, attestandosi quindi a 8,5 (mese precedente: 7,9). Gli esperti della Commerzbank sono del parere che sia del tutto possibile che il tasso di inflazione core (esclusi i prezzi dell’energia e dei generi alimentari) abbia raggiunto il picco. Tuttavia, dovrebbe rimanere al di sopra del cinque per cento fino alla fine dell’anno e quindi “lontano dalla stabilità dei prezzi”.

Clicca qui per una panoramica completa del catalogo

Martedì le borse europee sono apparse in rosso.

È così che è iniziato Eurostock 50 Meno, ma a volte riusciva a diventare positiva. Alla fine è tornato in zona rossa. Ha detto addio più leggero dello 0,21 percento a 3.831,47 punti.

Gli investitori si sono concentrati sui dati sull’inflazione degli Stati Uniti. Questi sono aumentati nettamente per il mese di marzo più del previsto. I prezzi al consumo sono aumentati dell’1,2% rispetto al mese precedente e sono stati dell’8,5% (mese precedente: 7,9)% al di sopra del livello dello stesso mese dell’anno scorso.
La Federal Reserve statunitense ha recentemente espresso il desiderio di aumentare i tassi di interesse in modo aggressivo per controllare l’aumento dell’inflazione. “Soprattutto, i mercati azionari rischiano di ritirare liquidità dalla Federal Reserve statunitense”, ha affermato Christian Henk, analista presso l’intermediazione IG IG.

READ  La birra del Saarland è tra le migliori al mondo

Vi è inoltre una crescente pressione sulla Banca Centrale Europea affinché risponda all’aumento dell’inflazione nell’Eurozona. Quindi gli investitori hanno atteso con impazienza la decisione sui tassi di interesse della Banca centrale europea giovedì e le informazioni su come procedere.

Clicca qui per una panoramica completa del catalogo

Wall Street è in calo martedì.

subordinare Dow Jones Inizialmente è aumentato dello 0,3 percento a 3.4412,51 punti, ma ha rinunciato ai guadagni nel late trading e ora sta scivolando in rosso. Indice di valore tecnologico Composito Nasdaq È iniziato con un supplemento dell’1,29% per raggiungere 13.584,69 punti, ma anche qui si possono vedere bandiere rosse nel tempo.

Martedì gli investitori statunitensi si concentreranno sui dati sull’inflazione del mercato primario. Sebbene questi fossero superiori alle attese, ciò sembra avere un effetto calmante sugli investitori. Gli analisti della Landesbank Hessen-Thüringen hanno commentato a dpa: “L’inflazione è aumentata di nuovo a marzo e ha raggiunto il livello più alto da oltre 40 anni. Dato l’aumento dei prezzi di petrolio, gas e generi alimentari, questo non è previsto completamente”. Tuttavia, va tenuto presente che i prezzi core continuano a salire. “Sebbene si possa presumere che l’inflazione abbia raggiunto il picco ora, poiché gli effetti sottostanti diventeranno evidenti da aprile, la Federal Reserve statunitense vedrà conferma nel suo piano di aumentare ulteriormente i tassi di interesse, soprattutto perché la situazione del mercato del lavoro è forte”.

Clicca qui per una panoramica completa del catalogo

Martedì i principali scambi hanno preso direzioni diverse.

Indice principale giapponese Nikki Ha chiuso in ribasso dell’1,81% a 2.6334,98 punti.

READ  DAX superiore a 16.000 punti: investitori in vena di acquisto

In Cina, invece, le borse sono diventate positive durante le contrattazioni. nella Cina continentale, Barca di Shanghai E infine, dell’1,46 percento, a 3213,33 punti. subordinare Hang Seng Dello 0,52% per raggiungere 21.319,13 posti di lavoro.

L’elevata inflazione, in particolare per le materie prime, ei timori per l’aumento del mercato e dei tassi di interesse chiave di conseguenza hanno continuato a esercitare pressioni sui prezzi. Né c’è un allentamento della guerra in Ucraina. In alternativa, ci sono notizie secondo cui la parte russa potrebbe aver usato armi chimiche a Mariupol.

D’altra parte, le misure annunciate dall’Autorità di vigilanza sulle borse, volte ad ampliare l’accesso ai mercati dei capitali, hanno creato buon umore in Cina. Inoltre, le autorità di regolamentazione cinesi hanno approvato una serie di licenze di videogiochi per la prima volta da luglio, suggerendo che la regolamentazione nel settore di Internet potrebbe essere allentata.

Clicca qui per una panoramica completa del catalogo