Febbraio 27, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

“Forse lo sviluppo più sorprendente”: Hawking aveva torto?

“Forse lo sviluppo più sorprendente”: Hawking aveva torto?
  1. Home page
  2. Lo sappiamo

Le teorie del buco nero di Hawking e Penrose potrebbero essere smentite. Il matematico Roy Kerr avanza una tesi nuova e innovativa.

MONACO DI BAVIERA – Gli scienziati possono ora fotografare i misteriosi corpi celesti che conosciamo come buchi neri, ma ciò che accade al loro interno rimane nascosto. Tuttavia, due rispettati ricercatori, i brillanti Stephen Hawking e Roger Penrose, che hanno vinto il Premio Nobel per la fisica nel 2020, hanno avanzato una teoria negli anni ’70 che descrive l’interno di questi buchi neri. Hanno parlato della cosiddetta singolarità al centro, il punto in cui la gravità diventa infinita.

Questa ipotesi è stata ora messa in discussione dal matematico neozelandese Roy Kerr, che da molti anni studia i buchi neri. E studiandolo Sul server di stampa avanzato arXiv pubblicatoMa la sua autenticità non è stata ancora verificata dagli esperti, e commenta così: “Perché molti credono che la stella al suo interno dovrebbe restare sola in questo momento? Fede, non scienza! Sessant’anni senza prove, e loro ci credono”.

Singolarità del buco nero: Hawking e Penrose avevano torto?

Riferendosi a Penrose e Hawking, Kerr ha scritto: “Non è stato dimostrato che una singolarità sia inevitabile quando si forma un orizzonte degli eventi attorno a una stella che collassa”. Hawking e Penrose ipotizzarono che i raggi luminosi in un buco nero siano finiti e debbano finire in una singolarità. Tuttavia, Kerr ora sostiene che questa conclusione è errata.

Cosa succede all'interno di un buco nero? Non puoi guardarti dentro. (Impressione dell'artista) © IMAGO/Zoonar.com/Terry Papoulias

La fisica teorica Sabine Hosenfelder del Centro di filosofia matematica di Monaco commenta le affermazioni di Kerr In un lavoro X: “Questo è forse lo sviluppo più sorprendente nella fisica teorica che abbia visto negli ultimi dieci anni”. nel video “L'argomentazione di Kerr sembra quasi certamente matematicamente corretta”, spiega. “Per la vergogna di molti fisici teorici, me compresa, questa argomentazione non è nemmeno particolarmente difficile.”

Tuttavia, la domanda rimane: Kerr aveva ragione e Hawking e Penrose avevano effettivamente torto? Hosenfelder lo spiega in modo succinto: “Solo perché le prove contengono un errore non significa che la conclusione sia sbagliata”. (fattura non pagata)

L'editore ha scritto questo articolo e poi ha utilizzato un modello linguistico AI per migliorarlo a sua discrezione. Tutte le informazioni sono state attentamente controllate. Scopri di più sui nostri principi di intelligenza artificiale qui.