Giugno 27, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Forze ucraine nell’est sotto il fuoco pesante

Il ministero della Difesa ucraino ha anche parlato di una situazione difficile nella regione carboniera e siderurgica del Donbass. A quanto pare, l’esercito russo vuole circondare le unità ucraine nelle città di Sevgirodontsk e Lyschansk, ha detto il portavoce Oleksandr Mutocyank. Entrambe le città avevano una popolazione prebellica di circa 100.000 abitanti.

I difensori ucraini sono forniti lì da un percorso. L’esperto Nikolai Mitrokhin scrive sulla rivista “Osteuropa” che questo è ora caduto sotto il fuoco dell’artiglieria e dei mortai russi.

L’Ucraina attacca il magazzino – 190 morti

Secondo il comando militare ucraino nell’est, almeno 190 soldati russi sono stati uccisi martedì. Inoltre, sono stati distrutti 19 veicoli e altro equipaggiamento militare. La Russia ha effettuato tre attacchi. Un attacco ucraino è stato effettuato contro un deposito in cui si diceva si trovassero 180 soldati. Il sito non è stato nominato. Le informazioni non possono essere verificate in modo indipendente. L’esercito ucraino non ha detto nulla sulle sue perdite.

14 civili sono stati uccisi

Le forze russe hanno ucciso almeno 14 civili e ferito altri 15 durante gli attacchi nelle regioni orientali di Luhansk e Donetsk, secondo l’esercito ucraino. I militari hanno annunciato su Facebook che le forze russe avevano utilizzato caccia, lanciarazzi, artiglieria, carri armati, mortai e missili da crociera.

Rapporto: rovesciamento di un generale russo

Si dice che un altro generale russo sia stato ucciso in Ucraina. Questo è stato riferito dalla “BBC” e si riferisce a molti dei subordinati del generale. Si dice che sia Kanamat Potashev. Di conseguenza, si dice che Potashev sia stato abbattuto nello spazio aereo sopra Luhansk domenica scorsa mentre volava su un caccia Su-25. Il ministero della Difesa russo non ha ancora confermato la morte del 63enne. Leggi di più qui.

READ  Corona: la Danimarca è ora un'area ad alto rischio | NDR.de - Notizie - Schleswig-Holstein

Gli oligarchi perdono 10 miliardi di euro di patrimonio

Nel contesto della guerra in Ucraina, gli oligarchi russi hanno perso l’accesso a yacht di lusso, immobili e altri beni per un valore di circa 10 miliardi di euro. Secondo le informazioni dell’agenzia di stampa tedesca, ciò si basa sui dati della Commissione dell’Unione europea. L’8 aprile il valore era ancora di 6,7 miliardi di euro.

La Commissione dell’Unione Europea vuole presentare mercoledì una proposta legislativa che consentirebbe di confiscare i fondi russi congelati. Questi soldi possono quindi essere utilizzati per ricostruire l’Ucraina. “Dobbiamo puntare ogni pietra per questo – se possibile anche i beni russi che abbiamo congelato”, ha sottolineato martedì la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen.

La Russia dichiara la rotta sicura da Mariupol

Secondo le informazioni militari, la Russia vuole stabilire un corridoio marittimo sicuro dal porto ucraino occupato di Mariupol attraverso il Mar d’Azov da mercoledì. La rotta sminata verso il Mar Nero è lunga 115 miglia nautiche (213 km), larga 2 miglia nautiche e navigabile dalle 8:00 ora locale (7:00 CEST). Allo stesso tempo, verranno riparate le infrastrutture danneggiate del porto di Mariupol.