Dicembre 6, 2021

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Guerra dell’alcol per “Prošek”: tra Italia e Croazia schiuma

Prosecco o Prosek? I croati vogliono che l’UE riconosca il loro vino, il cui nome è simile al famoso spumante italiano. Gli italiani vogliono impedirlo. Entrambe le parti hanno scavato in profondità negli archivi.

In Vino Veritas, come dice un famoso proverbio, c’è verità nel vino. Ma è vero? Naturalmente, l’uno o l’altro può far scivolare alcuni fatti in uno stato felice e potrebbero pentirsene il giorno successivo. Si tratta di alcol, ma si può parlare di una vera e propria guerra dell’alcol, un fatto molto secco che Italia e Croazia sono ai ferri corti da anni.

Da una prospettiva italiana, si tratta del Prosecco o delle sue origini. Si riferisce ai nomi di luoghi e paesaggi strettamente legati all’origine di un determinato prodotto. Si tratta, secondo Prosecco, di un territorio in crescita tra Valdobiadine e Gonegliano in provincia di Treviso, dal 2019 Patrimonio dell’Umanità UNESCO. Pertanto, i vini che non provengono da questa parte d’Italia non si chiameranno Prosecco o qualcosa del genere.

Ciò non impedisce alla Croazia di richiedere alla Commissione europea l’inclusione del nome tradizionale croato “Prosek” nella Gazzetta ufficiale dell’UE. Questo è il secondo tentativo della Croazia dopo che il primo tentativo è stato respinto poco dopo l’ingresso nell’UE nel 2013.

Quando si sente la parola Prosek, il disinvolto pensa subito al sano Proseco italiano, che insieme alle miti serate estive del mare, allieta una festa o crea l’atmosfera perfetta per un incontro. Solo gli esperti sanno che Prošek e Prosecco sono due bevande diverse: la parola croata, nel sud della Croazia, descrive più precisamente un vino dolce o salato che si trova in Dalmazia.

READ  Guida Michelin Italia 2021: Due nuovi 2 stelle

Si tratta soprattutto di politica

A causa della “voce italiana” che trae in inganno il comune cittadino, Roma, insieme ai sindacati del Prosecco, ha nuovamente presentato opposizione alla richiesta croata. Scade giovedì prossimo il termine per gli italiani per presentare i documenti definitivi alla Commissione Ue.

Questa non è una prova.

(Foto: Image Alliance / PIXSELL)

Gli italiani sono infastiditi, a loro non interessa molto. In un’intervista a ntv.de, Luca Kiawi, direttore generale dell’associazione “Consorzio di tutela Prosecco Doc”, ha dichiarato: “Ci siamo incontrati più volte con i viticoltori croati”. In qualche modo faremo i conti con gli italiani, dicono. “Al contrario, la politica insiste su questo. Lo conferma il ministro dell’Agricoltura italiano Stefano Patuanelli:” I produttori di Prošek hanno il loro mercato, salvo un leggero aumento di prezzo, non possono ottenere molto da esso “, dice. “È diverso per i politici croati”.

In effetti, c’è motivo di guardare con calma alla polemica tra i viticoltori romani Roma e Zagabria. Prosek croato poche centinaia di bottiglie all’anno. Ben diversa la situazione con il Prosecco italiano, che ha prodotto oltre cinque milioni di bottiglie entro il 2020 ed è il vino più venduto al mondo.

Kiawi afferma che i politici croati sono preoccupati per l’orgoglio nazionale. Ma in Italia non sembra diverso. Ecco perché sia ​​Zagabria che Roma stanno provando la storia. Il focus è sulla città del Prosecco. Il locale è di proprietà di Trieste e non è lontano dal confine sloveno tra Villa Obsina e Santa Croce.

Uno scudo di rame del 1585

Entrambe le parti hanno a lungo esaminato documenti storici ed è difficile trovare prove conclusive che la loro affermazione sia corretta. L’Italia sembra aver recentemente fatto centro: la nota azienda vinicola Sonin ha trovato nel suo archivio una lastra di rame del 1585, in cui la città del Prosecco veniva nominata “Proseque”. All’epoca la parte orientale del Friuli-Venezia Giulia faceva parte dell’Impero asburgico. Quanto a Roma, questa è una testimonianza del posto dei croati al loro posto.

READ  La Francia ha lanciato un ultimo avvertimento all'Inghilterra

Naturalmente, Zagabria non è rimasta colpita. Da parte sua, il ministro dell’agricoltura croato Marija Vukovic sottolinea che il Prosek viene prodotto nel sud della Croazia da centinaia di anni. “Nessuno può dire che Prošek derivi dal Prosecco italiano. Prošek è una parola tradizionale usata per il nostro vino dolce fin dal XVIII secolo.”

L’Italia è ancora ottimista. Kiawi ha ricordato la perdita dell’Italia qualche anno fa. All’epoca si trattava della richiesta da parte dei viticoltori friulani di utilizzare il nome “Tokai”. In questa controversia, l’UE ha concordato con l’Ungheria perché è lì che si trova l’area vinicola di Tokaz. “Il nostro tokai ora si chiama friulano”, spiega Kiawi. Quindi sarebbe incomprensibile se la Commissione seguisse le argomentazioni croate in Prosek.

Inoltre, un tale verdetto è pericoloso per tutte le origini europee. “Non è che non possiamo più difendere il nome Prosecco da soli al di fuori dell’UE”, ha detto Kiawi. La stessa cosa accade con altri nomi tradizionali europei. “Dato che la Commissione europea lo sta già ignorando, perché un tribunale statunitense dovrebbe sostenere una posizione che travisa la discendenza europea?”