Maggio 29, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Giappone e Cina cooperano nella lotta alla pirateria

Giappone e Cina cooperano nella lotta alla pirateria

Agenzia giapponese antipirateria Associazione per la distribuzione di contenuti all’estero Preferito annunciare Di recente, grazie alla cooperazione con la Cina, uno dei più grandi siti di pirateria di anime potrebbe essere chiuso. Riassumiamo tutti i dettagli.

La prima cooperazione con la Cina

Vale a dire, era il sito “b9good” situato in Cina, che in realtà ha iniziato a funzionare nel 2008 e da allora è diventato uno dei siti di pirateria di anime più visitati al mondo. Ironia della sorte, tuttavia, secondo CODA, il 95% di tutto il traffico proviene dal Giappone.

Questa è la prima volta che le autorità cinesi hanno risposto a una richiesta del CODA e poi sequestrato un sito web di anime pirate in Cina. Arrestati anche un principale sospettato e tre potenziali complici.

Si dice che “b9good” abbia ricevuto più di 300 milioni di visite negli ultimi due anni, il che avrebbe fatto guadagnare al principale sospettato circa 130 milioni di yen (circa 900.000 euro).

I siti web illegali di anime stanno crescendo costantemente in popolarità, ma CODA ha anche fatto grandi passi avanti nella lotta alla pirateria. In particolare, lo sciopero contro “b9good” è di particolare importanza, in quanto mira a rafforzare gli sforzi internazionali e la cooperazione per combattere la pirateria d’ora in poi grazie alla cooperazione con la Cina.

Altro su questo argomento:

attraverso coda
© Comitato di produzione Pirati di Moretsu