Febbraio 27, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Epidemia: i bambini lamentano mal di testa e mal di stomaco

Epidemia: i bambini lamentano mal di testa e mal di stomaco

Mancanza di esercizio, molti cellulari e computer per usare i social media, ma scarsi contatti con gli amici: lo hanno riferito genitori e bambini nello studio di Daniela Kasparek, specialista in pediatria e medicina giovanile a Vienna. Ogni giorno in questa pratica di gruppo vengono accuditi fino a 200 bambini. Oltre alla crescente obesità sono aumentati anche i problemi psicologici, che si manifestano anche con mal di testa e dolori addominali.

“Questo dolore è aumentato dal 40 al 60 percento e lo vediamo molto più spesso di quanto non fosse prima della pandemia”, ha detto il pediatra in un’intervista a Ö1. Innanzitutto, vengono sempre chiarite le possibili cause organiche, ovvero viene eseguita un’ecografia dell’addome e un esame del sangue. Ma secondo Kasparek: “Secondo me, la cosa più importante è la conversazione con il bambino e i genitori. Perché il 90 percento del dolore addominale è psicologico”.

esodo di malattie infettive

Altre malattie sono diminuite, come le infezioni virali: “È stato notevole. La pediatria è il cosiddetto business stagionale. Abbiamo il maggior numero di malattie da ottobre a marzo – e questa volta non è stato così”.

Le misure del coronavirus hanno ribaltato la situazione, secondo il pediatra. L’influenza è in gran parte fallita e non si sono verificate ulteriori infezioni durante l’esecuzione delle procedure. “Quando abbiamo aperto le nostre porte, abbiamo lavorato tanto in estate quanto di solito in inverno, quindi è semplicemente cambiato”. In queste fasi molti bambini sono stati gravemente contagiati perché non sono stati esposti alle solite infezioni da molto tempo e il sistema immunitario non è stato allenato come al solito.

Normalizzazione a lungo termine

Daniela Kasparic spera nel rilassamento e nella normalizzazione, ma afferma anche: “Cambiamenti psicologici, aumento di peso, cambiamenti comportamentali: questi sono cambiamenti a lungo termine che devono essere compensati a lungo termine attraverso cure e progetti speciali”.

Dal punto di vista del pediatra, le misure adottate durante la pandemia hanno avuto un impatto maggiore sulla salute dei bambini rispetto alla malattia causata dal virus stesso. E per l’autunno sostiene la vaccinazione dei bambini e l’abbandono a tutti i costi di scuole, asili e impianti sportivi, anche quando emergerà una nuova variante del virus.