Maggio 22, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Ferma questa guerra: Berbuk va dritto a Lavrov

Ferma questa guerra: Berbuk va dritto a Lavrov
  1. Pagina iniziale
  2. Politica

creatura:

da: Stefania Monk

Il ministro degli Esteri tedesco Analina Berbock si è rivolto direttamente al ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov al vertice del G20 in India. © Tass / Imago (montaggio)

Il ministro degli Esteri Analina Berbock ha colto l’occasione al vertice del G20 in India per affrontare direttamente Sergey Lavrov con la guerra in Ucraina.

NUOVA DELHI – Per evitare critiche alla guerra della Russia contro l’Ucraina, il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov ha lasciato il gruppo dei ministri degli Esteri in anticipo al vertice del G-20 a luglio – c’è stato uno scandalo. All’attuale vertice del G-20 in India, il ministro degli Esteri tedesco Annalina Berbock ha utilizzato questo tour esatto per rivolgersi direttamente a Lavrov: “È bello averti qui nella stanza ad ascoltare”, ha detto il politico verde – e ha invitato le sue controparti russe a porre fine immediatamente la guerra in Ucraina.

Berbuk si rivolge direttamente a Lavrov: “Smettetela di bombardare le città ucraine”

“Fermate questa guerra. Smettetela di violare il nostro ordine internazionale. Smettetela di bombardare le città e i civili ucraini. E Barbuk ha chiesto, rivolgendosi direttamente a Lavrov. “Perché ogni famiglia che perde un padre, un fratello, una madre o un figlio perde il mondo intero”. diritto di attaccare i loro piccoli vicini.

Apparentemente, la parte russa si è anche resa conto che “le false affermazioni da sole che non hanno iniziato questa guerra” non hanno funzionato, ha detto Berbock, riferendosi all’affermazione della Russia secondo cui la NATO ha iniziato la guerra contro la Russia “e che questo non è stato un buon strategia per arrivare da qualche parte.” (…), lanciate le vostre false narrazioni e poi andatevene”, riferendosi alla partenza prematura di Lavrov a luglio.

Barbock al vertice del G-20: “La guerra non ha conseguenze positive in nessuna parte del mondo”

Qui al tavolo del G-20, 19 paesi hanno chiarito che questa guerra deve finire. Alla fine vogliono tutti la pace, ha sottolineato Barbock, riconoscendo che ci sono opinioni diverse sul conflitto in Ucraina tra i membri del G20, ma ciò che ci unisce tutti è che non c’è un solo posto al mondo dove la guerra russa avrebbe un effetto positivo. Porta solo a più sofferenza, più miseria e talvolta più morti. “Anche la Russia stessa sta subendo le conseguenze della guerra. Lo hanno dimostrato migliaia di persone che hanno lasciato la Russia, così come i dati economici del paese.

Il ministro degli Esteri tedesco ha espresso preoccupazione per il fatto che la Russia vuole sospendere il trattato “New Start” per ridurre le armi nucleari. Barbuk ha esortato Lavrov a riprendere il dialogo con gli Stati Uniti e tornare alla piena attuazione del trattato.

Vertice del G20: prevista dichiarazione congiunta con Russia, Cina e Stati Uniti

Ospitare la riunione del G20 è una questione delicata per l’India, che non ha condannato apertamente la guerra in Ucraina. Il paese ospitante, pur condividendo le preoccupazioni dell’Occidente sulla Cina, è un importante cliente dell’industria della difesa russa e ha intensificato le importazioni di petrolio dalla Russia.

Il ministro degli Esteri indiano Subrahmanyam Jaishankar ha parlato giovedì 2 marzo Cnn Incontra i suoi omologhi di Stati Uniti, Russia e Cina. La speranza è di trovare abbastanza punti di intersezione per una dichiarazione congiunta al termine del vertice. Questo progetto è fallito a gennaio in occasione di una riunione dei ministri delle finanze del G20 nella città di Bengaluru, nell’India meridionale: di conseguenza, Russia e Cina si sono rifiutate di firmare una dichiarazione congiunta che criticava l’invasione russa dell’Ucraina.

Discorso al vertice del G20: il primo ministro indiano Modi chiede di superare le tensioni globali

Il primo ministro indiano Narendra Modi ha chiesto di superare le divergenze sulla crisi ucraina durante il suo discorso inaugurale preregistrato giovedì. “Ci incontriamo in un momento di profonda divisione globale. Abbiamo tutti le nostre posizioni e le nostre opinioni su come superare queste tensioni”. “Le esperienze degli ultimi anni – crisi finanziaria, cambiamento climatico, pandemia, terrorismo e guerra – mostrano chiaramente che la governance globale ha fallito”, ha avvertito Modi. “Dobbiamo tutti renderci conto che il pluralismo oggi è in crisi”. (smu/dpa)