Maggio 25, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Generale USA: le forze di terra russe in Ucraina sono in “grossi problemi”

Generale USA: le forze di terra russe in Ucraina sono in “grossi problemi”
  • daKathryn Rickowski

    Vicino

Un generale della NATO ha detto a una conferenza sulla sicurezza internazionale che le forze di terra della Russia erano “in grossi guai”. Comunque avverte.

Tallinn (Estonia) – “La grande domanda non è se dobbiamo o meno prepararci a difenderci dalla Russia. Cavoli, comandante in capo della NATO per l’Europa dagli USA, ha avvertito in una tavola rotonda a Conferenza allegra di Lennart a Tallin (Estonia). L’argomento della discussione è stato: “Tempo di costruzione”.

Gen. Christopher Cavoli, comandante dell’esercito americano in Europa.

© dpa / Karsten Klama

All’inizio di maggio, il comandante della NATO Christopher Cavoli ha incontrato il capo dell’esercito ucraino, Valery Salochnyj, per conoscere la situazione lungo i fronti nella guerra in Ucraina – e ha fornito una valutazione della situazione dell’esercito russo alla conferenza . La Lennart Miri Conference esamina la politica di sicurezza internazionale da una prospettiva occidentale. Cavoli ha detto che era facile credere che l’esercito russo avesse perso in Ucraina. “Ma la verità è che era bellissima.”

Forze di terra russe “in grossi guai” – ma avverte il generale della NATO

“Le forze di terra sono state gravemente erose e hanno affrontato enormi problemi”, ha detto Cavoli della situazione in Ucraina. “E hanno perso molte persone, hanno perso molte attrezzature”. D’altra parte, anche l’esercito russo sarebbe stato rafforzato. L’esercito russo, la forza di terra, è più grande oggi di quanto non fosse all’inizio di questo conflitto. Quindi esiste ancora”.

Espansione della NATO: la crescente alleanza per la difesa

Espansione della NATO - Nord - Atlantico - Trattato - Organizzazione - Membri - Paesi - Creazione
Fondato il 4 aprile 1949 a Washington, D.C., il Trattato del Nord Atlantico fu inizialmente firmato da dodici nazioni: Belgio, Danimarca, Francia, Regno Unito, Islanda, Italia, Canada, Lussemburgo, Paesi Bassi, Norvegia, Portogallo e Regno Unito Stati d’America. Qui, ospite e presidente degli Stati Uniti Harry S. Documento Truman che costituisce la base della coalizione di difesa. Il primo Comandante Supremo fu l’americano Dwight D. Eisenhower, che succedette a Truman come Presidente degli Stati Uniti dopo il suo periodo alla NATO. © Imago
NATO-allargamento-North-Atlantic-trattato-organizzazione-stati-membri-Francia-Germania
Nei primi anni dopo la sua fondazione, la NATO si dedicò interamente a scongiurare la minaccia sovietica. Nel 1952 si svolsero diverse manovre in Germania, osservate dal secondo comandante supremo della NATO, Matthew Ridgway (secondo da sinistra) e dall’allora ambasciatore francese in Germania, André-François-Poncet (terzo da destra). © Imago
Espansione NATO-Organizzazione-Atlantico-settentrionale-Stati-membri-del-trattato-Turchia-Grecia
Nel 1952, altri due paesi entrarono a far parte della NATO: la Grecia e la Turchia. Nello stesso anno ebbero luogo le prime manovre di coalizione difensiva. Oltre alle unità della Gran Bretagna e degli Stati Uniti, hanno preso parte anche sommozzatori da combattimento, i cosiddetti sommozzatori, della marina turca. © Imago
Accordo di adesione alla NATO-Germania-1955
Nel 1954, gli stati membri della NATO decisero di offrire l’adesione anche alla Repubblica Federale Tedesca. Il ministro degli Esteri britannico Anthony Eden si è recato a Parigi per firmare l’accordo al Palais Chaillot. Un anno dopo, nel 1955, la RFG divenne il quindicesimo membro della NATO ad aderire all’alleanza di difesa. © UPI / dpa
Stati membri dell’allargamento della NATO-Francia
Poco dopo la sua fondazione, la NATO conobbe la sua prima crisi interna. La Francia ritirò la sua flotta dal controllo della NATO nel 1959. Nel 1966, i rappresentanti del paese salutarono tutti gli organi militari dell’Alleanza per la difesa. Il presidente francese Charles de Gaulle (a sinistra), qui al funerale di John F. Kennedy, teme il predominio americano nella NATO e insiste sull’indipendenza delle forze armate francesi. Il paese non è tornato alle strutture militari fino al 2009. © Imago
NATO-Allargamento-Stati membri-Spagna-1982
Il successivo allargamento della NATO ebbe luogo nel 1982. La Spagna divenne il sedicesimo membro dell’alleanza di difesa e poco dopo partecipò al vertice della NATO a Bonn. I capi di Stato e di governo si sono incontrati in quella che allora era conosciuta come la capitale federale (da sinistra a destra): Kari Willoch (Norvegia), Francisco Balsimao (Portogallo), Leopoldo Calvo Sotelo (Spagna), Bulent Oluso (Turchia), Margaret Thatcher ( Gran Bretagna) e Ronald Reagan (Stati Uniti d’America). © Imago
Nato-espansione-stati-membri-kosovo-guerra-bundeswehr-operazione-tornado
Nel 1999, sotto l’egida della NATO, la Bundeswehr tedesca ha svolto la sua prima missione di combattimento dalla sua fondazione nel 1955. La Repubblica federale di Germania ha partecipato alla missione NATO nella guerra del Kosovo con aerei da combattimento Tornado. © dpa
Stati membri dell’allargamento della NATO-Polonia-Ungheria-Repubblica Ceca
Dopo la caduta della cortina di ferro, la NATO si espanse per includere i paesi dell’ex Unione Sovietica. Il 12 marzo 1999, le bandiere della Polonia, della Repubblica Ceca e dell’Ungheria sono state issate presso il quartier generale della NATO a Bruxelles, in Belgio. Pertanto, l’alleanza per la difesa è cresciuta fino a raggiungere i 19 stati membri. © ATTILA SEREN/imago
Stati membri dell’allargamento della NATO-Bulgaria-Estonia-Lettonia-Lituania-Romania-Slovacchia-Slovenia-Colin-Powell-USA
Nel 2004 si è verificato il più grande ciclo di allargamento della NATO fino ad oggi. Quindi il segretario di Stato americano Colin Powell ha annunciato che l’alleanza per la difesa avrebbe aggiunto sette nuovi membri contemporaneamente: Bulgaria, Estonia, Lettonia, Lituania, Romania, Slovacchia e Slovenia. La NATO è composta da 26 paesi membri. © BENOIT DOPPAGNE / IMAGEO
Stati membri dell’allargamento della NATO-Croazia-Albania-Angela-Merkel
Per celebrare il suo cinquantesimo anniversario nel 2009, la NATO ha accettato altri due membri: Albania e Croazia. Il cancelliere Angela Merkel ha accolto il primo ministro albanese Sali Berisha alle celebrazioni per l’allargamento e l’anniversario del vertice NATO di Strasburgo e Kehl. © Imago
Paesi membri della NATO – Espansione – Montenegro
Il 5 giugno 2017, la NATO sarà ampliata per includere un altro membro. Il Montenegro aderisce all’Alleanza per la difesa. Il paese ha dichiarato la sua indipendenza dalla Serbia nel 2006 ed è stato accolto undici anni dopo a Bruxelles presso il quartier generale della NATO, bandiera compresa. © Gong Ping / Imago
NATO-allargamento-adesione-Stati membri-Nord-Macedonia
L’ultima espansione della NATO al momento è avvenuta nel 2020. Il 27 marzo la Macedonia è entrata a far parte dell’Alleanza per la difesa. Alla Grecia è stato negato l’ingresso nel paese per anni a causa di una disputa sul suo nome. Dopo che i due paesi hanno raggiunto un accordo, la strada era aperta per manovre congiunte, come qui con le unità dell’esercito americano vicino a Krivolac. © Imago
Sotto l’influenza della guerra in Ucraina, anche la Finlandia è entrata a far parte della NATO nell’aprile 2023. Questa mossa è storica. Il presidente finlandese Sauli Niinisto ha descritto l’adesione alla NATO come l’inizio di una nuova era. La Finlandia condivide un confine di 1340 km con la Russia. Per decenni, il paese scandinavo di circa 5,5 milioni di persone ha attribuito grande importanza alla libertà dalle alleanze militari. Con l’adesione della Finlandia, i confini esterni della NATO verso la Russia sono ora raddoppiati.
Sotto l’influenza della guerra in Ucraina, anche la Finlandia è entrata a far parte della NATO nell’aprile 2023. Questa mossa è storica. Il presidente finlandese Sauli Niinisto ha descritto l’adesione alla NATO come l’inizio di una nuova era. La Finlandia condivide un confine di 1340 km con la Russia. Per decenni, il paese scandinavo di circa 5,5 milioni di persone ha attribuito grande importanza alla libertà dalle alleanze militari. Con l’adesione della Finlandia, i confini esterni della NATO verso la Russia sono ora raddoppiati. © GIOVANNI THYS / ap
Membri di adesione alla NATO Svezia-Finlandia
E la prossima espansione della NATO è già visibile all’orizzonte. Oltre alla Finlandia, anche la Svezia ha chiesto di aderire all’Alleanza per la difesa. Il processo di registrazione è in corso. Le prime esercitazioni congiunte della Marina degli Stati Uniti e della Marina svedese si sono già svolte nel Mar Baltico. © IMAGO / Marina degli Stati Uniti

Queste stime contrastano con la stima di Kiev, che ipotizza 200.000 soldati uccisi o feriti. Zelensky ha recentemente affermato che, secondo le dichiarazioni del presidente ucraino Volodymyr Zelensky, la leadership russa si stava già preparando segretamente alla sconfitta nella guerra contro il suo paese. Inoltre, ci sono rapporti attuali di guadagni territoriali da parte ucraina e perdite per la Russia a Bakhmut.

La Russia non ha subito quasi perdite nelle forze navali, aeree ed elettroniche

Intanto, Cavoli avverte che nonostante i “significativi problemi” delle forze di terra, per quanto riguarda la sicurezza dei Paesi occidentali vanno considerati anche altri rami dell’esercito russo. “La Luftwaffe ha perso meno di 100 caccia e bombardieri. Sono rimaste circa 1.000 persone”.

“La Marina non ha perso quasi nulla, la Cyber ​​​​non ha perso nulla e non ci sono state vittime nei dipartimenti spaziali. Quindi, se stiamo davvero parlando dell’esercito russo, dobbiamo fare una differenza”. “Questo vale per tutte le aree. E dobbiamo essere pronti a trattare con l’esercito russo in tutte le aree anche in futuro”. (gatto)

Elenco delle regole: © dpa / Karsten Klama