Gennaio 30, 2023

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Fisico: Un buco nero sta facendo a pezzi una stella

Un evento estremo si è verificato nell’universo primordiale 12,4 miliardi di anni fa: un buco nero supermassiccio al centro di una galassia ha fatto a pezzi una stella con la sua gravità. Utilizzando molti telescopi sulla Terra e nello spazio, gli astronomi sono stati ora in grado di monitorare la radiazione creata da questo evento. Come riportano gli scienziati nelle riviste Nature e Natural Astronomy, parte della materia stellare era raggruppata in un raggio diretto approssimativamente verso la Terra, e quindi era particolarmente facile da osservare.

C’è un buco nero supermassiccio al centro di quasi tutte le galassie. Se una stella si avvicina troppo a un tale buco nero, può essere lacerata dall’influenza gravitazionale lì: gli astronomi parlano di un “evento di interruzione delle maree”. La materia stellare cade nel buco nero e si illumina intensamente. I ricercatori di Sky ritengono di aver già osservato quasi un centinaio di tali eventi, ma non ci sono ancora prove conclusive. In rare occasioni, il campo magnetico del buco nero concentra parte della materia stellare in caduta in un getto, noto come getto, e poi lo proietta nello spazio.

Se un tale getto fosse diretto esattamente sulla Terra, l’evento potrebbe essere visto in modo particolarmente brillante da lì. Ciò consente agli astronomi di osservare l’evento di disturbo delle maree a distanze molto grandi. Dheeraj Pasham del Massachusetts Institute of Technology negli Stati Uniti e i suoi colleghi sono ora riusciti a rilevare l’evento, chiamato AT 2022cmc, che si è verificato a 12,4 miliardi di anni luce dalla Terra.

AT 2022cmc è stato scoperto per la prima volta l’11 febbraio di quest’anno utilizzando uno speciale telescopio presso l’Osservatorio Palomar negli Stati Uniti d’America, specializzato nella rilevazione di eventi celesti a breve termine. Gli astronomi di tutto il mondo sono stati rapidamente allertati e hanno osservato la radiazione dell’evento utilizzando più telescopi in tutte le gamme di lunghezze d’onda, dalla radio ai raggi X. AT 2022cmc è il quarto evento di disturbo di marea in cui è stato rilevato un tale getto ed è il più lontano dalla Terra fino ad oggi.

READ  Nvidia rifornisce di schede grafiche da agosto [Gerücht]

I ricercatori sono stati in grado di ottenere alcune informazioni sul buco nero dalla radiazione misurata. Con un massimo di dieci milioni di masse solari, è relativamente facile da un punto di vista astronomico: i buchi neri supermassicci al centro delle galassie possono contenere fino a diversi miliardi di masse solari. I dati mostrano anche che è probabile che giri rapidamente. Con sorpresa dei ricercatori, il campo magnetico nella regione del piano sembra essere più debole di quanto previsto dai modelli teorici. Le osservazioni di altri eventi di disturbo delle maree potrebbero aiutare a comprendere meglio la formazione di tali getti in futuro.