Georgia Meloney: Cosa succederà dopo? – Politica

Date:

Share post:

Piero Esposito
Piero Esposito
"Appassionato di alcol. Ninja di Twitter. Amante della TV. Cade molto. Fanatico del caffè hipster."

Questo lunedì Giorgia Meloni andrà a Washington, e questa è la cosa migliore che il primo ministro italiano possa fare in questo momento. Lì incontrerà i capi di Stato e di governo della NATO, l’alleanza di sicurezza occidentale, e riacquisterà buona volontà per la sua credibile politica estera, in particolare per la sua politica filo-ucraina.

Nella capitale americana, Meloni sarà tra gli amici che, nonostante non abbiano lavorato bene con l’Eintracht nell’ultimo grande evento internazionale, il vertice del G7 in Puglia a metà giugno, hanno escluso da lì il presidente francese Emmanuel Macron e il cancelliere tedesco Olaf Scholz.

La sconfitta di Le Pen ostacola la politica europea di Maloney

Ciò è dovuto in gran parte ai negoziati di coalizione iniziati al Parlamento europeo, dove i socialdemocratici e i liberali non volevano Maloney al tavolo. Dopotutto, Meloni si è presentato in campagna elettorale come un nazionalista di destra, noto fin dai tempi dell’opposizione, e ha chiesto una revisione completa della politica europea – qualcosa che chiaramente non può soddisfare la politica attuale. Integrazione e solidarietà europea.

All’epoca, Meloni disse di ritenere che l’ala destra fosse in crescita in tutta Europa e potesse colmare la situazione di conseguenza. L’attuale sconfitta della sua collega di estrema destra Marine Le Pen in Francia lo ha colto con il piede sbagliato. La Meloni ora sta cercando di riconquistare influenza a Bruxelles. Nei prossimi giorni si valuterà se aiuterà il Parlamento europeo a reintegrare Ursula van der Leyen, dei cristiano-democratici, a capo della commissione. Al Consiglio dei capi di Stato e di governo ha annullato tutte le decisioni relative al personale, ma inizialmente ha preso le distanze da van der Leyen.

L’Italia spera invece di essere ricompensata con un influente commissariato a Bruxelles e una prestigiosa vicepresidenza. Tuttavia, Scholz, Macron e altri stanno già pianificando posizioni interessanti altrove;

Segna punti in politica estera, ma è pericolosamente capriccioso nella politica italiana

Si discute ora del Commissario per il Fondo di coesione, responsabile dei miliardi di pagamenti da Bruxelles agli Stati membri. A lui è intitolato il discepolo della Meloni Raphael Fito, oggi ministro delle Europee a Roma.

Il successo dei negoziati a Bruxelles sarà seguito da vicino in Italia, in particolare dal suo alleato di estrema destra, la Lega. Il suo capo e vicecancelliere, Matteo Salvini, fedele amico di Le Pen e Putin, non perde occasione per sottolineare che è lui l’unico vero rappresentante degli interessi italiani. Tuttavia, con questo sistema, alle elezioni europee è rimasto con l’8,8% dei voti, mentre Maloney ha ottenuto il 28,1%.

Quando si tratta di politica estera, i suoi elettori moderati riconoscono che Maloney è degno di fiducia nel senso occidentale. Il suo amico personale Viktor Orban, il nuovo titolare della presidenza del Consiglio Ue, si sta isolando con viaggi non programmati a Mosca e Pechino, dimostrando che esiste un altro modo.

Maloney ha anche adottato due importanti riforme

Quindi la politica estera è una risorsa che Maloney può sfruttare. In questo senso il vertice Nato è una buona occasione per raccogliere punti. Dopotutto, il nuovo primo ministro britannico Keir Starmer l’ha invitata come suo terzo interlocutore subito dopo la sua elezione, dopo il presidente degli Stati Uniti, che è sempre a Londra, e il capo del governo irlandese. Secondo Meloni, questo trattamento preferenziale rispetto a Scholz, Macron e altri è del tutto appropriato per l’Italia, la terza potenza economica più forte d’Europa, uno dei membri fondatori dell’UE – e l’unico paese in questa classifica con un politico di estrema destra.

Tuttavia, data la natura capricciosa della politica italiana, nessun capo di governo può sentirsi sicuro in carica. E Meloni deve stare attento a non lasciare che le sue politiche dure su questioni costituzionali e culturali e l’irrisolto passato post-fascista del partito Fratelli d’Italia da lui fondato gli facciano perdere improvvisamente consensi. Inoltre, sono necessarie due riforme: la riforma costituzionale, che aumenterà il potere del primo ministro e distruggerà gli attuali equilibri di potere, e la riforma regionale, che darà più poteri alle regioni del paese, il che rappresenta un rischio. Il povero Sud resterà ulteriormente indietro.

Per inciso, ora nel dibattito viene menzionata per la prima volta la parola nuove elezioni, qualcosa che era già stato abbandonato nella già seria era di Maloney. Si tratta evidentemente di un’opzione su cui la Meloni sta discutendo in ambienti più intimi: ottenere un altro voto chiaro dall’elettorato e formare il governo. Ma puoi imparare altrove che cose come questa possono andare storte.

Related articles

Adolescente (25) ucciso durante un rituale sciamanico in Italia – Gli investigatori rilasciano dettagli sulla causa della morte

tzil mondostava in piedi: 14 luglio 2024, 6:18Da: Robin DittrichPremeredivisoLa morte di un barista di 25 anni ha...

Il piano del semaforo non influisce solo sul tipo di motore del veicolo elettrico

Home pageun lavorostava in piedi: 14 luglio 2024, 4:52da: Patrick FreewahInsisteDivideIl governo federale non intende solo promuovere i...