Luglio 4, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Gli utenti per la prima volta credono nel futuro degli SMS

Nonostante la forte concorrenza di messenger come Whatsapp, il programmatore che ha inviato il primo SMS al mondo crede ancora nel futuro degli SMS. “L’SMS è stato annunciato morto 20 anni fa, ma esiste ancora e dovrebbe rimanere tale in futuro”, ha affermato Neil Papworth, uno specialista IT dell’agenzia di stampa tedesca (DPA) a Montreal, in Canada. Il 51enne ha inviato il suo primo SMS a un dipendente Vodafone nel dicembre 1992 e negli anni ’90 gli “SMS” sono diventati un fenomeno di massa. “L’anno prossimo SMS festeggia il suo 30° compleanno e dovremmo festeggiare anche il suo 40°”.

La domanda di SMS è diminuita negli ultimi anni perché molte persone utilizzano applicazioni di messaggistica come Whatsapp, Facebook Messenger, Signal o Threema e le utilizzano non solo per inviare parole, ma anche per inviare immagini, video o musica.

“Se invio ad alcuni dei miei amici tramite Facebook Messenger, ricevo una risposta dopo due settimane: se invio loro un messaggio, rispondono subito”. Per quanto riguarda gli altri amici, è vero il contrario: hanno risposto immediatamente tramite Messenger e non usano più gli SMS. “So quale mezzo usare per chiunque”, dice Papworth. Il britannico ha lavorato in Inghilterra negli anni ’90 per il fornitore di servizi Sema Group, che ha sostenuto Vodafone con l’avvio degli SMS. Papworth ora vive in Canada, dove lavora per un’altra azienda IT.

Il programmatore ricorda che alcuni esperti del settore hanno annunciato l’interruzione del servizio SMS due decenni fa. “Sono arrivati ​​sul mercato i telefoni cellulari con funzionalità di posta elettronica e si diceva: perché inviare un SMS quando puoi scrivere e-mail in movimento e inviare foto con te”. Successivamente sono comparsi smartphone e app di messaggistica ed è stata nuovamente suonata la campana a morto via SMS. Sebbene la domanda sia diminuita, gli SMS “svolgono ancora un ruolo enorme nei servizi di telecomunicazione”, ha affermato Papworth. Nei paesi poveri, dove la loro rete cellulare non è buona, è molto diffusa. Inoltre, gli SMS in generale rimangono molto importanti per molte persone anziane.

Questo è martedì Il primo SMS al mondo a Parigi chiamato NFT (Token non fungibile – Token non fungibile) Venduto all’asta. È un certificato di autenticità protetto dalla catena di dati blockchain. Ciò significa che il breve messaggio di Papworth del 1992 è, per così dire, un’immagine nel mondo digitale. Vodafone vuole devolvere il ricavato all’UNHCR.


(mese)

alla home page

READ  Starke Gewinne zum Inizio: DAX stürmt nach oben