Marzo 4, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Guerra in Medio Oriente: un cacciatorpediniere americano risponde ad un attacco contro una petroliera nel Mar Rosso

Guerra in Medio Oriente: un cacciatorpediniere americano risponde ad un attacco contro una petroliera nel Mar Rosso
al di fuori Guerra in Medio Oriente

Un cacciatorpediniere americano risponde ad un attacco contro una petroliera nel Mar Rosso

Netanyahu ha dichiarato: “Continueremo fino alla fine, fino alla vittoria e fino alla distruzione di Hamas”.

Nonostante gli appelli internazionali per un cessate il fuoco nella Striscia di Gaza, il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu vuole continuare la guerra contro il movimento islamico Hamas. Tuttavia, Israele sta perdendo sempre più sostegno.

Puoi ascoltare i nostri podcast WELT qui

Per visualizzare i contenuti incorporati è necessario ottenere il consenso revocabile al trasferimento e al trattamento dei dati personali, poiché i fornitori di contenuti incorporati richiedono questo consenso in quanto fornitori di servizi terzi. [In diesem Zusammenhang können auch Nutzungsprofile (u.a. auf Basis von Cookie-IDs) gebildet und angereichert werden, auch außerhalb des EWR]. Impostando l’interruttore su “On”, accetti questo (revocabile in qualsiasi momento). Ciò include anche il tuo consenso al trasferimento di determinati dati personali a paesi terzi, inclusi gli Stati Uniti, ai sensi dell’articolo 49, paragrafo 1, lettera a) del GDPR. Puoi trovare ulteriori informazioni a riguardo. Puoi revocare il tuo consenso in ogni momento utilizzando il tasto privacy a fondo pagina.

Un nuovo incidente nel Mar Rosso: secondo l’esercito americano, i ribelli Houthi hanno tentato di salire a bordo di una petroliera. L’attacco fallì. Un cacciatorpediniere della Marina statunitense ha abbattuto anche un drone.

HUn cacciatorpediniere della Marina statunitense ha risposto a una richiesta di soccorso nel Mar Rosso proveniente da una petroliera che secondo funzionari statunitensi era stata attaccata dai ribelli Houthi nello Yemen. Il comando regionale dell’esercito americano ha annunciato la responsabilità giovedì alle 10.00Le forze Houthi hanno tentato di salire a bordo della petroliera. Tuttavia, il tentativo fallì. Due missili sono stati poi lanciati contro la nave dalle aree dello Yemen controllate dagli Houthi. Ed entrambi hanno mancato l’obiettivo.

Ha aggiunto che il cacciatorpediniere ha anche abbattuto un drone che si dice sia stato lanciato da un’area dello Yemen controllata dagli Houthi. Non ci sono stati feriti o danni. Gli Houthi non hanno ancora commentato.

Leggi anche

Secondo quanto riferito, la nave cisterna su cui sono stati lanciati i missili era la “Ardmore Encounter”, battente bandiera delle Isole Marshall, carica di cherosene. La nave era diretta verso il Canale di Suez nel Mar Rosso, secondo i dati satellitari analizzati dall’agenzia di stampa Associated Press. La nave era salpata dall’India e aveva a bordo una squadra di sicurezza armata, secondo i dati forniti dalla nave stessa.

I ribelli Houthi, sostenuti dall’Iran, hanno ripetutamente attaccato Israele con droni e missili dallo scoppio della guerra di Gaza. Recentemente hanno minacciato di impedire alle navi di qualsiasi nazionalità di attraversare il Mar Rosso dirette verso Israele. Potranno passare solo le navi mercantili che trasportano aiuti alla Striscia di Gaza. I ribelli hanno detto che tutti gli altri diventeranno “bersagli legittimi delle nostre forze armate”.

Gli Houthi hanno già attaccato più volte navi nel Mar Rosso. Negli ultimi anni hanno notevolmente ampliato il loro arsenale.

Un altro missile proveniente dallo Yemen ha mancato la nave mercantile

Giovedì: un missile lanciato dal territorio controllato dai ribelli nello Yemen ha mancato una nave portacontainer che stava per entrare nel Mar Rosso. Un funzionario americano, parlando in condizione di anonimato, ha detto che il missile ha colpito le acque nello stretto di Bab al-Mandeb vicino alla nave portacontainer Maersk Gibilterra, che batte bandiera di Hong Kong. La nave era in viaggio da Salah in Oman a Jeddah in Arabia Saudita e non è stata danneggiata.

Leggi anche

Il leader politico di spicco del movimento Hamas, Al-Ismaili

In precedenza, l’Agenzia militare britannica per le operazioni commerciali marittime nel Regno Unito, che monitora le rotte marittime in Medio Oriente, ha emesso un avvertimento sullo stretto che collega il Mar Rosso al Golfo di Aden. La società di intelligence privata Ambrey ha affermato che anche la nave “Maersk Gibraltar” è stata contattata via radio dalla presunta marina yemenita prima del lancio del missile. La Marina ha chiesto alla nave di determinare la rotta verso lo Yemen. Ambri sospetta che gli autori del messaggio siano i ribelli Houthi.

Qui troverai contenuti di terze parti

Per visualizzare i contenuti incorporati è necessario ottenere il consenso revocabile al trasferimento e al trattamento dei dati personali, poiché i fornitori di contenuti incorporati richiedono questo consenso in quanto fornitori di servizi terzi. [In diesem Zusammenhang können auch Nutzungsprofile (u.a. auf Basis von Cookie-IDs) gebildet und angereichert werden, auch außerhalb des EWR]. Impostando l’interruttore su “On”, accetti questo (revocabile in qualsiasi momento). Ciò include anche il tuo consenso al trasferimento di determinati dati personali a paesi terzi, inclusi gli Stati Uniti, ai sensi dell’articolo 49, paragrafo 1, lettera a) del GDPR. Puoi trovare ulteriori informazioni a riguardo. Puoi revocare il tuo consenso in ogni momento utilizzando il tasto privacy a fondo pagina.