Novembre 29, 2021

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Guadagni minori: meno timori di inflazione a Wall Street


Rapporto di mercato

Stato: 12/11/2021 22:17

Venerdì, i prezzi delle azioni sulle borse statunitensi sono stati molto concilianti. Tuttavia, c’era un segno negativo su base settimanale.

Alla fine delle contrattazioni, l’indice Dow Jones è salito di mezzo punto percentuale a 36.100 punti. Su base settimanale, c’è stato un meno dello 0,6 per cento. Il record sotto i 36.566 metri, raggiunto solo lunedì, è ancora a portata di mano. L’indice S&P 500 a livello di mercato è aumentato dello 0,7% a 4.682 punti. L’indice, che contiene le 100 azioni più preziose del Nasdaq Technology Exchange, è salito di un buon 1% a 16.199 punti.

C’è stato un vento in poppa dall’allentamento delle preoccupazioni sui tassi di interesse, innescato da dati economici deboli. I recenti rapidi aumenti dei prezzi stanno avendo un grave impatto sull’umore dei consumatori statunitensi. La misura dell’umore dei consumatori a novembre è scesa a 66,8 punti dai 71,7 punti del mese precedente, ha annunciato l’Università del Michigan nel suo sondaggio mensile. Questo è il livello più basso dal novembre 2011. Secondo i risultati preliminari, i consumatori hanno valutato la loro situazione attuale come peggiore rispetto al passato. Calano anche le aspettative per i prossimi mesi. Con l’avvicinarsi dei prossimi 12 mesi, i cittadini si aspettano che beni e servizi diventino del 4,9% più costosi.

Apparentemente, a giudicare dai numeri, gli operatori di borsa stanno ora supponendo che i dati possano frenare la propensione al consumo dei consumatori. L’alta inflazione idealmente rallenterebbe. Quindi la Federal Reserve statunitense sarà sotto pressione meno di quanto si temeva in precedenza per inasprire la politica monetaria.

L’alto tasso di inflazione aveva scosso i mercati azionari nei giorni precedenti. “L’inflazione aumenta i profitti, ma arriva al punto in cui danneggia il consumatore”, ha affermato David Wagner, gestore di portafoglio di Aptos Capital Advisors.

Tesla, il produttore di auto elettriche, è stato tra i più grandi perdenti. Il CEO Elon Musk continua a vendere azioni del suo gruppo. Musk ieri ha venduto altre 640.000 azioni, per un valore di circa 687 milioni di dollari, secondo i rapporti obbligatori alla Securities and Exchange Commission degli Stati Uniti oggi. Questa settimana, Musk ha già incassato circa 5,7 miliardi di dollari in azioni Tesla dopo che gli utenti di Twitter hanno votato per vendere il dieci percento delle sue azioni in una votazione da lui avviata. Tuttavia, finora ne ha venduto solo una frazione e possiede ancora circa 167 milioni di azioni.

Dopo la General Electric, anche Johnson & Johnson vuole separarsi. Oggi, il gruppo ha annunciato che l’azienda dovrebbe essere divisa in due divisioni per prodotti sanitari, farmaci da prescrizione e dispositivi medici. Quindi la divisione farmaceutica dovrebbe mantenere il nome Johnson & Johnson. Non è stato ancora reso noto il nome dell’azienda che, tra l’altro, venderà marchi di cosmetici.

La settimana si è conclusa con una nota positiva per gli investitori del mercato azionario tedesco. È salito a 16.123 punti al mattino, un bel aumento dello 0,2 percento. Alla chiusura delle negoziazioni, l’indice più importante delle azioni tedesche era leggermente inferiore. È uscito dal trading con 16.094 punti, con un aumento dello 0,1 percento.

“L’indice azionario tedesco in questi giorni brilla più di stabilità e meno di dinamismo”, ha affermato Jürgen Molnar, stratega del mercato dei capitali presso il brokeraggio RoboMarkets. “I buoni numeri trimestrali compensano ancora le preoccupazioni sulle misure politiche per contenere la quarta ondata di Corona e sostenere il mercato”, ha aggiunto. E con l’incontro federale della prossima settimana, il timore di nuove restrizioni dovrebbe diventare un problema anche per il mercato azionario, teme l’esperto.

Alla fine della settimana, il supporto DAX è arrivato dall’euro a buon mercato: la valuta comune europea è scesa a $ 1,1433, rendendola più economica di quanto non fosse dall’estate del 2020. Lo sviluppo dovrebbe rendere i prodotti tedeschi più attraenti nel dollaro zona, e quindi è una buona notizia per la pesante industria delle esportazioni Pesante in DAX.

READ  Sospetta salmonella: richiamo di uova grandi nel nord della Germania

L’euro ha risentito del fatto che la politica monetaria negli Stati Uniti e nell’Eurozona è sempre più divergente. Mentre la Federal Reserve statunitense riduce i suoi massicci acquisti di titoli e l’elevata inflazione alimenta le aspettative di un aumento dei tassi, la Banca centrale europea è rimasta fedele al suo percorso allentato finora.

Le azioni della Merck Pharmaceutical and Chemical Company, con sede a Darmstadt, hanno rappresentato il valore più forte nell’indice DAX. Diversi analisti hanno alzato i loro obiettivi di prezzo al valore dopo i dati trimestrali di ieri.

Anche i Delivery Hero Papers si sono comportati bene. Le reazioni degli esperti ai dati trimestrali di ieri sono positive. Anche l’analista di Goldman Sachs, Rob Joyce, ha aumentato drasticamente il suo prezzo obiettivo a 195 euro. Anche altri analisti sono sopra il record di 145,40 euro di gennaio con i loro obiettivi. Joyce ha confermato che il management aveva confermato nella conference call del giorno prima di voler raggiungere un risultato operativo positivo nel prossimo anno.

Lufthansa ha risposto pienamente ai messaggi silenziosi dello stato tedesco. C’è ancora una partecipazione diretta nel Fondo statale di stabilizzazione economica del 14 per cento del capitale. Il rimborso di tutti gli aiuti governativi pagati nella crisi del Corona è un prerequisito per ulteriori fusioni e acquisizioni tra le compagnie aeree europee.

Le azioni Deutsche Telekom hanno sovraperformato. Il continuo boom degli affari su entrambe le sponde dell’Atlantico ha spinto il Gruppo DAX ad aumentare le sue previsioni sui risultati operativi per la terza volta quest’anno. Già ieri sera Telekom ha annunciato a sorpresa di voler aumentare il dividendo per l’anno fiscale 2021 di quattro centesimi a 64 centesimi.

La compagnia di spedizioni di container con sede ad Amburgo Hapag-Lloyd ha aumentato i suoi profitti di oltre dieci volte nei primi nove mesi di quest’anno. La linea di fondo è stata un risultato collettivo di 5,6 miliardi di euro nel periodo gennaio-settembre, in aumento rispetto a 0,54 miliardi di euro dell’anno precedente. La ragione dell’insolito sviluppo è l’enorme aumento dei noli per le spedizioni via mare.

Il mercato azionario rialzista è saltato “su di te”. Le azioni hanno beneficiato dell’imminente inclusione del rivenditore di moda online negli indici MSCI Global Small Cap il 30 novembre dopo la chiusura delle negoziazioni.

In MDAX, il titolo Knorr-Bremse era sotto pressione. Il produttore di freni per camion e treni è diventato più pessimista sui risultati dopo il terzo trimestre a causa di problemi nella catena di approvvigionamento e ritardi del progetto. Per l’intero gruppo, il CEO Jan Morosik assume ora un margine operativo inferiore all’estremità superiore degli intervalli di previsione.

In SDAX, la quota di Salzgitter è diminuita. Secondo gli osservatori del mercato, alcuni investitori speravano di aumentare le aspettative. Tuttavia, oggi la società ha confermato solo le sue previsioni per l’intero anno e continua ad aspettarsi un utile ante imposte compreso tra 600 e 700 milioni di euro.

Molte borse tedesche si muovono in pochi giorni Linea in compravendita di azioni di Wirecard AG . insolvente. Ad esempio, la Deutsche Börse e la Borsa di Stoccarda smetteranno di negoziare azioni Wirecard alla fine del 15 novembre.

Per gli investitori che hanno ancora l’ex documento del gruppo DAX nel proprio conto di custodia, sta diventando sempre più difficile cedere il titolo. I sostenitori degli investitori raccomandano di vendere azioni.