Giugno 28, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Funzione elettronica carta d’identità: come utilizzare la carta d’identità come carta d’identità online

Funzione di identificazione elettronica
Ecco come funziona una carta d’identità come identificatore online

Gestire i dati sanitari online o consentire all’auto di andare online: questo può essere ottenuto con un chip nella carta d’identità che può confermare la propria identità online. La funzione E-ID è finora poco utilizzata.

È una situazione familiare: ad un certo punto bisogna andare alle autorità, ad esempio per ottenere un certificato, oppure l’auto deve essere immatricolata o cancellata. Questo di solito significa: aspetta. Ad un appuntamento, in una fila apparentemente infinita, al prossimo sportello gratuito.

Per evitare tali problemi, la carta d’identità è stata potenziata anni fa con la funzione E-ID. I cittadini possono utilizzarlo per identificarsi online utilizzando un microchip sulla carta. Pertanto, non è necessario venire di persona ad ogni visita alle destinazioni o per ogni contratto stipulato con compagnie o compagnie di assicurazione.

Ma la risposta è stata finora limitata. Nel sondaggio annuale sull’e-government condotto dall’iniziativa “D21” nel 2021, solo il nove per cento degli intervistati ha dichiarato di aver effettivamente utilizzato la funzione di identità online. Questo nonostante il fatto che tre quarti dei tedeschi abbiano una carta d’identità adeguatamente equipaggiata sotto forma di carta di credito.

L’ID online può essere attivato in qualsiasi momento

Sebbene dal 15 luglio 2017 siano state emesse solo nuove carte d’identità con funzionalità E-ID attiva, secondo un sondaggio, solo un quarto della popolazione adulta (26%) ha un documento d’identità con un ID elettronico attivato. Se non sei ancora iscritto e desideri attivare la tua identità online, puoi farlo gratuitamente presso l’Ufficio Anagrafe Cittadini.

Chi ha dimenticato o smarrito il PIN può richiedere online un messaggio di reimpostazione del PIN. Verrà inviato gratuitamente all’indirizzo registrato e contiene un codice di attivazione, un codice QR e un nuovo PIN.

E per quanto riguarda la funzione ID Internet? Il portale delle carte d’identità del Ministero federale dell’interno elenca circa 170 domande: dalle autorità di immatricolazione dei veicoli al registro nazionale delle armi alle domande BAFöG. Partecipano anche fornitori di telecomunicazioni e banche.

Con loro, puoi identificarti direttamente quando acquisti una carta mobile prepagata o apri un conto senza dover andare in un negozio o avviare un processo di identificazione video. Utilizzando il portale di gestione finanziaria di Elster, è possibile registrare un ID elettronico.

Smartphone o lettore di carte

E di cosa hai bisogno esattamente? Smartphone più recente con chip NFC che può essere utilizzato per leggere il chip nell’ID se “ID app2” è installato per il governo federale. La tecnologia NFC è anche la base per il pagamento contactless. Quindi, se paghi già con il tuo smartphone, ad esempio, sei ben preparato a utilizzare l’E-ID.

Ma puoi raggiungere il tuo obiettivo anche senza smartphone. Ma per questo è necessario un lettore di schede adatto che puoi collegare al tuo computer, su cui è installato anche “Ausweisapp2”.

Ora ci sono anche fornitori di terze parti di identificazione E-ID. Se dovresti installare le loro app o software dipende dall’azienda di cui vuoi conoscere.

Il processo di identificazione funziona quindi come segue: Tieni la carta d’identità sotto lo smartphone o inseriscila nel lettore di carte e inserisci il PIN quando richiesto.

I dati vengono inviati crittografati

Solo chi ha il proprio documento d’identità a portata di mano e ha inserito il PIN corretto può identificarsi online utilizzando l’ID elettronico. Inoltre, i dati sensibili vengono trasmessi in forma crittografata end-to-end direttamente dal chip di identità al fornitore di servizi, spiega Matthias Gartner, portavoce dell’Ufficio federale della sicurezza dell’informazione (BSI).

“Ciò richiede autorizzazione e certificazione tecnica” — nessuna certificazione e nessun accesso ai dati, afferma Gärtner. Inoltre, vengono mostrati in anticipo l’autorizzazione del provider, come un’autorità di rilascio delle licenze o una banca, e i dati da trasferire all’utente.

Finora, questo sembra funzionare: “BSI non è a conoscenza di casi di furto di identità o lettura non autorizzata di dati che potrebbero essere ricondotti a un compromesso nelle caratteristiche di sicurezza del chip o dell’infrastruttura di identificazione elettronica”, Gartner.

Se la tua carta d’identità è stata rubata o smarrita o temi che la funzione E-ID sia stata utilizzata in modo improprio, puoi bloccare il lavoro online. Questo può essere fatto sia con la polizia che presso un ufficio del registro dei cittadini. Esiste anche una hotline di blocco (116 116).

“La password di blocco inviata nella lettera PIN dovrebbe essere ancora pronta per le chiamate”, afferma Birgit Paschke dell’Ufficio federale di gestione, responsabile delle operazioni di blocco. Se la carta viene visualizzata di nuovo o si desidera sbloccarla, è possibile farlo presso l’anagrafe cittadina competente.

Dopo l’E-ID arriva Smart-E-ID. Quest’ultimo mira a facilitare l’identificazione su Internet memorizzando permanentemente i dati della carta d’identità su uno smartphone. La procedura doveva iniziare alla fine del 2020, ma la presentazione è stata più volte rinviata. Da un lato, ciò è dovuto alle sfide tecniche. Smart-E-ID, invece, dovrebbe entrare a far parte dell’applicazione wallet, dove è anche possibile trasferire la patente, la tessera vaccinale, ecc.

(Questo articolo è stato pubblicato per la prima volta venerdì 27 maggio 2022.)

READ  Test del concentrato di pomodoro: i prodotti di marca sono tossici - vincitore del test dallo sconto