Maggio 19, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Gli ucraini sono più i benvenuti dei siriani?: I “rifugiati-rifiutisti” dell’est sono diventati aiutanti

Gli ucraini accolgono più dei siriani?
I “rifiutisti dei rifugiati” dell’Est divennero aiutanti

Milioni di persone sono fuggite dall’Ucraina prebellica, molte in Polonia, Repubblica Ceca, Romania, Slovacchia o Ungheria. Lì, tra gli ex oppositori del sistema delle quote, i profughi hanno trovato grande disponibilità ad aiutare. Questo sorprende molti. Cosa è cambiato?

La guerra russa contro l’Ucraina ha suscitato un’enorme ondata di solidarietà in Polonia, Repubblica Ceca, Slovacchia e altri paesi dell’Unione dell’Europa orientale. Coloro che fuggono dai combattimenti sono accolti a braccia aperte e con il cuore. Alla stazione di confine polacca di Przemysl, prima mangiano qualcosa di caldo. La Repubblica Ceca sta inviando treni speciali per fornire aiuti umanitari e trasportare rifugiati. Anche la piccola Slovacchia ha già oltre 200.000 valichi di frontiera dall’Ucraina.

Questi sono gli stessi paesi che si sono fatti un nome come “rifiutati di asilo” durante la crisi migratoria del 2015 e del 2016. I paesi di Visegrad di Polonia, Slovacchia, Repubblica Ceca e Ungheria si sono fortemente opposti alla ridistribuzione dei nuovi arrivati ​​tra tutti i paesi dell’UE. La controversia si è conclusa anche davanti alla Corte di giustizia europea, che nell’aprile 2020 ha stabilito che i più accesi oppositori dell’ammissione avevano infranto la legge.

L’islamofobia è dilagante in Polonia.

Polonia, Medica: un volontario suona il pianoforte per i rifugiati al confine.

(Foto: Alliance/dpa/SOPA Images via ZUMA Press Wire)

Perché è tutto diverso questa volta? “L’islamofobia è molto alta in Polonia e i rifugiati ucraini sono più vicini alle persone in termini di religione e cultura rispetto a quelli siriani”, afferma Anthony Dodik, professore di scienze politiche con sede a Varsavia, Anthony Dodik. Il secondo motivo è la simpatia per le vittime dell’aggressione russa. “I polacchi hanno una lunga tradizione di rivolte contro la Russia”. Molti polacchi interpretano la lotta del sindacato Solidarnosc, che rovesciò il regime comunista negli anni ’80, come una resistenza contro l’imperialismo russo.

La situazione è simile nella Repubblica Ceca e in Slovacchia, dove si sono risvegliati i ricordi della sanguinosa repressione del movimento democratico della Primavera di Praga nell’agosto 1968. “Ci sono molte persone che dicono che abbiamo commesso un errore quando non abbiamo difeso noi stessi”, afferma Jan Herzman, un sociologo praghese. La lotta degli ucraini per la loro patria è quindi ammirevole.

Esperienze positive con gli immigrati ucraini

Secondo l’esperto, un altro aspetto sono le esperienze positive che sono state fatte con gli immigrati ucraini negli ultimi decenni. Già prima della guerra erano il più grande gruppo di stranieri nella Repubblica Ceca. “Le persone lavorano per noi e sono efficienti e rispettabili”, afferma Herzman. La Polonia è stata a lungo una destinazione per i lavoratori migranti ucraini che trovano lavoro nell’edilizia e nell’agricoltura.

Anche l’Ungheria, che alla fine si è completamente isolata da coloro che cercano protezione dal Medio Oriente e dall’Asia nel 2015, tiene le sue porte spalancate agli ucraini. Tuttavia, la stragrande maggioranza di loro si trasferisce in un altro paese europeo, dove già vivono e lavorano parenti e amici. Secondo la polizia, finora in Ungheria sono arrivati ​​più di 250.000 profughi di guerra.

278594764.jpg

Il volontario Lukas Saranga della Repubblica Ceca cucina una zuppa per i rifugiati fuggiti dall’Ucraina a Medica, in Polonia.

(Foto: Photo Alliance / dpa / AP)

“Non aiutiamo solo gli altri, ma anche noi stessi, perché è così che affrontiamo le nostre paure”, afferma lo psichiatra Jan Vivera dell’ospedale universitario di Pilsen, nella Repubblica Ceca. Ma avverte di un’inevitabile fase di delusione, durante la quale la delusione è diffusa e le teorie del complotto trovano terreno fertile.

“Dobbiamo renderci conto del fatto che i rifugiati non si comporteranno esattamente come immaginiamo”, afferma il 51enne. Molti probabilmente si sentiranno frustrati dalla loro situazione. Sono quindi tesi e irritabili. Le donne erano anche preoccupate per i loro mariti rimasti in Ucraina. Alcuni possono fare affermazioni piuttosto che semplicemente mostrare gratitudine. “Dobbiamo essere preparati per questo”, avverte Vivira.

Possibilità di ridistribuzione permanente delle azioni?

È questa ora un’opportunità per pagare attraverso quote di ridistribuzione permanente per i rifugiati all’interno dell’UE? Molti esperti lo negano e il sociologo Herzmann afferma che “anche il termine quota è avvelenato” alla luce del diffuso scetticismo sull’UE. Anche il politologo Lukas Jelinek non si aspetta di ripensare a Praga, Varsavia o Budapest: “I paesi di Visegrad sosterranno a lungo di aver aiutato molti ucraini, e quindi nessuna capacità per gli immigrati da altre parti del mondo”.

Il sociologo Michal Vasica di Bratislava spiega che le persone che sono viste come straniere vengono facilmente respinte in una società molto tradizionale, come quella slovacca, fortemente influenzata dal cristianesimo. “Non si tratta solo di stranieri, può interessare chiunque sia diverso in altri modi o la pensi in modo diverso e quindi sia percepito come strano”, afferma il 49enne.

La Romania accoglie a braccia aperte

Anche se la Romania non fa parte del gruppo di Visegrad in Europa centrale, ha annunciato durante la crisi migratoria del 2015 che non sarebbe stata in grado di accogliere più di 1.700 rifugiati. Ma ora gli ucraini sono accolti a braccia aperte dalle autorità e da innumerevoli individui. Anche qui l’immagine di una Russia minacciata, che esiste da secoli, sembra decisiva.

Durante la seconda guerra mondiale, la Romania perse il suo territorio a favore di quella che allora era l’Unione Sovietica, compresa quella che oggi è la Moldova. La russofobia è andata così lontano che il dittatore Nicolae Ceausescu ha apertamente criticato l’invasione sovietica di Praga nel 1968 e ha preso le distanze da Mosca – e tale è rimasto per tutta la vita.

READ  Furia per la scrittura: dopo la speculazione sulla "guerra civile" sull'Ucraina, la sinistra vuole separarsi dal Consiglio degli Anziani