Novembre 29, 2021

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

File per prendere d’assalto il Campidoglio – Trump ottiene un successo parziale in tribunale – Politica

Si gioca per tempo e ora è stato un successo parziale…

Nella disputa sulla consegna dei fascicoli per l’assalto al Campidoglio, una corte d’appello di Washington ha accolto una mozione presentata dall’ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump. La consegna dei documenti al Congresso è stata momentaneamente sospesa. Il tribunale ha fissato l’udienza per il 30 novembre.

I tre giudici hanno sottolineato che la mossa “non deve in alcun modo essere intesa come una decisione in materia”. Una corte federale degli Stati Uniti aveva accettato di trasferire i documenti a un’inchiesta parlamentare della Camera dei rappresentanti in una decisione pubblicata martedì. In precedenza, il presidente Joe Biden aveva già accettato di inviare documenti dagli Archivi nazionali. I file dovrebbero essere già consegnati ai parlamentari venerdì.

L’ex presidente degli Stati Uniti si rifiuta di consegnare più di 770 pagine d’archivio alla Camera dei Rappresentanti. Questi includono i documenti dell’ex capo dello staff Mark Meadows, dell’ex consigliere Stephen Miller e dell’ex vice consulente legale Patrick Philbin.

Altri documenti che Trump vuole nascondere ai membri del Parlamento includono note al suo ex addetto stampa Kayleigh McEnany, una nota scritta a mano sugli eventi del 6 gennaio e una bozza del suo discorso a una manifestazione prima dell’assalto al Campidoglio.

Trump ha invocato il cosiddetto privilegio esecutivo nella sua causa contro la consegna dei file. Ciò consente al presidente di mantenere riservati alcuni documenti. Nella sua decisione di martedì, la Corte federale ha respinto tale argomento. Il giudice Tanya Chutkan ha affermato che la posizione di Trump secondo cui può ignorare l’espressa volontà dell’esecutivo si basava sul presupposto che i suoi poteri esecutivi fossero “per la vita”. Ma i capi non sono re e il querelante non è capo”.

READ  Le persone non vaccinate devono pagare da sole le cure per il coronavirus a Singapore - Politica estera

Trump non ha ancora ammesso la sconfitta elettorale dello scorso novembre contro Joe Biden. Ha ripetuto la sua accusa non supportata di frode elettorale diffusa davanti ai suoi sostenitori a Washington il 6 gennaio, quando il Congresso voleva certificare la vittoria elettorale di Biden. Trump ha invitato il suo pubblico a marciare in Campidoglio. Di conseguenza, centinaia di sostenitori radicali di Trump hanno preso d’assalto l’edificio del Parlamento. Cinque persone sono state uccise nelle violenze.

La Camera dei Rappresentanti ha immediatamente avviato la procedura di impeachment contro Trump. Ma nel processo di impeachment del Senato, la maggioranza dei due terzi richiesta per una condanna non è stata raggiunta. Poi la Camera dei Rappresentanti ha formato una commissione d’inchiesta per chiarire i retroscena dell’assalto al Campidoglio.