Ottobre 3, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Guerra in Europa: un esperto di traumi spiega come affrontare la paura persistente

ci ha svegliato –

È una guerra. La guerra in Europa. Immagini e video si riversano su di noi, mostrando violente esplosioni, carri armati e incendi. Quello che era nell’immediato futuro nelle ultime settimane e nei giorni passati è diventato realtà giovedì sera. C’è una guerra in Ucraina, è così che la voleva Vladimir Putin.

Shock anche per noi in Germania. Molti provano di nuovo la paura, una sensazione che esiste dall’inizio Crisi corona Definisce la nostra vita quotidiana, anche se questa volta il “nemico” è completamente diverso. FOCUS Online ha parlato con l’esperto di traumi Thomas Loew su ciò che guida questa paura costante in noi e su come possiamo superarla.

Il conflitto in Ucraina suscita vecchie paure e rabbia

“Prima di tutto, dobbiamo capire perché questo evento è così importante per noi”, afferma lo psichiatra e specialista psicosomatico. Il conflitto in Ucraina, l’invasione delle forze russe, ha un contesto storico. “L’attacco mobilita ricordi ancestrali in molte famiglie”, spiega Loew. “Alcuni di loro provenivano essi stessi dall’Oriente, in altri casi gli antenati provenivano In Russia combattuto.” Poi ci sono quelli che hanno avuto esperienze personali con i russi nella Germania dell’Est. “La parte è stata loro per molto tempo”, dice Loew.

Tutti questi aspetti hanno portato a questo conflitto che ci ha colpito personalmente. “Vecchie paure e rabbia ribollono qui.” A ciò si aggiunge la vicinanza geografica di Ucraina e Russia: “Dista circa 2.000 km dal confine. E sembra molto vicino”.

In generale, un esperto di traumi consiglia di non approfondire troppo le notizie del conflitto. “È bello essere informati, ma forse due volte al giorno saranno sufficienti”.

READ  La sonda della NASA dovrebbe entrare in collisione con gli asteroidi il 26 settembre

Chiunque sia interessato all’argomento in merito l’ora Love avverte che i commenti possono entrare in un circolo vizioso. “Più ci occupiamo di queste immagini, più reale diventa l’immagine che si forma nella nostra testa. Ed è difficile allontanarsene. Quindi il mio consiglio, per quanto banale possa sembrare, è: guadagna una certa distanza”.

La crisi del Corona ci ha derubato delle nostre risorse psicologiche

Ma non solo Il conflitto in Ucrainache ci infastidisce. La pandemia ha colpito mentalmente molti di noi negli ultimi due anni. E lo fai ancora. Mentre alcuni hanno lottato con la potenziale chiusura di ristoranti o club, altri devono prendere decisioni importanti ogni giorno. “C’è ancora carenza di personale nelle cliniche”, afferma Loew, che dirige lui stesso i dipartimenti dell’ospedale universitario di Ratisbona e della clinica Donostof. “Ci sono domande come: dovrei annullare gli interventi chirurgici?” o “Posso fare il mio lavoro”, descrive. “È un peso enorme. È ciò che fa arrabbiare le persone”.

Pertanto, la situazione attuale rappresenta un doppio onere per molte persone, e i giovani in particolare, che non hanno notato molto di queste crisi negli ultimi anni, sono attualmente colpiti dalla situazione. “Siamo stati in un’era felice dagli anni ’80”, spiega Loew. Ultimamente hanno funzionato molte cose che prima non funzionavano. “Ma dobbiamo renderci conto che gli eventi mondiali sono sempre stati alti e bassi e lo saranno sempre”, spiega.

Ci sono state fasi come gli anni Venti d’oro – e poi è arrivata la crisi economica. “Ed è quello che è ora”, sottolinea l’esperto di traumi. “Siamo stati molto fortunati per molti anni. Poi è arrivata Corona. E ora sta arrivando questa guerra”. Ma la buona notizia è: “Sta migliorando di nuovo. Noi umani viviamo, esseri creativi. Ci adatteremo. E poi ci riprenderemo”.

READ  Il pancreas artificiale come soluzione "fai da te" - una pratica di guarigione

Un metodo in 3 fasi per la resilienza in una crisi

Per costruire tale resilienza e mantenere la stabilità nelle crisi, un esperto di traumi chiama un metodo a tre fasi. È composto da elementi

  • Facilità di gestione (facile da gestire)
  • il punto (indicazione) E il
  • comprensione (Capacità di comprensione).

Prima di allora, secondo l’Amore test di resistenza Per determinare quanta pressione è su di te personalmente.

1. Facilità di gestione

L’amore consiglia “Come primo passo, tieni presente quanto segue: “Non importa cosa succede nel mondo: posso gestire la mia vita quotidiana. Sono in grado di organizzare le cose di tutti i giorni.” Anche se influenze esterne, come l’attuale ondata di Omicron e la minacciosa crisi economica, hanno un effetto su di te e ti prosciugano: “Puoi gestire la situazione attuale”.

2. Fattibilità

Il secondo passo, secondo l’Amore, dovrebbe essere pensare all’importanza della nostra vita. L’amore consiglia di “ricordare”: “La mia vita ha uno scopo. Ho una chiara focalizzazione su ciò che voglio ottenere per me stesso e per la mia famiglia. So da dove derivare la mia autostima”. Le generazioni più anziane in particolare possono essere a conoscenza di: “Sono qui ora per i miei figli e nipoti. Li sto aiutando a gestire la situazione in questa situazione il più possibile”.

3. Assorbimento

Il terzo passo, secondo Love, è capire la situazione attuale. “Questo non significa che devi capire perché le forze russe hanno invaso l’Ucraina”, ha sottolineato. Piuttosto, si tratta di capire perché la situazione ci sta colpendo personalmente.

Come accennato all’inizio, devi essere chiaro: Mi sento così ora perché riguarda la mia storia, la storia della mia famiglia, la storia del mio paese. Questi ricordi travolgono la situazione e mi colpiscono”.

Le persone imparano ad adattarsi

Loew è sicuro che “supereremo mentalmente questa crisi”. “Se notiamo ora, ad esempio, che la benzina sta tornando cara, i risparmi torneranno di nuovo, come era negli anni Settanta. Questo è solo un piccolo esempio, ma quello che voglio dire è che siamo resilienti. Noi impara: i problemi che non riesco a risolvere Ad un certo punto non sono più problemi, ma sfide per trovare nuove strade.

READ  Presenza di oltre 500: nuovi casi di corona diffusi a Odenwald | hessenschau.de

Infine, l’Amore ha fatto un altro punto. “C’è un’altra cosa che voglio sottolineare”, dice. Molti russi o persone con radici vivono lì in Germania. Potrebbe essere una delle cose più difficili per loro. Non sono responsabili del fatto che la situazione sia diventata molto pericolosa. In molti casi sono fuggiti loro stessi dal paese perché non volevano più viverci. Non dovremmo trattarli con ostilità. Invece, capiamoci: non è colpa tua”.