Ottobre 5, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Guerra in Ucraina: la Russia vuole sostituire il ponte Dnipro con pontoni, secondo Londra

nDopo il bombardamento ucraino di ponti strategicamente importanti sul fiume Dnipro, la Gran Bretagna afferma che la Russia sta lavorando a un ponte temporaneo. Il ministero della Difesa di Londra, citando l’intelligence, ha affermato che si ritiene che le forze russe abbiano iniziato a disporre le barche durante il fine settimana per costruire un ponte di barche vicino al ponte Antonevsky distrutto. Il ponte è di fondamentale importanza per il rifornimento delle forze russe nella città di Cherson nell’Ucraina meridionale occupata.

Foto del ponte Antonevsky di luglio

Fonte: Reuters

Nelle ultime settimane, ha detto, sia l’esercito russo che la popolazione locale avevano fatto affidamento su un traghetto. “Se la Russia completerà il ponte improvvisato, quasi sicuramente aumenterà la capacità di traversata rispetto al traghetto”, ha sottolineato il ministero.

A causa degli attacchi ucraini, il ponte Antonevsky, lungo 1,3 chilometri, è stato a malapena utilizzabile dalla fine di luglio. Ciò minaccia la fornitura di forze russe a Cherson.

Il ministero della Difesa britannico ha rilasciato informazioni senza precedenti sul corso della guerra dall’inizio della guerra aggressiva russa contro l’Ucraina alla fine di febbraio, citando informazioni di intelligence. In tal modo, il governo britannico vuole contrastare l’immagine russa e mostrare trasparenza in contrasto con Mosca, mantenere gli alleati in linea e, se possibile, raggiungere le persone in Russia che si limitano a interpretare l’interpretazione del Cremlino della guerra.

Tutti gli sviluppi nel nastro della trasmissione in diretta:

8:40 – I serbatoi di stoccaggio del gas sono pieni per oltre l’80%.

Il livello di riempimento degli impianti di stoccaggio di gas naturale tedeschi si avvicina all’85% nonostante un forte calo dei volumi di consegna dalla Russia. Secondo i dati pubblicati online dagli operatori europei di stoccaggio del gas martedì, il livello di domenica mattina era dell’80,14%. Il livello di riempimento viene sempre segnalato con un ritardo.

Una nuova legge afferma che le strutture di stoccaggio tedesche devono essere piene almeno all’85% entro il 1° ottobre. Il 1° novembre la percentuale deve essere almeno del 95%. Il 75 percento richiesto è stato raggiunto il 1 settembre, più di due settimane fa.

L’amministratore delegato del cosiddetto Market Area Manager Trading Hub Europe (THE), Torsten Frank, teme che la Germania non sarà in grado di riempire tutti i suoi impianti di stoccaggio del gas come previsto dalla legge. “Saremo in grado di riempire molte strutture di stoccaggio fino al 95% entro novembre, ma non tutto”, ha detto al Rheinische Post.

Tuttavia, non si aspetta una carenza di gas a livello nazionale. “Ma potrebbe esserci una carenza nell’area, che purtroppo non può essere esclusa”. Ma è fiducioso nei confronti delle famiglie private: “Stiamo facendo buoni progressi nell’accumulo e nel risparmio. Sono molto fiducioso che le famiglie private non dovranno congelare questo inverno”.

La Russia ha recentemente annunciato che interromperà le forniture di gas attraverso il gasdotto Nord Stream 1 sul Mar Baltico per tre giorni alla fine di agosto. La società statale Gazprom ha annunciato che il gas non arriverà in Germania dal 31 agosto al 2 settembre a causa di lavori di manutenzione. Dopodiché, dovranno essere consegnati 33 milioni di metri cubi di gas naturale al giorno. Ciò corrisponde al 20 per cento della produzione massima giornaliera a cui la Russia ha ridotto le consegne poche settimane fa.

7:53 – Rifugiati ucraini: l’addetto all’integrazione segna un bilancio positivo

Il Commissario del governo federale per l’integrazione ritiene che l’accoglienza e l’integrazione dei profughi di guerra provenienti dall’Ucraina abbia funzionato bene finora e pertanto dovrebbe essere un modello. Con l’accesso immediato al mercato del lavoro e al ciclo di integrazione, nonché ai servizi da un’unica fonte dai centri per l’impiego, l’accesso ha avuto generalmente successo, ha detto a dpa il politico SPD Reem El-Abali-Radovan. “Questo dovrebbe essere il modello per la nostra politica di immigrazione e integrazione in modo da essere un paese aggiornato di immigrazione e integrazione”.

5:49 – Gli Stati Uniti si aspettano attacchi russi alle infrastrutture in Ucraina

Gli Stati Uniti prevedono di aumentare gli attacchi russi alle infrastrutture civili e alle strutture statali in Ucraina nei prossimi giorni. Questo è venuto da un avviso di sicurezza del Dipartimento di Stato a Washington lunedì sera. “Se senti una forte esplosione o una sirena, mettiti subito al riparo”, si legge nella nota. “Quando ti trovi all’interno di una casa o di un edificio, spostati al livello più basso della struttura con il minor numero di pareti esterne, finestre e aperture. Chiudi tutte le porte e siediti vicino al muro interno, lontano da tutte le finestre e le aperture”.

02:34 – Il capo di IW Hüther avverte la fine delle sanzioni e il Nord Stream 2 va in diretta

Sei mesi dopo l’inizio della guerra, Michael Hauther, capo dell’Istituto economico tedesco (IW), ha valutato le sanzioni occidentali. Le sanzioni stanno dando i loro frutti, soprattutto quelle legate all’esportazione di beni high-tech. “La Russia non può solo utilizzare la penultima tecnologia, e quindi è costantemente ostacolata nel progresso tecnico”, afferma Hüther del Rheinische Post, secondo un rapporto preliminare.

“Quando si tratta di energia, d’altra parte, abbiamo meno leva”. Ma i combustibili fossili non hanno comunque un futuro a lungo termine. Alla fine, la Russia sta solo accelerando la trasformazione dell’economia tedesca verso una maggiore protezione del clima. Le sanzioni sono valide perché l’Occidente mostra solidarietà all’Ucraina. La Germania ha adottato una decisione sulle misure in stretta collaborazione con i partner transatlantici; La Germania non dovrebbe rubare questa solidarietà ora”. Anche la controversia sul Nord Stream 2 è un dibattito fasullo. “Non cambierà nulla se consentiamo al gasdotto di connettersi alla rete. Anche qui Putin può trovare scuse per accenderlo e spegnerlo”.

02:18 – L’importo della tassa sul gas potrebbe cambiare di nuovo in inverno

Secondo la società responsabile, è probabile che l’importo della tassa sul gas cambi presto. “L’allocazione può essere modificata ogni tre mesi. A causa dello sviluppo dinamico, suppongo che la tassa dovrebbe essere adeguata quest’inverno”, ha affermato Torsten Frank, amministratore delegato di Trading Hub Europe, di Rheinische Post. “Il costo aggiuntivo potrebbe diminuire se la situazione si calma, ma potrebbe anche salire se, ad esempio, Gazprom dovesse ridurre le consegne o se cambiassero le aspettative delle aziende”.

Il costo aggiuntivo è destinato a beneficiare i fornitori che devono acquistare gas alternativo dalla Russia per il gas perso e più economico a prezzi elevati. Trading Hub Europe calcola l’importo dell’imposta come joint venture tra gli operatori del sistema di trasporto. La società ha fissato la tassa a 2,4 centesimi per kilowattora la scorsa settimana.

02:01 – Gli Stati Uniti respingono la richiesta dell’Ucraina di vietare i visti a tutti i russi

Il governo degli Stati Uniti respinge la richiesta dell’Ucraina di un divieto generale di visto per i russi. Un portavoce del Dipartimento di Stato ha dichiarato: “Gli Stati Uniti non vorranno chiudere le vie di asilo e sicurezza per i dissidenti russi o altri minacciati di violazioni dei diritti umani”.

Puoi ascoltare il podcast WELT qui

Per visualizzare i contenuti incorporati, è necessario il tuo consenso revocabile al trasferimento e al trattamento dei dati personali, poiché tale consenso è richiesto dai fornitori di contenuti incorporati in quanto fornitori di terze parti [In diesem Zusammenhang können auch Nutzungsprofile (u.a. auf Basis von Cookie-IDs) gebildet und angereichert werden, auch außerhalb des EWR]. Impostando l’interruttore a levetta su “On”, accetti questo (che può essere revocato in qualsiasi momento). Ciò include anche il tuo consenso al trasferimento di determinati dati personali a paesi terzi, inclusi gli Stati Uniti d’America, in conformità con l’articolo 49, paragrafo 1, lettera a), del regolamento generale sulla protezione dei dati (GDPR). Puoi trovare maggiori informazioni a riguardo. Puoi revocare il tuo consenso in qualsiasi momento tramite il toggle e tramite Privacy in fondo alla pagina.

La storia di una battaglia tedesca per l’Ucraina. Iscriviti subito a “Close to it – il podcast di reportage”. spotifyE il Podcast di AppleE il Deezer o direttamente RSS Feed.

READ  Michael Kretschmer: "Non accettiamo immigrati nell'Unione Europea o in Germania"