Maggio 18, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Ford nel Saar-Louis: lo stabilimento nel Saarland sta lottando per sopravvivere

unQuando Jim Farley ha annunciato un record di produzione nell’ultima settimana di gennaio del 40 milionesimo camioncino F150, il presidente del gruppo Ford of America lo ha collegato con un piccolo messaggio: “Costruisci una Ford Tough” si applica a ogni camion. oltre quattro decenni. , ha scritto il regista su Twitter.

Potente: questo non è solo il nome dei veicoli, popolare tra artigiani e uomini d’affari negli Stati Uniti, ma anche il modo in cui Farley tratta con dipendenti e politici in Europa. Il boss della Ford ha lanciato una gara di cantiere tra due dei suoi stabilimenti: a Saarlouis, in Germania, e a Valencia, in Spagna. La domanda è quale impianto verrà utilizzato per costruire un modello Ford completamente elettrico dal 2025 in poi. Quindi sulla sopravvivenza nell’era della mobilità elettrica.

Leggi anche

Le stazioni di servizio nell’era elettronica

Entrambi i produttori – manager locali e commissioni di lavoro sostenute da politici – devono presentare i loro concetti all’accordo di Strömer entro il 27 gennaio. In altre parole: agevolazioni salariali, incrementi di efficienza, sussidi. I documenti sono stati presentati, il loro contenuto riservato. La decisione dovrebbe essere presa entro la metà dell’anno.

I numeri parlano per il Valencia

Le emozioni stavano già crescendo prima della scadenza. I lavoratori temono per il loro lavoro. Lo stabilimento di Saarlouis sta costruendo una Ford Focus, la cui produzione dovrebbe terminare nel 2025. Quello che verrà dopo è aperto. In una dichiarazione congiunta in autunno, le commissioni di lavoro tedesche hanno chiesto al capo europeo di Ford, Stuart Rowley, di porre fine alla competizione per le offerte. “È l’opposto della partnership sociale e divide la forza lavoro oltre i confini e le località”, afferma il loro messaggio. Roli sembra vederla diversamente.

Forse i numeri scarsi parlano per il Valencia. Il livello salariale è inferiore a un terzo del contratto collettivo tedesco e, secondo i media, i rappresentanti dei dipendenti spagnoli si stanno offrendo di ridurre gli aumenti per ora. D’altra parte, i suoi colleghi del Saarland hanno messo insieme un pacchetto congiunto con i lavoratori di Colonia. Inoltre, la politica statale sottolinea i vantaggi del sito: numerosi fornitori, specialisti qualificati e, soprattutto, l’impianto di batterie che la società cinese SVolt realizzerà con l’assistenza statale nel Saarland.

“Stiamo combattendo con tutte le nostre forze per garantire che Ford abbia un futuro nel Saarland”, dichiarano il Premier Tobias Hans (CDU) e il ministro dell’Economia Anke Rellinger (SPD). Il che è notevole perché i due politici stanno attualmente litigando. Le elezioni statali si terranno nel Saarland il 27 marzo e Rellinger vuole sostituire Hans come primo ministro.

Leggi anche

Prototipo

Vedere il prototipo elettrico EQXX

Nel caso di Ford, suonano ancora solitari e, a quanto pare, hanno dato all’azienda la prospettiva di sussidi se avesse convertito il suo impianto esistente per produrre auto elettriche. Il governo regionale di Valencia ha fatto lo stesso. Inoltre, lì è stata avviata un’iniziativa volta a localizzare un impianto di celle per batterie vicino allo stabilimento Ford, per compensare il vantaggio dei siti che i Saarlander hanno.

I politici vogliono pagare per la riqualificazione

Nel caso è intervenuto anche il governo tedesco. Durante la campagna elettorale, il Cancelliere federale di oggi, Olaf Schultz (SPD), ha fatto visita ai compagni della fabbrica di Saarlouis. Quasi tutta la forza lavoro è un membro della IG Metall e lo stabilimento impiega 4.800 dipendenti. La Federazione ha molto da perdere in una partita di poker con Ford. Secondo le informazioni di WELT, anche il governo federale ha cercato di influenzare la decisione. Un portavoce del segretario federale del lavoro Hubertus Hill (SPD) ha affermato che l’offerta di assicurazione dell’impianto Ford “non ha fornito alcun contributo specifico”.

Il ministro, invece, ha contribuito con una lettera con dichiarazioni “sugli obiettivi del governo federale in relazione al mercato trainante della mobilità elettrica”. In esso fa anche riferimento alle “opzioni di sostegno per l’Agenzia federale per l’impiego, che possono essere soddisfatte ai sensi dei regolamenti nel libro III della legge sulla sicurezza sociale. Ciò include, ad esempio, consulenza e miglioramento delle procedure di qualificazione dei dipendenti”. Ford desidera In esso, i politici pagheranno generosamente e generosamente i costi della riqualificazione dei dipendenti.

La società stessa non commenta l’intero processo. L’obiettivo è “guidare il futuro della mobilità in Europa e diventare un produttore leader di auto completamente collegate in rete ed elettrificate”, secondo la sede tedesca di Colonia. “Con questo obiettivo in mente, continueremo a portare avanti la trasformazione della nostra attività in Europa”. Questo può anche significare ridimensionamento.

Leggi anche

Felice uomo d'affari e donna d'affari con il cellulare in ufficio

Perché gli affari della casa automobilistica sono peggiori nel vecchio continente che nel mercato interno. Non si parla di record qui, anzi. Le quattro piante sono usate raramente in capacità. Secondo Jato Dynamics, lo scorso anno le vendite di auto nei principali mercati europei sono scese a sole 554.000 auto, il 44% in meno rispetto al 2019. Nessun altro marchio automobilistico è diminuito drasticamente durante la pandemia.

Ford ha sottovalutato la domanda di auto elettriche

Inoltre, Ford è cresciuta più dell’elettrico. C’è un solo modello di batteria attualmente in vendita: la Mustang Mach E di fabbricazione messicana. Il CEO Farley sta ora iniziando una corsa per recuperare il ritardo con miliardi di investimenti. Tuttavia, la sua mossa più importante va oltre il mercato europeo: Ford lancia la F150 come un’auto elettrica, con un’enorme batteria, un’enorme potenza del motore e prese a cui gli artigiani possono collegare le loro macchine. 150.000 di loro saranno costruiti quest’anno e almeno 200.000 l’anno prossimo. Ford aveva completamente sottovalutato il numero di potenziali acquirenti.

In Europa, Ford inizialmente ha risolto il problema con l’aiuto della Volkswagen. Dal 2024 verrà prodotta a Colonia un’auto elettrica Volkswagen La cosiddetta piattaforma offre. Sarà lo stesso dell’ID.3 di VW in molti componenti e tecnologia di base. Solo con il nuovo modello, premiato nella competizione del sito tra Saarlouis e Valencia, Ford sta portando la sua tecnologia per auto elettriche nel vecchio mondo.

Martin Sander, il nuovo capo del marchio di autovetture per l’Europa, dovrebbe annunciare la decisione a giugno. L’ex manager dell’Audi inizierà il 1 giugno e sarà anche responsabile degli affari tedeschi sotto l’attuale presidente europeo Rowley. Fino ad allora, alla Ford di Colonia manca un duro al vertice. Il presidente di lunga data della Germania, Gunnar Hermann, ha lasciato bruscamente il consiglio di sorveglianza a novembre e il suo vice, Hans-Jörg Klein, ha lasciato bruscamente l’azienda.

Leggi anche

Apparentemente, Elon Musk è spesso una mostra personale: qui alla presentazione del Premio Axel Springer 2020 a Berlino

Quindi Sander affronta una prova del fuoco fin dall’inizio. Il suo compito dovrebbe essere “Costruire Ford Tough” – per rendere nuovamente forti gli affari in difficoltà in Europa. Può quindi dimostrare immediatamente se Sander può negoziare con dipendenti e politici un turno e in cambio tagli aggressivi di posti di lavoro.

Puoi ascoltare il podcast WELT qui

Usiamo il lettore di Podigee per il podcast WELT. Affinché tu possa vedere il lettore di podcast e interagire o visualizzare i contenuti di Podigee e altri social network, abbiamo bisogno del tuo consenso.

“All in Stock” è l’istantanea giornaliera della borsa valori del team editoriale di WELT Business. Ogni mattina dalle 7 del mattino con i giornalisti finanziari WELT. Per esperti di borsa e principianti. Iscriviti al podcast su spotifye Podcast di Applee musica amazzonica e Deezer. o direttamente tramite RSS Feed.