Maggio 19, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Guerra in Ucraina: la guerra di Russia distrugge il primo giorno di scuola di Alex | Politica

Guerra in Ucraina: la guerra di Russia distrugge il primo giorno di scuola di Alex |  Politica

Queste immagini simboleggiano l’orrore che la Russia infligge ogni giorno a milioni di bambini ucraini.

Il 1° settembre è tradizionalmente il giorno dell’ingresso a scuola in Ucraina. Lo stesso vale per il piccolo Alex, che da settimane aspetta questo giorno come il Re delle Nevi. Acquista libri di testo, prova le penne e prova i tuoi vestiti migliori il giorno prima.

Sarebbe stato tutto così bello.

Se non fosse per la brutale guerra che la Russia sta conducendo, che il dittatore Vladimir Putin sta conducendo contro il suo vicino da 18 mesi.

Perché il padre di Alex, Mark, difende il suo paese. Combatte da mesi sul fronte di Donetsk e partecipa alla controffensiva ucraina. Ma non negli ultimi nove giorni, quando papà Mark ha ottenuto per la prima volta quest’anno un congedo più lungo dal fronte.

Il piccolo Alex era già vestito per il suo grande giorno giovedì

Foto: privata

“Ero così felice che abbia potuto accompagnare Alex al suo primo giorno di scuola e al suo ultimo giorno a casa”, dice sua madre Alina alla rivista BILD. “È stata una felice coincidenza che sia ancora lì oggi”, dice Alina.

Ma tutto questo è troppo per Alex, che ha appena compiuto sei anni ed è già consapevole che suo padre sta rischiando la vita per lui, per sua madre e per il suo paese.

La mattina, poco prima che mamma e papà andassero a scuola, Alex scoppiò in lacrime, abbracciando suo padre e non volendo lasciarlo andare. Sa che suo padre deve prendere il treno subito dopo la cerimonia d’ingresso a scuola. Deve ritornare alla sua unità entro le tre del pomeriggio.

Padre Mark tiene suo figlio tra le braccia mentre Alex piange amaramente

Padre Mark tiene suo figlio tra le braccia mentre Alex piange amaramente

Foto: privata

Papà deve tornare in guerra. Alex è devastato. “C’è stata una guerra da quando aveva quattro anni. Non voleva parlarne, ora lo capisce meglio e si sente molto triste”, dice mamma Alina.

Sua madre stringe il telefono, desiderosa di catturare la scena straziante, e scatta una foto sfocata. Ha twittato, in parte scoraggiata, in parte arrabbiata: “Mattina del 1 settembre. Prima lezione. Doveva essere un giorno festivo, ma mio padre torna al lavoro… Ragazzo che piange e urla: ‘Papà non tornerà'”. !” Maledetta guerra! La odio!

Più tardi quello stesso giorno, ha detto alla rivista BILD: “È semplicemente tragico. Alex ha bisogno di suo padre. Come ogni bambino. Ma non lo ha”. Quando le è stato chiesto quando lei e suo figlio avrebbero rivisto suo marito e suo padre, Alina ha alzato le spalle, con le lacrime agli occhi: “Non lo sappiamo”.

La guerra di Putin perseguita la famiglia

La guerra di Putin ha perseguitato la famiglia per otto anni. Ha vissuto a Horlivka fino al 2015, quando gli pseudo-separatisti russi hanno invaso l’area e l’hanno posta sotto il controllo del Cremlino.

Poi è fuggita a Kramatorsk, a 60 chilometri di distanza, e ha vissuto lì fino alla primavera del 2022, ma la sete di territorio di Putin a ovest non era ancora soddisfatta.

Il 24 febbraio 2022 l’esercito russo ha continuato la sua avanzata, bombardando Kramatorsk con tutto ciò che aveva. Alina e la sua famiglia sono state costrette a fuggire nuovamente. Questa volta nell’estremo ovest dell’Ucraina. Era chiaro a suo marito che doveva difendere la sua patria. Mark si è offerto volontario per l’esercito.

Alex sta orgogliosamente davanti alla sua nuova scuola.  D'ora in poi va alla prima classe

Alex sta orgogliosamente davanti alla sua nuova scuola. D’ora in poi va alla prima classe

Foto: privata

Mesi dopo, il fronte orientale si stabilizzò e la famiglia vi ritornò. Oggi Alina e Alex vivono nella regione del Dnipro, a circa 100 chilometri a nord del fronte. Padre Mark continua a combattere. “Finché dovrebbe essere”, dice Alena con aria di sfida.

Alina è un’insegnante e lavora nella stessa scuola dove ora studia suo figlio Alex. “Dopo il suo primo giorno di scuola, Alex ha dovuto sedersi in quarta fila e aspettare che io finissi, verso le 15:00, e potessimo tornare a casa insieme”, dice alla rivista BILD.

Senza papà! Perché era già di nuovo in guerra…