Maggio 23, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Giro d’Italia – Tre cose che emergono: Jaico strappa un dente a Pedersen, Almeida è fortunato e Pino ha un gol

Giro d’Italia – Tre cose che emergono: Jaico strappa un dente a Pedersen, Almeida è fortunato e Pino ha un gol

Il sole ha lasciato il Giro e sotto un cielo nuvoloso, la terza tappa è stata a lungo dominata da due corridori del team italiano Koratek – Celle Italia.

Veliko Stojnik e Alexander Konichev erano in vantaggio di 177 km e stavano perdendo irrimediabilmente.

Mentre andavano sulle colline intorno alla destinazione di Melfi con poco meno di un’ora dalla fine della gara, sono stati catturati e persino Michael Matthews ha finalmente vinto la prima gara sprint decimata per Jayco-AlUla.

Giro d’Italia

Percorso Giro: Scorcio della Tappa 4 – Piccolo accesso al Lago Lasino

9 ore fa

Tre cose si sono distinte.

1.) Jayco estrae il dente di Pedersen

Guardando il profilo del tracciato di questa terza tappa del Giro, era già chiaro cosa sarebbe successo: le squadre di velocisti della montagna dovevano dare gas a 40 chilometri dal traguardo per arrivare sulle due salite. Categoria tre e quattro nell’anello sud di destinazione Melfi il più potente possibile e supera i puri esperti di pianura.

Questo è esattamente ciò che Trek – Segafredo e Jayco – AlUla hanno fatto per i loro capitani Mads Pedersen e Michael Matthews. Davanti c’erano prima gli uomini in biancorosso, poi quelli in biancoblu o i loro uomini in biancorosso e verde, cioè l’eroe italiano Filippo Zanna. Il suo ritmo era troppo veloce per la maggior parte degli specialisti dello sprint – e alla fine anche per l’avversario più duro di Matthews in questi giorni, Pedersen.

Dopo la salita, il danese ha dovuto inseguire per un po’ il primo campo con i suoi compagni di squadra per poter fare uno sprint. È del tutto possibile che alla fine gli mancasse esattamente quel grano in dirittura d’arrivo per battere Matthews. L’australiano ha giustamente celebrato la prestazione della sua squadra, perché è chiaro che Jayco ha trovato proprio il ritmo giusto per far male a tutti gli altri più di uno sprint.

Sarà interessante vedere se Trek – Segafredo lavorerà altrettanto forte con Jayco – AlUla sulle tappe collinari che seguiranno – ora che è chiaro che Matthews è più montuoso di Pedersen.

Eisel analizza la vittoria di Matthews: “Gaiko ha fatto tutto bene”

2.) Almeida è fortunata nella sfortuna

A poco più di 15 km dal traguardo, Joao Almeida (UAE Emirates Team Emirates) si è ritrovato improvvisamente sulla strada in una curva a sinistra in mezzo al campo uno. Il fuoriclasse portoghese non ha potuto evitarlo quando Mads Wurz Schmidt (Israel – PM Tech) gli è caduto davanti cadendo anche lui sull’asfalto bagnato.

È stato un momento agrodolce per il co-favorito vincere il Giro, ma fortunatamente Brandon McNulty lo ha aspettato subito e ha rapidamente riportato Almeida, che inizialmente stava rotolando come le uova sulle uova dopo il momento shock, nel gruppo dei favoriti.

Per Almeida era importante rialzarsi non appena cadeva e andare avanti. Ma era anche importante che la sua moto non venisse danneggiata in questa situazione. A causa dei piccoli intervalli di meno di un minuto tra i primi gruppi in quel momento, l’auto di scorta degli Emirati non era direttamente dietro di lui, ma più lontana.

Almeida, che se l’è cavata con lievi ferite, non ha perso tempo verso la fine della tappa: con più sfortuna nella caduta avrebbe potuto facilmente perdere un minuto lunedì.

A proposito, anche Seb Koss è stato fortunato sotto mentite spoglie. L’americano di Jumbo-Visma ha ancora dieci dita sulle mani nonostante questa procedura:

Non provarlo! Kiss perde la batteria e rischia le dita

3.) Pinot potrebbe avere un obiettivo secondario: la maglia da montagna

Quando Thibaut Pinot è arrivato secondo dietro ad Adam Yates in cima al Tour de Romandie a Thyon 2000 una decina di giorni fa, alcuni dei suoi fan devono aver sognato di nuovo i giorni più belli di Pinot. Cresceva la speranza di un’opportunità di podio al Giro per i francesi.

Ma il 32enne, che chiuderà la sua carriera a fine stagione, deve essere consapevole che sarà molto difficile contro la generazione più giovane di tour e assi della scalata.

Sulla strada per Melfi, Pinot ha indicato che potrebbe puntare a qualcosa di molto diverso in questo Giro: Pinot ha vinto coraggiosamente due premi di montagna per la giornata, portandosi così in testa alla lotta per la Maglia Azzurra, la maglia del miglior scalatore.

Anche se poi ha sottolineato che la classifica speciale non era il suo obiettivo primario e che stava guidando verso la classifica generale, raccogliere punti nelle prossime tre settimane potrebbe effettivamente essere un’attività molto gratificante per lui.

Lo stile di guida offensivo necessario per vincere questa maglia piacerà sicuramente ai fan di Pinot tanto quanto il podio del francese a Roma.

Potrebbe interessarti anche questo: Uno sguardo a tutte le tappe del Giro: profili e quote in breve

Tutte le 21 tappe del Giro d’Italia – un’istantanea del tracciato

Giro d’Italia

Anteprima Giro, tappa 4: Primi attacchi a Rosa al Lago Lasino?

9 ore fa

Giro d’Italia

Punti salienti: impresa Sprint! Matthews completa un forte lavoro di squadra

14 ore fa