Maggio 22, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

“Giorno della vittoria” a Mosca – Putin ora parla della guerra per la prima volta

“Giorno della vittoria” a Mosca – Putin ora parla della guerra per la prima volta
  1. Pagina iniziale
  2. Politica

creatura:

da: Andrea Schmid

I soldati russi marciano verso la Piazza Rossa. © Alexander Zemlianichenko / dpa

Russia tesa? In vista della parata militare del 9 maggio, Putin sta ricevendo sostegno morale dall’ex blocco sovietico. Il suo discorso e tutte le informazioni nel telegiornale.

Aggiornamento dal 9 maggio, 10:05: Ancora una volta Putin, parlando nella Piazza Rossa di Mosca, afferma che l’Ucraina è diventata un “ostaggio” dei paesi occidentali decisi a distruggere la Russia. Il loro obiettivo (…) è la disintegrazione e la distruzione del nostro paese”.

Secondo le informazioni ufficiali, circa 8.000 soldati sono dispiegati sulla Piazza Rossa, compresi uomini che hanno combattuto in Ucraina negli ultimi mesi. Contrariamente a quanto originariamente annunciato, alla mostra d’onore sono stati ospiti anche numerosi capi di stato e di governo stranieri, in particolare provenienti da ex repubbliche sovietiche come Bielorussia, Kazakistan, Tagikistan, Turkmenistan, Kirghizistan, Uzbekistan e Armenia.

Aggiornamento dal 9 maggio 9:40: Vladimir Putin inizia il suo discorso alle celebrazioni della vittoria russa a Mosca. Il presidente russo ha camminato dal Cremlino alla Piazza Rossa, dove è stato accolto da una grande folla di personale militare all’inizio delle celebrazioni del Giorno della Vittoria che segnano la vittoria sulla Germania nazista nella seconda guerra mondiale.

Il presidente russo Vladimir Putin
Il presidente russo Vladimir Putin pronuncia un discorso durante la parata militare del Giorno della Vittoria nella Piazza Rossa di Mosca. © GAVRIIL GRIGOROV / ap

Putin ha dipinto il suo paese come una presunta vittima dell’attuale guerra contro l’Ucraina. “Oggi, la civiltà si trova ancora una volta a un punto di svolta decisivo”, ha detto Putin a migliaia di soldati nella Piazza Rossa di Mosca. “Una vera guerra è scoppiata contro la nostra patria”, ha aggiunto, riferendosi alle battaglie contro l’Ucraina che lui stesso ha ordinato più di un anno fa. “Ma abbiamo resistito al terrorismo internazionale, proteggeremo il popolo del Donbass e garantiremo la nostra sicurezza”, ha aggiunto.

Celebrazioni a Mosca: oltre 10.000 soldati marciano

Aggiornamento dal 9 maggio 9:15: È iniziata a Mosca la tradizionale parata militare per celebrare il 78° anniversario della vittoria dell’Unione Sovietica sulla Germania nazista, offuscata dalla guerra di aggressione della Russia contro l’Ucraina. Sotto stretta sorveglianza, migliaia di soldati hanno marciato martedì sulla Piazza Rossa sotto il sole primaverile. L’apparizione del capo del Cremlino, Vladimir Putin, sta aspettando con particolare entusiasmo, nel suo discorso molto probabilmente giustificherà ancora una volta la guerra che ha ordinato in Ucraina.

Secondo le informazioni ufficiali, alla manifestazione prenderanno parte più di 10mila soldati e verranno mostrate 125 unità di tecnologia militare. Contrariamente a quanto originariamente annunciato, alla mostra d’onore sono ospiti numerosi capi di Stato e di governo stranieri, in particolare provenienti da ex repubbliche sovietiche come Bielorussia, Kazakistan, Tagikistan, Turkmenistan, Kirghizistan, Uzbekistan e Armenia.

Commemorazione della fine della guerra - Russia - Giorno della Vittoria il 9 maggio
I soldati russi marciano verso la Piazza Rossa. © Alexander Zemlianichenko / dpa

Giorno della vittoria a Mosca

Il primo rapporto: Mosca – La Russia celebra la vittoria sulla Germania nazista il 9 maggio; È uno dei giorni più importanti del paese, eppure non tutti in Russia si sentono in festa. Treni deragliati, depositi di carburante bruciati e linee elettriche interrottecosì come chi avrebbe provato Attacco di droni contro Vladimir Putin al Cremlino: La recente ondata di vandalismo e presunti attacchi sul suolo russo ha gettato un’ombra sui preparativi di Mosca per le celebrazioni del Giorno della Vittoria. In ogni caso, i preparativi sono proseguiti: la grande parata militare avrà luogo questo martedì. Dovrebbe esserci anche Putin.

Dopo l’annullamento della celebrazione del 9 maggio: “La tensione è più grande che mai”

Diverse città vicino al confine ucraino hanno annullato gli eventi. Sono stati ripetutamente attaccati da droni e bombardati durante la guerra in Ucraina. Ci sono state cancellazioni simili anche altrove in Russia. “Non ci sono cambiamenti nei piani”, ha detto il capo del Cremlino Dmitry Peskov delle celebrazioni a Mosca la scorsa settimana.

Tuttavia, la capitale russa appare tesa. IL Britannico Guardiani Un insider cita dall’ufficio del sindaco di Mosca sui preparativi per il 9 maggio: “La tensione è più grande che mai”. Ma: “Il giorno della vittoria deve accadere, non c’è altra scelta”.

Sostegno bielorusso a Putin: Lukashenko arriva nel “Giorno della vittoria”

La parata annuale alla fine della guerra mondiale sulla Piazza Rossa ha lo scopo di mostrare la potenza militare della Russia, motivo per cui Putin è così centrale. “Gli incidenti sono indesiderabili perché mettono a repentaglio l’obiettivo della propaganda e minano il senso di sicurezza tra i moscoviti”, ha detto all’AFP Andrei Kolesnikov del think tank Carnegie Russia Eurasia Center.

Putin vuole anche mostrare forza e unità. Opportunamente, i politici di diversi stati successori dell’Unione Sovietica hanno partecipato ai festeggiamenti a Mosca. Lo riferisce l’agenzia di stampa russa Tass. Ha aggiunto che avrebbero deposto fiori e fatto colazione con Putin. Ci sarà anche il governatore bielorusso Alexander Lukashenko. Di solito non prende parte alla parata militare, perché contemporaneamente a Minsk conduce le cerimonie nel suo paese.

Membri della Comunità degli Stati Indipendenti (CSI)

Armenia, Azerbaigian, Bielorussia, Kazakistan, Kirghizistan, Moldavia, Russia, Tagikistan, Turkmenistan, Uzbekistan.

Gli ex paesi sovietici Estonia, Lettonia, Lituania, Georgia e Ucraina non sono inclusi.

Da quando è salito al potere nel 2000, Putin ha sposato un culto patriottico costruito sulla vittoria sovietica contro i nazisti e progettato per legittimare Putin come erede del potere sovietico. La festa è ora particolarmente importante, ha detto Kolesnikov, perché consente al presidente di “piantare ancora una volta nella coscienza pubblica la sua semplice, folle idea che la sua ‘operazione speciale’ in Ucraina sia una continuazione” della guerra contro Hitler. (come / AFP)