Maggio 19, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Guerra in Ucraina: la star degli scacchi Vyacheslav Telechigo taglia i rapporti con Putin

Sempre più reazioni dal mondo dello sport alla terribile guerra in Ucraina.

Ora il primo atleta a rompere con il presidente russo Vladimir Putin (69). Il capitano di scacchi russo Vyacheslav Telechigo non vuole più competere sotto la bandiera russa nei tornei fino a nuovo avviso. Lo riporta l’agenzia di stampa tedesca.

La World Chess Association Fide ha anche programmato una riunione di emergenza quanto prima alla luce dell’invasione russa dell’Ucraina.

Secondo le informazioni dell’agenzia di stampa tedesca (Dpa), la minaccia di boicottare le Olimpiadi di scacchi previste per fine luglio a Mosca, dovrebbe essere all’ordine del giorno del Consiglio Fide.

La controversa società russa Gazprom è lo sponsor principale dell’associazione mondiale, che ha altri importanti partner russi. Fedi, Presidente Arkady Dvorkovich Rossi. È stato il capo dell’organizzazione per i Mondiali del 2018 e in precedenza è stato attivo in politica per molti anni, incluso come uno dei vice primi ministri a Mosca.

Il torneo online in corso del Meltwater Champions Tour da 1,6 milioni di dollari si svolgerà da Mosca. La partita finale tra il campione del mondo Magnus Carlsen (Norvegia) e il russo Jan Nimbongachchi si svolgerà venerdì e sabato come previsto.

Non è la prima reazione sportiva alla guerra in Ucraina. Venerdì, la UEFA ha annunciato per la prima volta che avrebbe preso misure drastiche e non solo avrebbe eliminato la finale di Champions League dalla Russia, ma anche tutte le partite in casa. La finale di prima divisione si giocherà ora a Parigi invece che a San Pietroburgo il 28 maggio. Inoltre, tutte le squadre russe e ucraine devono giocare le partite UEFA in luoghi neutrali.

READ  Vettel è stanco del centrocampo

E anche in Formula 1 c’è Russia – Australia. La serie di corse ha annunciato: a causa della guerra in Ucraina, non ci saranno gare a Sochi a settembre. Era impossibile tenere il Gran Premio di Russia nelle condizioni attuali.