Febbraio 27, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Guerra in Medio Oriente: Hamas libera altri sei ostaggi

Guerra in Medio Oriente: Hamas libera altri sei ostaggi

Al: 30 novembre 2023 alle 22:35

L’organizzazione terroristica Hamas ha consegnato altri sei ostaggi alla Croce Rossa. Giovedì sono stati rilasciati otto ostaggi. Ma non è chiaro se il cessate il fuoco verrà nuovamente prorogato.

Giovedì il Movimento di resistenza islamica Hamas ha rilasciato altri otto ostaggi. Inizialmente due donne sono state consegnate alla Croce Rossa giovedì pomeriggio. L’esercito israeliano ha confermato che in serata sono seguiti altri sei ostaggi. Si tratta di sei israeliani rapiti nella Striscia di Gaza.

I media israeliani hanno riferito che la consegna degli altri sei ostaggi è stata ritardata a causa della loro detenzione in diverse località della Striscia di Gaza. Inizialmente non era chiaro se durante la consegna fossero stati consegnati anche i corpi dei tre ostaggi morti. Hamas aveva precedentemente dichiarato che stava negoziando con Israele anche per quanto riguarda la consegna dei morti.

Sono stati rilasciati anche un totale di 14 tedeschi

In cambio, i prigionieri palestinesi verranno rilasciati dalle carceri israeliane. Secondo quanto riportato dall’agenzia di stampa Reuters, sarebbero 22 i giovani uomini e otto le donne israelo-palestinesi che verranno rilasciati dalle carceri israeliane.

Secondo The Times of Israel, il governo israeliano sospetta che ci siano ancora circa 140 ostaggi nella Striscia di Gaza. Tuttavia, si dice che tra loro ci siano solo poche donne e bambini. C’è quindi da chiedersi quanto potrà durare l’attuale procedura, secondo la quale donne e bambini vengono rilasciati in cambio di una proroga del cessate il fuoco. Dall’inizio del cessate il fuoco, venerdì scorso, sono stati rilasciati più di 100 ostaggi rapiti da Hamas nella Striscia di Gaza, tra cui 14 israeliani con cittadinanza tedesca. In cambio, Israele ha rilasciato più di 200 prigionieri palestinesi dalle sue carceri.

Il cessate il fuoco sarà nuovamente prorogato?

Non è chiaro quanto durerà il cessate il fuoco nella guerra tra Israele e la Striscia di Gaza. Giovedì sera, poco prima della scadenza del termine, Israele e Hamas hanno concordato di estendere il cessate il fuoco di un giorno fino a venerdì mattina.

I mediatori Egitto e Qatar hanno tentato di estendere nuovamente l’accordo. Il Servizio d’informazione egiziano ha dichiarato: “Sono in corso contatti egiziano-qatarini per estendere il cessate il fuoco per altri due giorni”. Ciò consentirebbe il rilascio di più prigionieri e ostaggi e l’arrivo di più aiuti umanitari nella Striscia di Gaza.

“Fine dei patti con il diavolo”

Intanto crescono le critiche al cessate il fuoco in Israele. Dopo l’attacco avvenuto alla stazione degli autobus di Gerusalemme, rivendicato da Hamas, che ha provocato la morte di tre persone e il ferimento di altre, il ministro della polizia israeliano di estrema destra, Itamar Ben Gvir, ha chiesto la fine al cessate il fuoco. Il ministro aveva già scritto sulla piattaforma Twitter X: “Hamas con una mano firma il cessate il fuoco e con l’altra manda i terroristi a uccidere gli ebrei a Gerusalemme”.

Ha aggiunto: “Dobbiamo porre fine agli accordi con il diavolo e tornare immediatamente a combattere con grande forza per raggiungere l’obiettivo finale della guerra: la completa distruzione di Hamas (…).”

Anche il portavoce del governo israeliano Elon Levy si è espresso a favore della ripresa dei combattimenti. Ne ha anche scritto

Blinken chiede azioni contro i coloni violenti

La liberazione degli altri ostaggi nella Striscia di Gaza è stata anche oggetto di discussioni tra il segretario di Stato americano Anthony Blinken e il presidente Isaac Herzog durante la sua visita in Israele. Blinken ha anche invitato Israele a ritenere responsabili i coloni violenti in Cisgiordania. Il Dipartimento di Stato americano ha affermato che “le tensioni in Cisgiordania” devono essere calmate. Per raggiungere questo obiettivo, “Israele deve adottare misure immediate per ritenere i coloni estremisti responsabili degli atti di violenza contro i civili palestinesi”.

In un altro incontro con Netanyahu, Blinken ha sottolineato che “è necessario affrontare le esigenze umanitarie e di protezione civile nel sud della Striscia di Gaza prima di effettuare operazioni militari lì”, secondo il Dipartimento di Stato americano. Ha sottolineato che gli Stati Uniti continuano a “impegnarsi a compiere passi concreti per rafforzare lo Stato palestinese”.