Aprile 15, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

“Fuori Rosenheim”: muore il regista Percy Adlon

“Fuori Rosenheim”: muore il regista Percy Adlon

Era un bavarese a Hollywood, gli spettatori di BR lo conoscevano e, soprattutto, la sua voce da numerosi documentari. Percy Adlon una volta disse, ripensando alla sua brillante carriera: “Ho sempre preso tanti piccoli talenti che non bastano per un grande talento e li ho messi insieme per creare un regista”. Ha iniziato a cantare all'età di 12 anni finché i problemi alle corde vocali non lo hanno fermato. A 20 anni voleva fare l'attore, ma non riusciva a superare l'essere un amante adolescente. Poi? BR lo ha scoperto come autore. È arrivato al documentario nel 1970 attraverso un piccolo ritratto della poetessa Annette Kolb, e poco dopo anche alla proiezione di film. Percy Adlon ha illustrato oltre 80 storie nel suo stile unico.

Percy Adlon: una deviazione al film

Ha sempre amato le scene apparentemente quotidiane in cui accade qualcosa di inaspettato e dove – come dice lui – “tutta la terra si solleva un po'”. Ad esempio, quando una donna bavarese vaga attraverso il deserto della California con la sua valigia mobile verso una nuova vita, come nel film “Out Of Rosenheim” del 1987. Jasmine Mongschstettner, interpretata da Marianne Sagebrecht. Il film è stato un successo a sorpresa nel cinema indipendente. È stata una coincidenza o un'ironia che questo successo abbia permesso a Percy Adlon, cresciuto sul lago di Starnberg, di realizzare il suo sogno intorno ai cinquantacinque anni e di trasferirsi a Pacific Palisades, in California, dove ha vissuto fino alla morte? “Stavamo per cambiare la nostra vita, ma non potevamo permettercelo. Dopo tutti questi anni di radio e televisione, arrivavano molti soldi da tutto il mondo perché tutti amavano questo film”, disse in seguito Adlon del suo inaspettato successo. . .

Successo internazionale “Fuori Rosenheim”

“Out of Rosenheim” ha catturato gran parte di ciò che ha reso speciale Percy Adlon. Per tutta la vita è stato un uomo tra donne forti. È nato a Monaco nel 1935, “figlio” di sua madre, Suzanne Adlon, della famiglia proprietaria del famoso albergo di Berlino. La guerra fu caratterizzata da dure contraddizioni, dalla liberazione da parte degli americani e da un nuovo inizio dopo il 1945. Non è un caso che i suoi film siano pieni di tante donne coraggiose e resistenti. Percy Adlon, tra gli altri, ha fotografato Franziska zu Reventlow, la femme fatale della bohémien Schwabing, Sophie Scholl, ma anche una fabbrica molto speciale di Monaco: la fumettista Franziska Bielik, creatrice dei leggendari Herrenbeis, sull'Evening Paper. Era il 1978.

“Avevo una teoria: potevo entrare in qualsiasi casa, non importa dove. E se guardavo da vicino, emergeva una storia. Perché le persone hanno storie.”

Tuttavia, gli ci vollero alcuni anni prima che si fidasse di se stesso per riconoscere e poi raccontare queste storie. A Monaco dalla metà degli anni Cinquanta studiò tedesco, storia dell'arte e teatro e prese anche lezioni di recitazione. Ma il sogno di Adlon di diventare un attore non si è avverato: “La vita quotidiana di un attore, reinventarsi costantemente – questo non era qualcosa che mi era stato dato”.

Narratore attento

Quando aveva circa venticinque anni, Percy Adlon ebbe l'opportunità di leggere la letteratura Bayerischer Rundfunk. Ben presto fu ingaggiato come oratore e corrispondente televisivo. E con questo le cose hanno preso il volo. I film sono diventati più lunghi e il materiale è diventato più complesso. Negli anni '70 Adlon ha prodotto principalmente documentari storici su musica, letteratura e arte. Tuttavia, all'inizio degli anni '80, divenne fuori portata per lui, poiché improvvisamente cominciò a interessarsi di più alla vita contemporanea e alla gente comune. Ci sono più storie inventate di quelle esistenti.

Un certo spirito anarchico

“Sugar Baby”, 1984. Una storia d'amore che si svolge nella metropolitana di Monaco. Marianne Sagebrecht nel suo primo ruolo da protagonista. Una toccante tragicommedia arrivata alla Berlinale, dove Sägebrecht è stato celebrato come l'incarnazione del fiore bavarese. Cosa distingue i suoi film? È il focus su alcune persone e luoghi. Percy Adlon ha raccontato la storia della sua famiglia anche nel cinema: a metà degli anni Novanta ha prodotto un documentario sul mondo glamour dell'Hotel Adlon di Berlino, aperto dal suo bisnonno nel 1907. Il film, come molti altri, è stato autoprodotto con la moglie Eleonore e il figlio Felix. Forse il tratto più importante della personalità di Adlon è questo certo spirito anarchico che gli permette sempre di scegliere le proprie storie e di implementarle nell'azienda di famiglia.

Percy Adlon è morto domenica nella sua casa adottiva a Los Angeles all'età di 88 anni, BR ha appreso dai circoli familiari. Lunedì il ministro bavarese dell'arte Markus Blum (CSU) ha elogiato Adlon, definendolo “uno spirito libero, un regista di culto e un orgoglioso bavarese a Hollywood”.