Aprile 20, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Guai a casa di Trump – Secondo quanto riferito, sua figlia Ivanka ha interrotto i contatti con suo padre

Guai a casa di Trump – Secondo quanto riferito, sua figlia Ivanka ha interrotto i contatti con suo padre
  • Luca Mayer

    daLuca Mayer

    Vicino

Le cose stanno emergendo di nuovo a casa di Trump. Ma come si sente sua figlia Ivanka per suo padre? Un presunto insider riferisce della spaccatura.

WASHINGTON, – L’ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump sta facendo storie su una questione finanziaria silenziosa. Il 76enne repubblicano è stato incriminato giovedì (30 marzo). Qualche giorno fa, Trump ha effettivamente cercato di approfittare dell’accusa. Lui stesso aveva affermato che il suo arresto era imminente e allo stesso tempo aveva invitato i suoi sostenitori a protestare.

Anche se l’accusa è ancora nascosta, è già chiaro I repubblicani sono sotto processo per pagamenti a un’attrice di film per adulti Diventare. È il primo procedimento penale contro un ex presidente degli Stati Uniti.

L’ex presidente Usa Trump: figlia con una dichiarazione sui social

L’attuale relazione che circonda Donald Trump dovrebbe gravare anche sulla sua relazione con sua moglie, Melania Trump (52). Al momento ci sono varie indicazioni sull’impatto della sua relazione con la figlia maggiore, Ivanka (41 anni). Per quattro anni, la figlia ha lavorato come consulente di Donald Trump. Ivanka ha scritto su Instagram venerdì (31 marzo): “Amo mio padre e il mio paese. Oggi mi hanno ferito entrambi”.

I pubblici ministeri chiedono che a Trump (in primo piano) e ai suoi figli (sullo sfondo Ivanka Trump) venga impedito di ricoprire posizioni aziendali di vertice a vita. (foto d’archivio)

© Bernd von Gutrczynka / Dott

La 41enne ha anche scritto di apprezzare le voci di tutti i campi politici. Sia quelli che hanno sostenuto il padre sia quelli che hanno espresso preoccupazione.

Ivanka Trump: presunti rapporti interni di una relazione travagliata con suo padre

L’ex consigliere del presidente non ha scritto nulla sulla sua attuale relazione con suo padre, Donald Trump. Rivista statunitense la gente, ma vuole parlare con un insider delle implicazioni del caso attuale. Di conseguenza, la moglie di Trump, Melania, è incazzata da anni. Tuttavia, si è rifiutata di commentare pubblicamente.

Si dice che il rapporto con sua figlia Ivanka sia al momento piuttosto teso, secondo le informazioni della rivista americana. Secondo quanto riferito, la 41enne ha smesso di comunicare con suo padre qualche tempo fa. “Sebbene Ivanka ami suo padre, sa quanto possa essere impossibile per lui essere in giro a volte”, ha detto la fonte. la gente.

Donald Trump è tornato, ma la concorrenza è dura

Donald Trump vuole essere di nuovo presidente degli Stati Uniti
Adesso è finita: Donald Trump vuole ricandidarsi alla presidenza degli Stati Uniti nel 2024. Poi il miliardario di New York compirà 78 anni. Trump ha ricoperto la carica dal 2017 al 2021, ma ha perso le elezioni del 2020 ed è stato costretto a concedere un secondo mandato. Ora dovrebbe funzionare al terzo tentativo. Trump sarebbe solo il secondo presidente nella storia degli Stati Uniti a fare un simile ritorno. © Andrew Harnick/Dott
Nikki Haley si dimette da ambasciatrice degli Stati Uniti presso le Nazioni Unite, forse ricandidandosi nel 2024.
Nikki Haley è un’altra candidata per la nomination alle elezioni americane del 2024. La cinquantenne repubblicana ha cambiato la sua posizione su Donald Trump come tutti gli altri si cambiano d’abito. Un tempo ambasciatrice di Trump alle Nazioni Unite, era una stretta confidente dell’ex presidente. Dopo aver preso d’assalto il Campidoglio, Haley ha preso le distanze. Poi, un anno prima delle elezioni di medio termine, ha detto che avrebbe sostenuto Trump se si fosse candidato di nuovo. Ma nell’anno intermedio, l’ex governatore della Carolina del Sud ha detto che le piacerebbe candidarsi nel 2024 “se ci fosse un posto per me”. © Evan Vuccid / dpa
Vivek Ramaswamy, un fan di Trump con un'agenda contro il risveglio
Vivek Ramaswamy ha annunciato il 21 febbraio che intende diventare il candidato repubblicano alla presidenza degli Stati Uniti. Il 37enne imprenditore tecnologico di destra di origini indiane è un fan di Trump e persegue un’agenda anti-risveglio. Vede gli Stati Uniti in una “crisi di identità nazionale” e chiede una “rinascita nazionale”. Per fare questo, vuole ad esempio abolire l’FBI e il Dipartimento dell’Istruzione. Vuole portare “America First Aganda” di Trump al livello successivo. © Anna Moneymaker / AFP
Il governatore della Florida Ron DeSantis si rivolge ai suoi sostenitori dopo la sua vittoria a metà mandato
Il più forte concorrente di Donald Trump per la nomination repubblicana del 2024 è Ron DeAntis. Il 44enne governatore della Florida ha festeggiato una netta vittoria alle elezioni di medio termine e gli elettori lo hanno confermato in carica. È considerato un faro di speranza nella festa. DeSantis si era dipinto in passato come un fan di Trump, ma ora prende le distanze dall’ex presidente. Il politico può essere visto qui con sua moglie, Casey DeSantis, e i loro tre figli. © IMAGO / Luis Santana
Mike Pence potrebbe candidarsi alla presidenza nelle elezioni americane del 2024.
Non solo Donald Trump sta corteggiando un ritorno a Washington, DC, ma si dice che anche il suo ex vicepresidente abbia ambizioni per la posizione alla Casa Bianca. Finora Mike Pence non ha annunciato la sua candidatura, ma con i commenti critici dopo le elezioni di medio termine, il 63enne conservatore si sta preparando per una potenziale lotta di potere all’interno del Partito Repubblicano. © IMAGO / Aimee Dilger
Vuole essere il presidente degli Stati Uniti? Mike Pompeo davanti al Comitato per l’assalto al Campidoglio.
Mike Pompeo è un po’ più chiaro. L’ex Segretario di Stato sotto Donald Trump è visto qui testimoniare tramite collegamento video davanti a un comitato del Congresso in merito all’assalto del 6 gennaio al Campidoglio. Pompeo ha già chiarito che lui e il suo team si stanno preparando a correre nel 2024. I primi spot sono in corso e dovrebbero assicurargli la nomination repubblicana. © IMAGO / Pool via CNP / MediaPunch
Liz Cheney, la veterana repubblicana e rivale di Donald Trump
Famigerata sfavorita, Liz Cheney entra in corsa per la nomination repubblicana. La figlia dell’ex vicepresidente Dick Cheney un tempo era considerata la nuova stella della festa. Ma le sue critiche a Donald Trump e al culto di Maga le sono costate la sua posizione all’interno del Partito Repubblicano. La sua fermezza contro l’ex presidente potrebbe ora aiutarla a fare un ritorno politico. © JEFF KOWALSKY / AFP
Il governatore del South Dakota Kristi Noem parla al CPAC 2021: America UnCancelled. Organizzatore
Kristi Noem è uno dei pochi eroi repubblicani a uscire vittorioso dalle elezioni di medio termine. La governatrice del South Dakota ha difeso la sua posizione e potrebbe puntare più in alto. Si dice che i primi spot pubblicitari siano già stati trasmessi dal loro team. Alla domanda sulle sue ambizioni politiche con una destinazione a Washington, DC, Noem ha detto: “Non lo escludo affatto”. © Brian Kahn / Imago
Il senatore Rick Scott fa campagna per Herschel Walker e per i repubblicani
Rick Scott, qui in campagna elettorale per Herschel Walker, ha perso le elezioni al Senato con i repubblicani. Il 69enne senatore della Florida aveva dichiarato prima delle elezioni di medio termine di essere fiducioso che il suo partito avrebbe vinto “almeno 52 seggi”. Non ha funzionato, ma la carriera politica di Scott non deve essere finita da molto, anzi. Secondo quanto riferito dal Washington Post, Scott si è candidato alla presidenza repubblicana del Senato, ma è stato convinto dai membri del partito. Presumibilmente hanno piani più grandi e segreti con Scott, che devono avere qualcosa a che fare con la Casa Bianca e l’anno 2024. © ELIA NOUVELAGE / IMAGO
Glen Youngkin fa campagna con Lesley Vega a metà semestre
Insieme a Donald Trump e Ron DeSantis, Glenn Youngkin, visto qui con la campagna di medio termine di Yesil Vega, è uno dei grandi favoriti per la nomination repubblicana del 2024. Il 55enne governatore della Virginia non è uno stretto alleato di Donald Trump, un altro aspro critico . Esattamente questa posizione può offrire un po’ di offesa nelle prossime settimane e mesi con l’ex giocatore di basket del college, alto più di due metri. © Alex Wong/AFP
Il repubblicano Mike Lindell e Carrie Lake fanno campagna elettorale in vista delle elezioni di medio termine
Dopo la sconfitta in Arizona, Carrie Lake dovrebbe avere chance esterne per la nomination repubblicana alle elezioni del 2024. La 52enne è una stretta alleata di Donald Trump e, come il suo modello, esponente della “Grande frode elettorale” del 2024. ” Teoria del complotto. 2020. Lake ha anche definito la sua sconfitta elettorale governativa “stronzate”. Quando Lake non posa con il sostenitore di QAnon Mike Lindell, come fa qui, adora uscire con persone come Grayson Arnold, per il quale Adolf Hitler è una “figura storica complicata”, secondo la CNN. [ist]Che molte persone fraintendono”. © IMAGO / Lev Radin
Ted Cruz e Donald Trump a Las Vegas
Ted Cruz ci riproverà? Il senatore della Florida ha vinto le sue elezioni di medio termine e potrebbe sentirsi autorizzato a scioperare nella corsa per le elezioni del 2024. Non sarebbe il primo tentativo. Cruz ha effettivamente raggiunto le stelle una volta prima. Nelle primarie del 2016, il politico 51enne ha fallito a causa di Donald Trump. Un successivo presidente degli Stati Uniti ha chiamato Cruz “Lying Ted” e ha ipotizzato in un dibattito televisivo che suo padre morto fosse responsabile dell’assassinio di JFK. Gli insulti non hanno impedito a Cruz di diventare uno dei suoi più grandi sostenitori dopo che Trump ha vinto le elezioni. © Mike Nelson/AFP
Chris Sununu, candidato repubblicano alle elezioni americane del 2024
Sui media americani lo chiamano già il “cavallo oscuro” dei repubblicani, cioè il candidato di cui si sa poco ma che alla fine a sorpresa vincerà: Chris Sununu. Il governatore statunitense del New Hampshire avrebbe preso le distanze in passato da Donald Trump e avrebbe dichiarato alla televisione CBS di non credere che l’ex presidente abbia possibilità di vincere nel 2024. Lo stesso Sununu deve ancora annunciare la sua candidatura, ma secondo Newsweek, una commissione è già iniziata Il lavoro politico associato al sovrano è il suo lavoro. I primi annunci sui social media sono stati pubblicati in Iowa e nella Carolina del Sud, i due stati in cui sono iniziate le primarie presidenziali repubblicane. ©WADE VANDERVORT/AFP
Kanye West vuole diventare presidente degli Stati Uniti e entrerà in carica nel 2024
Sì, anche Kanye West vorrebbe diventare Presidente degli Stati Uniti nel 2024. L’artista, precedentemente noto come rapper e fashion designer, aveva già annunciato la sua candidatura nel 2020, ma all’epoca non era iscritto nelle liste elettorali. Resta da vedere se questa volta è più serio. Sia che getti il ​​​​cappello nell’arena repubblicana, fonda il proprio partito o correrà senza alcun apparato, anche questo rimane un segreto di G.I. © Angela Weiss/AFP

USA: Donald Trump si sta ritirando ulteriormente?

Se Donald Trump dovesse ricandidarsi, sua figlia maggiore non vorrebbe più sostenerlo politicamente. Ivanka lo ha chiarito poco dopo Donald Trump ha annunciato che si candiderà nuovamente nel 2024. “Non ho intenzione di impegnarmi in politica. Anche se amerò e sosterrò sempre mio padre, lo farò al di fuori dell’arena politica”, ha detto Ivanka nella lettera.

Anche fonte la gente Parla del fatto che Ivanka ha “chiuso con la politica”. E la rivista americana cita un’altra persona dell’ambiente della figlia di Trump. La fonte ha affermato che le tensioni nel rapporto padre-figlia non lo erano. Ivanka si sta concentrando maggiormente sulla sua vita privata.

Entrambe le fonti da la gente Citazioni anonime, che non hanno consentito la verifica indipendente delle dichiarazioni fino alla fine. Non è stato possibile raggiungere Ivanka Trump per una richiesta da IPPEN.MEDIA. (Lucas Mayer)

Elenco delle regole: © Bernd von Jutrczenka / dpa