Maggio 20, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

ETF ed ETF: esci dalle azioni russe

DottLa guerra in Ucraina infuria da esattamente una settimana e le Nazioni Unite stanno già contando un milione di ucraini in fuga. Il mercato finanziario è solo un effetto collaterale di questo disastro. I mercati globali sono crollati, il commercio in Russia commercio di azioni ancora appeso. Tuttavia, gli investitori che vogliono ritirare i loro soldi dalle azioni russe devono affrontare il problema di non essere in grado di farlo al momento. Secondo la Borsa di Mosca, alla fine dello scorso anno, gli investitori stranieri di tutto il mondo possedevano azioni russe per un valore di 86 miliardi di dollari.

In Germania, Deutsche Börse ha già sospeso le negoziazioni di vari titoli russi come Gazprom e Rosneft. Anche altre piattaforme di negoziazione che non appartengono al mercato pubblico regolamentato rispettano volontariamente tale requisito. Gli investitori spesso investono indirettamente in azioni russe, attraverso fondi comuni di investimento o fondi indicizzati quotati, ETF (Fondi di investimento negoziati). Tuttavia, gli investitori privati ​​che vogliono vendere i loro soldi con la partecipazione russa possono farlo solo su scala limitata, il più delle volte non lo fanno affatto. Cosa significa esattamente questo per gli investitori e quali fondi sono interessati?

Chiusa la Borsa di Mosca

In Germania sono quasi 40 gestiti attivamente finanza, che investe principalmente in obbligazioni immobiliari russe. Gli investitori che desiderano vendere le proprie azioni nei fondi possono farlo in due modi: restituire le azioni alla società del fondo o venderle in borsa. Le società di fondi sono generalmente obbligate a riscattare le quote. D’altronde fare trading in borsa, cioè nel cosiddetto mercato secondario, difficilmente vale per molti fondi attivi, anche perché la liquidità è molto bassa.

READ  piano di risparmio | Prognosi: ecco come un tedesco su quattro investirà presto i propri soldi

Da quando le negoziazioni sono state chiuse alla Borsa di Mosca, dove è quotata la maggior parte delle azioni russe, da venerdì scorso non c’è più alcuna normale scoperta del prezzo per queste azioni. Per le società di fondi, ciò significa che il valore totale del patrimonio del fondo, o il cosiddetto valore patrimoniale netto (NAV), non può più essere determinato correttamente. Così tante società di fondi che vendono fondi comuni di investimento con un focus sulla Russia hanno sospeso le negoziazioni. Gli investitori che vogliono vendere asset russi per motivi etici sono tecnicamente ancora proprietari, perché il denaro non può essere venduto in questo momento, afferma Dan Kemp, capo degli investimenti presso la società di analisi dei fondi Morningstar.