Febbraio 26, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Giornata di Borsa, venerdì 12 gennaio 2024

Giornata di Borsa, venerdì 12 gennaio 2024

Per quanto lenti siano stati gli ultimi giorni di negoziazione, le cose si sono fatte più calde negli affari di giovedì per il DAX: il principale indice azionario tedesco ha chiuso a 16.547 punti, in crescita dello 0,9% – e anche vicino al minimo intraday di circa 16.540 punti. Al massimo giornaliero, l'indice DAX ha raggiunto quota 16.840, ma la pubblicazione dei dati sull'inflazione statunitense nel pomeriggio ha fatto scendere i prezzi da questa sponda dell'Atlantico. Tuttavia, sono riusciti a riprendersi mentre commerciavano a Wall Street.

L'inflazione core, che esclude la volatilità dei prezzi dell'energia e dei prodotti alimentari, è scesa al 3,9% negli Stati Uniti a dicembre dal 4,0% precedente. Gli esperti avevano ipotizzato un calo al 3,8%. Gli investitori temono che questi numeri spingano la Federal Reserve americana a rinviare il tanto atteso allentamento della politica monetaria. Le autorità monetarie stanno cercando di limitare l’elevata inflazione aumentando i tassi di interesse.

“Con questi numeri, è difficile immaginare che la Fed nella riunione di gennaio segnali un allentamento della politica monetaria nella prossima riunione di marzo”, ha affermato Michael Feroli, capo economista di JP Morgan. Attualmente oltre il 65% degli investitori spera in un primo taglio dei tassi a marzo. Il calo dei tassi d'interesse dopo la decisione della Fed di maggio è ormai scontato. La maggior parte degli analisti, invece, non si aspetta un allentamento della politica monetaria prima della seconda metà dell’anno.

Ciò minaccia la seconda settimana di perdite quest’anno. Questa mattina i legumi sono già arrivati ​​dall'Asia, con la Cina che aggiunge i numeri Commercio estero in dicembre. Gli esperti prevedono che per la fine dell'anno le esportazioni aumenteranno dell'1,7% e le importazioni dello 0,3%. Sostenute dalla riduzione dei prezzi, le esportazioni sono aumentate a novembre per la prima volta in sei mesi. Tuttavia, le importazioni sono diminuite. La debole domanda globale e la persistente crisi immobiliare gravano sulla seconda economia mondiale dopo gli Stati Uniti d’America.

Sul fronte societario, a partire da mezzogiorno la situazione comincia a farsi interessante per gli investitori: diverse grandi banche statunitensi aprono i loro libri contabili, segnando l'inizio della stagione dei rendiconti. Tra le altre cose L'attuale JP Morgan, Pietra nera, Banca americana E Wells Fargo Risultati aziendali. Puoi trovare altre date settimanali qui.