Aprile 21, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Guerra | Governatore: le difese aeree russe distruggono 18 “obiettivi aerei” nei cieli di Belgorod

Guerra |  Governatore: le difese aeree russe distruggono 18 “obiettivi aerei” nei cieli di Belgorod

La Russia annuncia un tentativo di attacco. Il combattente filo-ucraino si è fatto esplodere durante il suo arresto. Maggiori informazioni nel blog delle notizie.

Le cose più importanti a colpo d'occhio


Governatore: le difese aeree russe distruggono 18 “obiettivi aerei” nei cieli di Belgorod

1:06: Secondo il governatore locale, le difese aeree russe hanno abbattuto 18 “obiettivi aerei” sulla regione di Belgorod, nel sud della Russia. Vyacheslav Gladkov ha detto sull'app Telegram che una persona è rimasta ferita e case e veicoli sono stati danneggiati. La regione di Belgorod si trova al confine con l'Ucraina.

Un tribunale della Moldavia respinge il divieto di partecipazione alle elezioni per un partito filo-russo

00:49: La Corte Costituzionale della Moldavia ha annullato una legge volta a vietare la partecipazione elettorale di un partito legato all'uomo d'affari filo-russo fuggitivo Ilan Shor. Shor, che è stato condannato in contumacia a 15 anni di carcere con l'accusa di corruzione, ha organizzato rumorose proteste di strada dal suo esilio in Israele contro il presidente della Moldavia Maia Sandu, che chiede al paese confinante con l'Ucraina di aderire all'Unione Europea. Sandu accusa Shor di voler indebolire le istituzioni della Moldavia con l'aiuto della Russia. Secondo Sandu la Russia rappresenta la più grande minaccia alla sovranità della Moldavia. La regione separatista della Transnistria a est e la leadership della regione autonoma della Gagauzia a sud, legata a Ilan Shor, hanno chiesto sostegno alla Russia nelle ultime settimane.

L'Ucraina sostituisce il presidente del Consiglio di sicurezza

15:47: L'Ucraina annuncia un cambiamento al vertice del Consiglio di Sicurezza. Oleksandr Litvinenko sostituirà Oleksiy Danilov nella carica di segretario, secondo il sito web dell'ufficio presidenziale. Non è stata fornita alcuna motivazione.

Danilov è stato nominato nell'ottobre 2019, pochi mesi dopo l'insediamento del presidente Volodymyr Zelenskyj. Il Consiglio di sicurezza e difesa nazionale dell’Ucraina sta lavorando al coordinamento. Riferisce al presidente ed è composto dai più importanti rappresentanti della politica, dell'esercito e dei servizi di sicurezza.

Consiglio di sicurezza russo: dietro l’attacco c’è l’Ucraina

14:36: Nonostante le credibili rivendicazioni da parte dei terroristi islamici, il segretario del Consiglio di sicurezza nazionale russo, Nikolai Patrushev, ha accusato l'Ucraina dell'attacco vicino a Mosca venerdì scorso.

Alla domanda dei giornalisti se dietro l'attacco alla sala concerti Crocus City Hall, in cui sono morte almeno 139 persone, ci fosse la milizia terroristica dello “Stato islamico” o l'Ucraina, Patrushev ha risposto, secondo l'agenzia statale TASS: “Certamente, l'Ucraina .” Il 72enne, che più volte è apparso come un ardente sostenitore della guerra d'aggressione della Russia contro l'Ucraina, non spiega come sia arrivato a questa valutazione.

Poco dopo Patrushev ha fatto un passo indietro e ha raccontato a un giornalista televisivo russo del presunto coinvolgimento ucraino: “Ci sono molte indicazioni a riguardo”. Ora, però, ammette anche che l’indagine è ancora in corso e l’esito non è chiaro.

Ucraina: le nuove affermazioni della Russia sono solo bugie

13:29: L'Ucraina respinge anche le recenti affermazioni della Russia secondo cui c'era proprio lei dietro l'attacco alla sala da concerto vicino a Mosca. Sono bugie, come spiega su SMS X Mykhailo Podoliak, stretto consigliere del presidente ucraino Volodymyr Zelenskyj: “Le bugie sono ufficialmente diffuse da Patrushev e poi dal capo dell’FSB Bortnikov”. Nikolai Patrushev è il segretario dell'influente Consiglio di sicurezza nazionale russo, e Alexander Bortnikov è il direttore del servizio di intelligence interno russo, l'FSB.

“Sciocchezze”: il ministro della Difesa Shoigu contraddice Vladimir Putin

13:23: Il ministro della Difesa russo Sergei Shoigu ritiene che non sia necessaria un'ulteriore mobilitazione di soldati per proteggere una zona cuscinetto nella regione di confine. L'agenzia di stampa RIA ha citato Shoigu, vicino al presidente russo Vladimir Putin, che ha affermato che un'idea del genere è “una sciocchezza”.

Putin ha recentemente affermato che potrebbe essere necessario occupare una zona cuscinetto per proteggere la regione di Belgorod. Questa regione si trova al confine con l’Ucraina e negli ultimi mesi è stata oggetto di ripetuti e massicci attacchi da parte delle forze armate ucraine.

Presumibilmente fatto saltare in aria: la Russia denuncia un tentato attentato

11:03: Secondo l'agenzia di stampa Interfax, il servizio segreto russo FSB ha sventato un attacco nella regione di Samara. L'agenzia ha riferito, citando il Servizio federale di sicurezza, che l'aggressore si è fatto esplodere durante l'arresto. Era un associato del Corpo dei Volontari Russi, che comprendeva russi filo-ucraini.