Ottobre 1, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Guerra all’Ucraina: hacker russi attaccano 42 paesi

Stato: 23/06/2022 07:18

Nel cyberspazio è in corso una parte appena percettibile ma non insignificante della guerra contro l’Ucraina. Microsoft ha notato un aumento degli attacchi degli hacker russi negli ultimi quattro mesi.

Gli esperti di Microsoft hanno scoperto attacchi di hacker russi in 42 paesi dall’inizio della guerra aggressiva della Russia contro l’Ucraina. La società ha affermato che un totale di 128 organizzazioni sono state colpite.

All’inizio della guerra, le forze russe hanno attaccato il data center del governo ucraino, ha scritto Microsoft nel suo rapporto Rapporto. L’Ucraina ha superato gli attacchi del governo spostando la sua infrastruttura digitale nel cloud.

Gli Stati Uniti erano l’obiettivo più importante

In diverse ondate, hacker russi hanno lanciato attacchi contro 48 organizzazioni ucraine per distruggere programmi e dati. Microsoft ha affermato che alcuni degli attacchi hanno avuto successo, ma la difesa è stata generalmente buona.

Secondo il rapporto, ci sono stati attacchi informatici anche in altri paesi. Secondo Microsoft, l’obiettivo più importante erano gli Stati Uniti d’America, ma anche, ad esempio, la Polonia, che ha coordinato gli aiuti umanitari all’Ucraina. Anche gli stati baltici sono stati colpiti, così come la Danimarca, la Norvegia, la Finlandia, la Svezia, la Turchia e altri paesi della NATO.

difesa asimmetrica

Secondo Microsoft, la Russia è particolarmente interessata ai computer governativi appartenenti agli Stati membri della NATO. Ma anche le ONG, le società informatiche, le società energetiche e altri importanti operatori infrastrutturali sono interessati.

Esistono alcuni meccanismi difensivi, ma sono distribuiti in modo non uniforme tra i paesi. Pertanto, secondo Microsoft, le opzioni di difesa comuni sono rimaste basse.

READ  Incontro con i rappresentanti dei paesi della CSI: Putin cerca di avvicinarsi ai paesi dell'ex Unione Sovietica