Febbraio 4, 2023

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Game over per Google Stadia

Questo articolo è di M! 350 (novembre 2022).

Mountain View • Quando Phil Harrison ha annunciato l’ingresso di Google nello streaming di giochi alla GDC 2019, tutti sono rimasti scioccati: il gigante della ricerca vuole sviluppare e vendere videogiochi sulla sua enorme infrastruttura cloud e competere con Microsoft, Sony e Nintendo. 20 data center e dozzine di cluster informatici in tutto il mondo, collegati da mezzo milione di chilometri di cavo in fibra ottica, mirano a trasmettere videogiochi a dispositivi Android e Chrome fissi e mobili. Il gruppo target è già in difficoltà: “Ovunque giochi YouTube, Stadia funziona”, ha affermato Phil Harrison, che dirige l’intera attività di gioco di Google. E che il tempo delle console tradizionali è finito: “Per 40 anni, la produzione di giochi ha ruotato attorno all’hardware domestico (…) Stadia sta cambiando le cose”.

Il messaggio che Harrison sta lanciando ora a fine settembre sembra più modesto: “Alcuni anni fa abbiamo avviato anche un servizio di gioco, Stadia. Sebbene fosse costruito su solide basi tecniche, non ha attratto tanti utenti come previsto. Quindi abbiamo preso la difficile decisione di iniziare a chiudere il servizio di trasmissione”. Per dirla semplicemente: Stadia si sta chiudendo e sarà permanentemente offline il 18 gennaio 2023.

Nel corso degli anni, Google non ha rivelato quanti giocatori che utilizzano Stadia finiscono per aderire al servizio di abbonamento Stadia Pro. Ultimo ma non meno importante, il gruppo prevede “200 milioni di persone guardano YouTube ogni giorno” e poi si rende conto che la maggior parte di loro preferirebbe solo guardare piuttosto che giocare. Molti giocatori con una connessione allo streaming pagano un abbonamento Xbox Game Pass, Nvidia GeForce Now o PlayStation Now e vedono poco valore aggiunto nei contenuti di Stadia. Microsoft ha iniziato a trasmettere in streaming su Xbox e Windows cinque giorni prima di Stadia, e Amazon, il terzo gigante del cloud, ha seguito l’esempio nel 2020: Luna costa ai clienti Amazon negli Stati Uniti meno di Stadia e ha anche il catalogo di Ubisoft.

READ  Asteroidi vicini alla Terra oggi: quali asteroidi si stanno avvicinando alla Terra?

Un altro ostacolo sono gli elevati requisiti Internet rispetto allo streaming di film e musica: sono necessari almeno 20 Mbit / s per 1080p a 60 Hz. Ma probabilmente, la principale debolezza di Google risiede nella produzione di giochi. La pipeline di sviluppo interna e la connessione di seconda parte “Stadia Games and Entertainment”, che l’ex produttore di Ubisoft Jade Raymond sta costruendo e che dovrebbe occuparsi di titoli esclusivi, chiuderanno all’inizio del 2022. Ma i produttori di terze parti non lo sono offrendo molto, ad eccezione di Ubisoft, che fonderà il suo catalogo Plus in Stadia alla fine del 2020. Ragazze abbraccianti come THQ Nordic, Bandai Namco, Square Enix e 505 Games portano alcuni dei titoli. Bethesda in streaming tormento eternouna rockstar Leggi Dead Redemption 2 (ma no GTA) e solo EA FifaE il Impazzire E il Star Wars Jedi: Fallen Order. Quasi 300 giochi stanno arrivando su Stadia, ma solo una parte di essi è esclusiva.

Tutte le funzionalità commerciali di Stadia erano già state disabilitate e tutte le tariffe sospese giusto in tempo per l’annuncio “Stiamo chiudendo”. I clienti di Stadia avranno accesso ai propri giochi e dati fino a metà gennaio 2023, ma i titoli e le funzionalità svaniranno anche prima di allora. Al fine di ridurre le tempeste sporche e le seccature legali, Harrison promette di annullare tutti gli acquisti di hardware effettuati dagli utenti tramite il Google Store, nonché tutti gli acquisti di giochi e componenti aggiuntivi; I costi di abbonamento non saranno rimborsati.

Il social network Google+ (nato nel 2011, sepolto nel 2019), VR tenta Daydream (dal 2016 al 2019) e Cardboard (dal 2014 al 2021): Google è noto per il rapido sviluppo e la rottura delle attività. Ma una tale “chiusura rapida solleva le sopracciglia”, afferma il broker del settore GamesRadar: testimonia un altro testimone del “cimitero di Google”. Secondo Harrison, la fine di Stadia non è un’uscita, ma un reindirizzamento. “Google ha investito in tutti gli aspetti dei giochi per molti anni, aiutando gli sviluppatori tramite Google Play e raggiungendo un pubblico globale tramite YouTube”. Google vuole “portare la comprovata tecnologia di Stadia in altre aree, come YouTube, Google Play e la realtà aumentata” e “metterla a disposizione dei partner del settore”, afferma Harrison. “Rimaniamo strettamente connessi ai giochi e continuiamo a investire in nuovi strumenti, tecnologie e piattaforme”.

READ  Phoenix Live: Artemis 1 verrà lanciato sulla Luna, lunedì 29 agosto 2022, 12:00