Dicembre 9, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Gli investitori avvertono ancora: i timori di inflazione stanno frenando il DAX


Rapporto di mercato

Stato: 31/05/2022 12:40

L’aumento dell’inflazione e un forte aumento dei prezzi del petrolio stanno impedendo agli investitori di acquistare azioni oggi. Gli investitori dovranno probabilmente prepararsi per un imminente aumento dei tassi da parte della Banca centrale europea.

Il DAX ha perso circa lo 0,8% ea volte è sceso a 14.442 punti. Dopo che gli ultimi giorni di negoziazione lo hanno spinto a quota 14600, oggi gli investitori si stanno ritirando dagli asset più rischiosi. Il principale indice tedesco ha chiuso ieri, in rialzo dello 0,8% a 14.575,98 punti.

Inflazione nell’area dell’euro a livelli record

Dati i dati sull’inflazione tedesca pubblicati lunedì e quelli attuali dell’Eurozona, la paura dell’inflazione è oggi un fattore restrittivo per il mercato azionario. Aumento del prezzo dell’energia L’inflazione spinge l’area della moneta unica a un nuovo recordIl costo di beni e servizi è aumentato in media dell’8,1% a maggio rispetto all’anno precedente. Questo supera le aspettative degli esperti.

“Non capisco perché la BCE vorrebbe aspettare fino alla fine del terzo trimestre per cancellare i tassi di interesse negativi. Ogni nuovo numero di inflazione mostra quanto sia pericolosa questa esitazione”, afferma Jörg Kramer, capo economista di Commerzbank.

L’esitazione probabilmente non durerà a lungo. Il governatore della Banca centrale francese Francois Villeroy de Gallo ha affermato che i dati sull’inflazione di maggio hanno rinnovato i piani della Banca centrale europea per porre fine alla sua politica monetaria estremamente accomodante. Oggi, ha affermato, è essenziale “una graduale e coerente normalizzazione della politica monetaria”.

L’embargo porta a un aumento dei prezzi del petrolio

Il prezzo del petrolio, che è tornato a salire, ha un impatto negativo sui mercati. Oggi sono al massimo per ben due mesi. La prospettiva di una riduzione dell’offerta dalla Russia a seguito delle nuove sanzioni dell’UE dovute alla guerra in Ucraina agisce come un fattore trainante dei prezzi. “L’ultima cosa di cui il mercato azionario ha bisogno in questo momento è un’esplosione dei prezzi nella regione di $ 140 o $ 150”, commenta Yoshin Stanzel, capo analista di mercato di CMC Markets.

READ  AWS in Show: la quota di Amazon perde a doppia cifra: Amazon con una forte battuta d'arresto degli utili - crescita deludente | newsletter

I paesi dell’Unione Europea avevano concordato un compromesso nella disputa sul previsto embargo petrolifero contro la Russia. Su insistenza dell’Ungheria, per il momento saranno sospese solo le spedizioni di petrolio russo via mare.

Raid su Deutsche Bank e DWS

La ricerca si svolge presso la sede di Deutsche Bank e della sua controllata DWS. Un portavoce della Procura della Repubblica di Francoforte ha confermato i corrispondenti resoconti dei media. Secondo Handelsblatt, le ricerche riguardano le cosiddette accuse di “greenwashing” contro il gestore patrimoniale DWS. “Abbiamo comunicato continuamente ed ampiamente con tutte le autorità di regolamentazione pertinenti in merito a questa questione e continueremo a farlo”, ha affermato un portavoce di DWS. Nessun commento era inizialmente disponibile da Deutsche Bank.

DWS ha fatto notizia l’anno scorso dopo le accuse secondo cui il gestore patrimoniale era troppo indulgente con gli standard per gli investimenti “verdi” e aveva un cosiddetto “Lavanderia Verde” Lavorando. DWS ha negato a lungo le accuse.

I titoli automobilistici cinesi rimbalzano

La prospettiva di sostenere le vendite governative di alcune auto in Cina ha dato oggi una spinta alle case automobilistiche tedesche. Il ministero delle Finanze cinese ha annunciato in precedenza che dimezzerà l’imposta sulle vendite dei veicoli a basse emissioni con un prezzo al dettaglio di 300.000 yuan (circa 42.000 euro). Ciò riguarda le auto vendute da giugno a dicembre.

Vitesco e Infineon collaborano

Il fornitore di veicoli Vitesco sta rafforzando la sua attività di mobilità elettrica con Infineon, produttore di semiconduttori. Vitesco ha annunciato a Ratisbona che si tratta di un semiconduttore di potenza in carburo di silicio. Questi semiconduttori hanno dato un contributo significativo all’efficienza dell’elettronica fino a 800 volt, aumentando l’autonomia dei veicoli elettrici. I dettagli finanziari della collaborazione non sono stati forniti.

READ  Prospettive per il 2023: attenzione alla politica dei tassi di interesse della banca centrale: ecco come potrebbe svilupparsi il prezzo dell'oro nel 2023 | notiziario

Foxconn prevede un miglioramento nelle catene di approvvigionamento

Il fornitore Apple Foxconn prevede che i problemi della catena di approvvigionamento diminuiranno nella seconda metà dell’anno. “Siamo molto fiduciosi nella stabilità della nostra catena di approvvigionamento per la seconda metà dell’anno”, ha affermato Liu Young-way, CEO di Foxconn. Liu ha affermato che Foxconn mira a diventare il primo produttore di veicoli elettrici “non a corto di fornitura di materiale”, citando una carenza globale di semiconduttori. L’azienda taiwanese mira a conquistare circa il 5% del mercato globale dei veicoli elettrici entro la fine del 2025 e spera di aumentare la sua capacità di produrre chip per veicoli elettrici.

Lanxess acquisisce la divisione olandese di DSM con Advent

Il gruppo di prodotti chimici speciali Lanxess, insieme all’investitore finanziario Advent, sta rilevando il business delle materie plastiche per l’azienda chimica olandese DSM per circa 3,7 miliardi di euro. Questo sarà combinato in una nuova joint venture in cui Advent deterrà almeno il 60% e Lanxess manterrà fino al 40%, ha annunciato il gruppo con sede a Colonia. Lanxess trasferirà alla joint venture anche le sue attività con i polimeri ad alte prestazioni, utilizzati principalmente nell’industria automobilistica, e riceverà un compenso di almeno 1,1 miliardi di euro.

Il Credit Suisse vuole più capitale

Secondo fonti informate, il Credit Suisse in crisi sta valutando misure per rafforzare il capitale. Due persone che hanno familiarità con la situazione hanno detto a Reuters che le considerazioni erano in una fase iniziale. Un’opzione è raccogliere capitali. È probabile che un simile accordo avvenga nella seconda metà dell’anno. Secondo gli addetti ai lavori, la banca non vuole solo raccogliere capitali in bilancio, ma vuole anche inviare un segnale positivo al mondo esterno. Perché se investitori noti danno alla banca capitale fresco, questo può essere visto come un voto di fiducia.

READ  Magazzino quasi svuotato: l'investitore di "The Big Short" Michael Perry prevede un crollo: "Il fondo non è stato ancora raggiunto" | newsletter

Deloitte: le aziende si aspettano che l’inflazione rimanga alta

L’inflazione preoccupa le aziende tedesche. I CFO delle principali società intervistate dalla società di consulenza gestionale Deloitte prevedono che i prezzi aumenteranno di oltre il 6% nei prossimi 12 mesi. Il capo economista di Deloitte, Alexander, ha affermato che le conseguenze a lungo termine dell’aumento dei prezzi dell’energia, dei trasporti e delle materie prime hanno stabilito l’agenda di molte aziende. Per oltre tre quarti dei 143 CFO intervistati, i rischi geopolitici e l’aumento dei costi energetici sono stati tra i maggiori rischi per le loro aziende nei successivi 12 mesi.