Febbraio 22, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Grazie Selenskyj per la nuova assistenza militare – la situazione in sintesi

Grazie Selenskyj per la nuova assistenza militare – la situazione in sintesi

Aggiornato il 21/03/2023 06:11

L’Ucraina riceverà più munizioni dall’Occidente per difendersi dall’attacco della Russia. Anche a Mosca la visita di Stato del capo di Stato cinese Xi Jingping parla di guerra. Ecco una panoramica della situazione attuale durante la guerra e una panoramica di oggi.

Altre notizie sulla guerra in Ucraina

ucraino Presidente Volodymyr Zelenskij Ha salutato i nuovi aiuti militari dell’Unione europea e degli Stati Uniti come un rafforzamento delle difese del suo paese, che viene attaccato dalla Russia. “È prevista una consegna rapida, così come la produzione di munizioni”, ha detto Zelensky nel suo videomessaggio quotidiano, distribuito lunedì sera a Kiev.

“Questa è una mossa strategica”, ha detto. L’Unione Europea sta spendendo due miliardi di euro per fornire all’Ucraina un milione di nuovi proiettili di artiglieria per combattere contro la Russia nei prossimi dodici mesi.

Gli Stati Uniti, a loro volta, hanno stilato un nuovo pacchetto difesa di 350 milioni di dollari (326 milioni di euro) per l’acquisto di nuove armi e munizioni. “Questo rafforza la convinzione che siamo uniti e che il movimento verso la vittoria sullo stato terrorista è inarrestabile”, ha detto Zelensky.

I membri dell’Unione europea hanno dimostrato di volere veramente un’Europa forte e libera. Selenskyj aveva personalmente ringraziato telefonicamente i capi di governo per il loro sostegno.

L’Ucraina si lamenta da tempo della carenza di munizioni. Il ministro della Difesa di Kiev Oleksiy Reznikov ha dichiarato all’inizio di marzo che il suo paese aveva urgente bisogno di 1 milione di proiettili di artiglieria. Ha stimato il fabbisogno finanziario in quattro miliardi di euro.

Gli Stati Uniti sono l’alleato più importante dell’Ucraina. Dall’inizio della guerra, il loro aiuto militare ha totalizzato più di 30 miliardi di dollari.

L’ambasciatore russo critica la consegna di armi all’Ucraina

A Washington, l’ambasciatore russo Anatoly Antonov ha criticato il nuovo pacchetto di aiuti militari statunitensi all’Ucraina. “Washington è guidata dall’idea di infliggere una sconfitta strategica al nostro Paese”, ha detto martedì sera.

Gli Stati Uniti stavano “aggiungendo benzina sul fuoco” fornendogli costantemente nuove armi e munizioni e quindi espandendo il conflitto. “Tali azioni minacciano la sicurezza in tutta Europa e aumentano il rischio di uno scontro diretto tra Russia e NATO”.

La leadership di Mosca ha ripetutamente avvertito che le spedizioni di armi dall’Occidente incoraggeranno le forze radicali a Kiev a lanciare attacchi sul suolo russo.

Attacco di droni in Crimea – feriti e danneggiati

Nella Crimea settentrionale nel Mar Nero, che la Russia ha annesso, i cannoni antiaerei hanno abbattuto droni ucraini, secondo le autorità. Lunedì sera, il capo dell’amministrazione della Crimea, Sergei Aksyonov, ha annunciato che una persona era stata infettata nella città di Dushankoy. Case e un negozio di alimentari sono stati danneggiati dalla caduta di detriti. L’esatta entità del danno non era inizialmente chiara.

A Kiev, l’intelligence militare del ministero della Difesa ha affermato che l’attacco era finalizzato al trasporto di missili sui binari ferroviari. Missili distrutti. Questo preparerà la Crimea alla liberazione dall’occupazione russa.

Non c’era alcuna conferma da parte russa che i missili fossero stati distrutti. Ad esempio, la Russia trasporta i missili della flotta del Mar Nero via terra verso i porti militari. Inoltre, le truppe russe nelle regioni occupate di Chersoneso e Zaporizhia ricevono rifornimenti attraverso il percorso della pista di pattinaggio strategicamente importante.

Battaglia di Bashmut: il capo Wagner chiede aiuto all’esercito russo

Nella battaglia per la città ucraina strategicamente importante di Bakhmut nella regione orientale di Donetsk, l’esercito privato Wagner della Russia ha richiesto l’assistenza del Ministero della Difesa a Mosca. Il capo della Wagner, Yevgeny Prigozhin, ha pubblicato lunedì una lettera al ministro della Difesa Sergei Shoigu chiedendo rinforzi.

Leggi anche: Un esperto militare spiega la realtà della battaglia per Bakhmut

Prigozhin ha affermato che, secondo le sue informazioni, le forze armate ucraine stavano pianificando un’offensiva su larga scala tra la fine di marzo e l’inizio di aprile. L’obiettivo è isolare le forze di Wagner dalle forze russe. Schoigu deve prendere urgentemente le misure necessarie per impedirlo.

In caso contrario, Prigozhin ha avvertito che ci sarebbero state “conseguenze negative” dell’invasione russa dell’Ucraina. “Attualmente, le unità Wagner controllano circa il 70% di Bashmut e continuano i loro attacchi fino alla completa liberazione”, ha detto.

Secondo Prigozhin, le forze di Wagner sono le uniche unità russe che combattono a Bakhmut. Pertanto, l’esercito russo è attivo in altri settori del fronte nella regione di Donetsk.

D’altra parte, in Ucraina c’è fiducia che saranno in grado di difendere Bakhmut. 70.000 persone vivevano lì, ma migliaia vi risiedono ancora. Da due mesi ormai le Forze armate resistono ai più feroci attacchi nemici, ha affermato a Kiev il viceministro della Difesa Hanna Malgar. Molti pensavano che la difesa non sarebbe durata più di una o due settimane al massimo.

Cosa sarà importante martedì

Il presidente russo Vladimir Putin e il presidente cinese e leader del partito Xi Jinping continuano i loro colloqui a Mosca. Dopo essere iniziata lunedì con un colloquio individuale di quattro ore e mezza sulla guerra in Ucraina, la giornata principale della visita di tre giorni si concentrerà sui negoziati con le delegazioni governative. Si tratta anche di cooperazione economica.

Secondo il Cremlino, è prevista la firma di due importanti accordi per espandere una “partenariato globale” e una “cooperazione strategica”. All’incontro ha partecipato anche il ministro della Difesa Shoigu.

Secondo il Cremlino, all’ordine del giorno ci sono anche questioni di cooperazione tecnico-militare. L’Occidente teme che la Cina possa fornire armi alla vicina Russia per una guerra di aggressione contro l’Ucraina.

La Cina è uno stretto alleato della Russia. Allo stesso tempo, Pechino ha finora ampiamente aderito alle sanzioni internazionali contro Mosca per non diventare essa stessa bersaglio di misure punitive.

Secondo i media, il primo ministro giapponese Fumio Kishida visiterà l’Ucraina martedì. L’emittente giapponese NHK World ha riferito, citando funzionari del governo e del partito, che dopo aver completato una visita in India, Kishida è in viaggio per l’Ucraina, dove incontrerà Selinsky.

Si prevede che prima del vertice annuale del G7 delle democrazie economicamente potenti di maggio, Kishida vorrà rassicurare il presidente ucraino sul sostegno del suo Paese nella lotta contro la Russia. Il Giappone attualmente presiede il G7. Il prossimo vertice si terrà a Hiroshima, in Giappone. (dpa/ank)